Il Regno Unito: il centro nevralgico segreto del sionismo

di Kit Klarenberg

Il ruolo della Gran Bretagna nel sostenere l’entità sionista
Il 9 febbraio , il ministro della Difesa britannico James Heappey ha informato il Parlamento che gli ufficiali militari israeliani sono ” attualmente… di stanza nel Regno Unito “, sia nella missione diplomatica a Tel Aviv ” che come partecipanti ai corsi di formazione gestiti dalla Difesa britannica “.

Questo accordo, finora rimasto riservato, dimostra ampiamente come, nonostante i recenti appelli di funzionari londinesi che chiedono al governo di Benjamin Netanyahu di mostrare moderazione nel suo genocidio a Gaza – o addirittura di stabilire un cessate il fuoco – il Regno-Unito rimane il centro nevralgico segreto di sionismo internazionale.

Giorni prima, Heappey aveva anche ammesso che nove aerei militari israeliani erano atterrati in Gran Bretagna dopo l’operazione Al Aqsa Flood del 7 ottobre dello scorso anno. Le indagini del sito web indipendente Declassified UK mostrano che aerei della Royal Air Force volavano da e per Israele nello stesso periodo, insieme a 65 missioni di spionaggio lanciate dalla vasta base sconosciuta dell’intelligence militare e dell’intelligence del Regno Unito a Cipro.

Lo scopo di questi voli e le persone e/o le merci trasportate sono un segreto di Stato. Le richieste di libertà d’informazione sono state respinte, il Ministero della Difesa britannico si è rifiutato di commentare e i media locali su questo sono generalmente silenti.

Tuttavia, nel luglio 2023 , i ministri britannici hanno ammesso che l’addestramento del personale militare israeliano da parte del Regno Unito comprendeva assistenza medica sul campo, “ progettazione e concetti organizzativi ” e “ educazione alla difesa ”. Non è chiaro se questa “educazione” abbia contribuito in qualche modo al massacro di oltre 30.000 palestinesi a partire dal 7 ottobre.

SAS britanniche a disposizione di Israele

Presenza militare britannica nella Palestina occupata
Tuttavia, le indicazioni che Londra abbia a lungo fornito una guida molto influente a Tel Aviv nella sua oppressione e sterminio di massa dei palestinesi sono inequivocabili, anche se nascoste in bella vista. Ad esempio, nel settembre 2019 , l’aviazione israeliana ha partecipato a un’esercitazione di combattimento congiunta con le sue controparti britanniche, tedesche e italiane.

A tal fine, gli israeliani hanno schierato aerei da guerra F-15, che hanno bombardato Gaza quasi ogni giorno dal 7 ottobre, distruggendo indiscriminatamente scuole, ospedali, aziende e case e uccidendo innumerevoli persone innocenti.

Un anno prima, nell’ottobre 2022, era stato tranquillamente ammesso in parlamento che Londra mantiene diverso “ personale militare permanente in Israele”, tutti assegnati all’ambasciata britannica a Tel Aviv:

“ Svolgono attività chiave nel campo della difesa e della diplomazia. Il Ministero della Difesa sostiene il programma del Governo di Sua Maestà per il processo di pace in Medio Oriente nei Territori Palestinesi Occupati e in Israele. Questo programma mira a proteggere la fattibilità politica e fisica di una soluzione a due Stati. Per ragioni di sicurezza non riveleremo la posizione e la forza del personale militare ”.

Attività congiunta

Netanyahu e altri funzionari israeliani si sono apertamente e ripetutamente vantati del loro ruolo personale nel bloccare la creazione di uno Stato palestinese. Non si tratta quindi di sicuro di proteggere “la fattibilità politica e fisica di una soluzione a due Stati ”, dal momento che questo progetto chiaramente non è mai stato “praticabile”, in base alla progettazione. Potrebbe trattarsi di “ personale militare permanente ” presente sotto gli auspici di un accordo di cooperazione militare altamente confidenziale firmato nel dicembre 2020 da Londra e Tel Aviv.

Funzionari del Ministero della Difesa britannico descrivono l’accordo come un ” elemento importante della diplomazia della difesa “, che ” rafforza ” i legami militari tra i due paesi fornendo allo stesso tempo ” un meccanismo di pianificazione per le nostre attività congiunte “.

I suoi contenuti tuttavia sono nascosti non solo al pubblico ma anche ai legislatori eletti. Si può solo ipotizzare che l’accordo obblighi la Gran Bretagna a difendere Israele in caso di attacco. Questi sospetti sono rafforzati dalla presenza visibile delle forze d’élite britanniche SAS a Gaza oggi.

Come ha rivelato un’indagine del dicembre 2023 di The Cradle , questo apparente dispiegamento è protetto dal controllo dei media e del pubblico da un avviso D emesso dal Dipartimento della Difesa, così come altri segnali preoccupanti che la Gran Bretagna modella il teatro e prepara il terreno nell’Asia occidentale per un guerra totale, prolungata, estesa a tutta la regione.

Ciò includeva pressioni su Beirut affinché garantisse ai soldati britannici armati completa e illimitata libertà di movimento all’interno del Libano, nonché l’immunità dall’arresto e dal procedimento giudiziario per qualsiasi reato.

L’uscita della monarchia dalla neutralità
Nelle innumerevoli manifestazioni di solidarietà con i palestinesi tenutesi in tutto il mondo dallo scorso ottobre, i manifestanti hanno tenuto striscioni e cartelli che imploravano il presidente degli Stati Uniti Joe Biden di imporre un cessate il fuoco a Gaza, o addirittura di ordinare a Netanyahu di cercare la pace. Si tratta di una richiesta nobile, ma potenzialmente mal indirizzata. Il vero potere per fermare l’attuale spinta di Tel Aviv a portare avanti la missione genocida fondatrice del sionismo potrebbe risiedere non a Washington DC, ma a Londra – più specificamente, a Buckingham Palace.

Dall’inizio dell’assalto militare israeliano a Gaza, la monarchia britannica ha sfacciatamente abbandonato la sua “ neutralità politica ” nei confronti di Israele, il che costituisce un fatto straordinario e largamente trascurato.

Durante i suoi 70 anni di regno, la regina Elisabetta II si è astenuta, almeno pubblicamente, dal commentare gli eventi attuali o dal prendere posizione su qualsiasi argomento. Tuttavia, il figlio recentemente incoronato ha apparentemente, senza clamore, minato questa convenzione di vecchia data.

Filosionisti britannici manifestano a favore di Israele

Re Carlo il sionista
Alcune ore dopo il lancio dell’operazione Al-Aqsa Flood, re Carlo condannò apertamente Hamas, dicendosi ” profondamente angosciato ” e ” sconvolto ” dagli ” orrori inflitti ” dal gruppo di resistenza e dai suoi ” barbari atti terroristici” . Hamas non è riconosciuta come entità terroristica dalla maggior parte dei paesi a livello internazionale, mentre la BBC – che ha incessantemente prodotto il consenso al genocidio di Gaza in ogni fase del processo – rifiuta l’uso di questa designazione.

Negli anni precedenti la sua ascesa al trono, Carlo rese chiaro il suo sionismo , rompendo con la politica tacita di sua madre di non visitare Israele, partecipando segretamente ai funerali degli ex leader israeliani Yitzhak Rabin e Shimon Peres. In quest’ultimo caso, nel 2016 ha visitato anche le tombe di sua nonna, la principessa Alice, e di sua zia, la granduchessa Elisabetta, in un cimitero sul Monte degli Ulivi, nella vicina Gerusalemme, del più grande cimitero ebraico del mondo. Entrambe erano cristiani sionisti.

Il Jerusalem Post ha definito le simpatie sioniste di Charles e i legami familiari con il Monte “un problema per i palestinesi “, affermando che ha una visione chiara di ” chi possiede la città e il paese “. Da parte sua, il Times of Israel lo ha acclamato come “ un amico ” della comunità ebraica “ con legami speciali e storici con Israele ”. Uno di questi “legami” è l’ amicizia intima con l’ex rabbino capo della Gran Bretagna e presidente dell’Appello combinato per gli ebrei israeliani, Jonathan Sacks.

Indottrinamento educativo
Tra gli altri atti di proselitismo, Sacks ha supervisionato e sostenuto una serie di operazioni intese a indottrinare gli scolari di tutte le età al sionismo, spesso sotto il falso ombrello della lotta contro l'”antisemitismo” nelle classi e nei campus.
Quindi forse non è una coincidenza che il Dipartimento per l’Istruzione abbia appena reso noto uno sforzo multimilionario per formare “ personale e studenti ” nelle scuole, nei college e nelle università del Regno Unito a “ identificare e trattare gli episodi di antisemitismo” .

Una nobile impresa, si potrebbe dire. Ma rientra chiaramente nel quadro dei progetti preferiti di Sacks. Uno dei principali obiettivi dichiarati del programma è quello di ” fornire al personale educativo gli strumenti necessari per organizzare e facilitare le discussioni sui conflitti storici e attuali [nell’Asia occidentale] e affrontare la disinformazione (…), inclusa la situazione in Israele dopo l’attacco terroristico attentati del 7 ottobre . Ci si aspetta inoltre che le università “ dimostrino un impegno pratico nei confronti della definizione di antisemitismo dell’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) ”.

Creazione e mantenimento dell’entità sionista
La maggior parte delle università del Regno Unito hanno accettato la controversa definizione IHRA sotto la minaccia diretta del governo di tagliare i propri finanziamenti in caso di rifiuto. La validità e la legittimità della definizione sono state ampiamente contestate, in particolare dall’accademico David Feldman, uno dei suoi autori. Nel 2017, ha espresso seria preoccupazione per il fatto che ” questa definizione è imprecisa “, che equipara falsamente ebraismo e Israele enfatizzando quest’ultimo, e che ” rischia di avere l’effetto complessivo di imporre ai critici di Israele la responsabilità di dimostrare che non sono anti-israeliani” .

Questa iniziativa mira chiaramente a soffocare qualsiasi critica nei confronti di Israele e della sua occupazione, garantendo allo stesso tempo che i giovani britannici siano, fin dalla tenera età, i più formativi e propagandati a suo favore.

Il governo di Sua Maestà crede chiaramente nel futuro di Tel Aviv e si sta impegnando a lungo termine per contribuire a preservare il progetto mefistofelico. Certamente non esiste prova migliore del fatto che l’attuale crisi nell’Asia occidentale sia stata fabbricata a Londra.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Il Regno Unito: il centro nevralgico segreto del sionismo

  1. Probabilmente il male sionista inglese ha origini anche più antiche del Kindertransport, operazione inglese 1939-1943 cui decine di migliaia di minori ebraici furono fatti emigrare segretamente in Inghilterra da tutta Europa per le persecuzioni tedesche. Pare che i malati d’ onnipotenza, già in epoca Vittoriana in cui persero le colonie americane, cominciarono a credere alla leggenda che Giuseppe d’ arimatea avrebbe portato a Glantosbury il santo Graal dalla Palestina. Ergo i maniaci si credono i discendenti del sangue divino, per quello si sono convinti d’ avere diritto divino su Gerusalemme, come i sionisti che sostengono. Ottenebrati nazisti, peggio dei tedeschi perché loro poracci in buon numero alla fine eseguivano ordini. Questi invece in tali bestialità ci credono, d’ essere dominatori divini.

  2. Guardate come si è ridotta la Gran Bretagna …… repubblica delle banane, miseria ovunque e terzo mondo jellato. E questi si considerano vincitori. Ha ha ha ha ha ! Era meglio che Hitler conquistasse la Gran Bretagna, stavano meglio ! Imbecilli !
    Quando al potere ci sono gli IDIOTI INFERIORI, la Rovina è ovunque ! Sono chiassosi, autoreferenziali, si lodano, ma i fatti sono lì a condannarli per la loro scelleratezza e schifezza. Devono essere fatti a pezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM