Il riavvicinamento sino-iraniano: un nuovo campo d’azione nella guerra economica

di Nathan Crouzevialle.

Maggio 2018, Donald Trump decide di ritirarsi unilateralmente dagli accordi nucleari iraniani, imponendo successivamente nuove sanzioni contro lo Stato persiano, e questo nonostante l’opposizione degli Stati europei. Sulla base di questa strategia, è la Cina che appare qui come un asse di ripiego per la Repubblica islamica.

Come risultato delle relazioni iraniano-americane, la Repubblica islamica si rivolge alla Cina.
Il Medio Impero non ha aspettato fino a più tardi di questa estate per dimostrare la propria disponibilità a firmare uno storico accordo ” Leone-Drago” [1] che prevede investimenti per 400 miliardi di dollari in 25 anni. 280 miliardi di dollari di investimenti per le industrie del petrolio e del gas e 120 miliardi per i trasporti e la tecnologia sono i termini dell’accordo, contro il quale l’Iran accetta di vendere allo stato cinese barili di petrolio a prezzo basso .

È dunque l’Iran che appare come un nuovo campo di scontro, dove si contrappongono due fazioni. Da un lato, un blocco composto dagli Stati Uniti come figura di spicco, accompagnato da paesi europei come Francia, Germania e Gran Bretagna. Dall’altra l’Iran, la Repubblica popolare cinese e, in una certa misura, la Russia. Se questa divisione bipartita può sembrare alquanto semplicistica, resta il fatto che ciascuno dei giocatori finalmente piazza le proprie pedine per evitare un’avanzata avversa.

Vittima dell’extraterritorialità della legge americana, il Paese è vittima di una grave carenza di capitale straniero, essenziale per il suo sviluppo. E mentre il tasso di inflazione e disoccupazione ha raggiunto livelli record in Iran, è sullo sfondo di un nemico comune che nasce un’unione bilaterale [2] [2] con un assaggio di ambizione globale per il Partito Comunista Cinese e regionale per la repubblica islamica. È in una regione storicamente “controllata” dagli Stati Uniti che la Cina dimostra la sua capacità di sfidare lo Stato americano.

Iran: pezzo di scacchi dell’Iniziativa Belt and Road
Belt and Road Initiative o le nuove strade della seta in francese, questo è ciò che detta il gioco cinese. La concreta materializzazione di una forma di imperialismo cinese, il Paese continua ad estendere la sua influenza geopolitica attraverso infrastrutture e ambiziosi accordi commerciali. L’Iran sembra essere la pietra angolare del progetto. È importante notare che l’Iran è il terzo esportatore di petrolio per la Cina, ma è anche più del 60% del petrolio destinato al mercato asiatico che attraversa lo stretto di Hormuz. È quindi comprensibile che la Cina non abbia alcun interesse a far appassire il Paese, anzi.

Lo sviluppo promesso di infrastrutture di trasporto come il porto di Chahbahar – escluso dalle sanzioni statunitensi – o quello di un treno che collegherà direttamente Urumqi nello Xinjiang a Teheran attraverso i quattro paesi dell’Asia centrale (Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Turkmenistan), ovviamente ha senso per l’Iran [3] . Allo stesso modo, anche la Cina, che ora è in grado di produrre centrali nucleari, intende dotare questo Paese di queste tecnologie.

Accordo Cina Iran sottoscritto con Xi Jinping

Inoltre, questo accordo consentirebbe un approccio militare più forte dei due stati. Infatti, per la prima volta nel dicembre 2019, Cina, Iran e Russia hanno effettuato manovre congiunte nell’Oceano Indiano e nel Golfo di Oman al fine di “garantire la sicurezza del commercio internazionale” secondo i comunicati stampa. ufficiale. In realtà, dietro questa dimostrazione di forza, la Cina vuole essere coinvolta in nuove aree di operazioni per garantire la sua influenza per garantire il buon andamento del suo modello di business [4] .

La comunicazione ufficiale non dovrebbe nascondere la realtà [5], sembra ovvio che questa unione di circostanze consente alla Cina di assicurarsi una presenza militare in aree strategiche chiave di influenza, come lo Stretto di Malacca e lo Stretto di Hormuz. La Cina è ormai molto presente nell’area dell’Oceano Indiano dove la sua influenza si fa sempre più pesante per i vari attori. Il medio impero prevede in particolare di costruire una seconda base militare vicino al porto pakistano di Gwadar dopo quella costruita a Gibuti. Questa presenza militare senza precedenti ribalta il prisma americano fino ad allora dominante nella regione e si pone come uno dei principali attori nella regione. È senza dimenticare che l’embargo delle Nazioni Unite sulla vendita di armi all’Iran terminerà il 18 ottobre,

Cooperazione miltare tra Cina e Iran

Questioni monetarie
La Cina sta infatti allestendo un virtuale “ponte” escludendo gli Stati Uniti, approfittando della politica aggressiva portata avanti dal presidente americano contro lo Stato iraniano. Il petrolio esportato sarà pagato tramite scambi di merci, servizi e tecnologie ma anche tramite la nuova moneta elettronica cinese “e-RMB”. Questa nuovissima valuta digitale consente effettivamente a Iran e Cina di aggirare facilmente le sanzioni imposte dagli Stati Uniti, evitando anche qualsiasi vincolo al tasso del dollaro. Inoltre, consentirà a Pechino di promuovere una valuta diversa dal dollaro, diventando così una vera alternativa ai biglietti verdi americani.

Alla fine di questa dimostrazione, sembra che l’Iran si confermi come un importante punto strategico per la Cina. Questo da un lato per proteggere questi siti marittimi e terrestri, ma anche attraverso la sicurezza energetica essenziale per lo stato asiatico. Questa situazione potrebbe molto probabilmente portare a una certa dipendenza economica dell’Iran nei confronti della Cina, ma porta anche a una forte contraddizione all’interno della repubblica islamica. Quest’ultima sostiene di voler esportare la rivoluzione e tutelare i musulmani quindi è interessante notare il suo silenzio sul trattamento riservato agli uiguri. Questo silenzio la dice lunga sulle esigenze di finanziamento dell’economia iraniana.

Sembrerebbe quindi che l’equilibrio di potere sino-americano abbia trovato un nuovo campo di gioco, lo Stato iraniano stretto tra i due egemoni deve fare una scelta difficile. Questa griglia di lettura sotto il prisma della guerra economica ci consente di comprendere meglio le questioni alla base di questo accordo titanico. La Cina come al solito gioca una partita di Go piazzando le sue pedine nella regione per circondare le aree di influenza. Il suo rapporto con l’Iran non è privo di secondi fini [6] .


[1] https://www.courrierinternational.com/article/geopolitique-teheran-et-pekin-main-dans-la-main

[2] https://www.cairn.info/revue-outre-terre1-2011-2-page-519.htm

[3] https://lecridespeuples.fr/2020/07/16/les-sanctions-americaines-poussent-la-chine-et-liran-vers-un-partenariat-strategique/

[4] https://www.revueconflits.com/iran-chine-russie-allies-de-circonstance-michel-nazet/

[5] https://www.lesclesdumoyenorient.com/Entretien-avec-Thierry-Kellner-sur-les-relations-entre-la-Chine-et-l-Iran-les.html

[6] https://www.youtube.com/watch?v=bo5dzWD1tpM&t=754s

fonte: https://infoguerre.fr

Traduzione: Gerard Trousson

1 commento

  • MADRE NATURA
    29 Ottobre 2020

    Strano …qui nessun commento di Hollywood. CINA e IRAN romperanno il culo a chi prende in giro i più deboli.

Inserisci un Commento

*

code