Il regime nazista di Kiev tenta di interrompere la missione della centrale nucleare dell’AIEA


di Stephen Lendman

Gli intransigenti dominanti del regime di Biden, i loro omologhi vassalli della NATO e i nazisti ucraini che controllano cercano disperatamente di nascondere la realtà su ciò che sta accadendo all’interno e intorno alla centrale nucleare di Zaporozhye.

Vogliono che venga soppressa la prova indiscutibile della responsabilità dell’Ucraina per i ripetuti bombardamenti dell’impianto, quindi la Russia è accusata del suo obiettivo di rilasciare e diffondere radiazioni mortali su gran parte dell’Europa centrale.

Come eseguendo ordine diretto dal padrone degli Stati Uniti, hanno intensificato gli attacchi terroristici sulla centrale nucleare con questo obiettivo diabolico in mente.

Eppure la spazzatura come la seguente persiste, la cosiddetta agenzia energetica statale del regime di Kiev, Energoatom, ha tentato di capovolgere la realtà come segue, dicendo:

“Chiediamo che la Federazione Russa fermi le provocazioni e garantisca all’AIEA l’accesso senza ostacoli all’impianto nucleare ucraino (sic).”

Da parte sua, il direttore dell’AIEA, Grossi, ha affermato che lui e il suo team sono consapevoli dell'”aumento dell’attività militare nell’area (Zaporozhye)”, ma la loro missione continua nonostante tutto.

Secondo le autorità locali, i nazisti ucraini hanno preso di mira la centrale nucleare più di 100 volte nelle ultime 24 ore con proiettili di artiglieria a frammentazione ad alto potenziale esplosivo provenienti dalla comunità di Marganets e UAV kamikaze.

Al momento, non sono state segnalate vittime o perdite di radiazioni.

Secondo il ministero della Difesa russo giovedì:

Intorno alle “6:00 ora di Mosca (3:00 GMT), le truppe ucraine in due gruppi di sabotaggio su sette barche che contano fino a 60 persone sono sbarcate sulla riva del bacino idrico di Kakhovskoye a tre chilometri a nord-est della centrale nucleare di Zaporozhye e hanno tentato di scendere sopra la centrale”.

“(M) sono state prese misure per distruggere il nemico, compreso (mediante) l’uso dell’aviazione militare.”

“Dalle 8:00 ora di Mosca (5:00 GMT), gli ucraini (nazisti) hanno bombardato il luogo dell’incontro della missione dell’AIEA nell’area della città di Vasylivka e la centrale nucleare di Zaporozhye”.

“Quattro proiettili sono esplosi a una distanza di 400 metri dal primo propulsore”.

Le ultime “provocazioni” del regime (riguardano tutte il volere) che la missione dell’AIEA presso la centrale nucleare di Zaporozhye ha sabotato e “deviato (ndr)”.

Secondo una dichiarazione dell’AIEA Office of Public Information and Communication:

La missione guidata da Grossi presso la centrale nucleare di Zaprozhye riguarda la “protezione della sicurezza e della protezione del più grande impianto nucleare dell’Ucraina e dell’Europa”.

Il team dell’agenzia “aiuterà a garantire la sicurezza e la protezione nucleare presso…l’impianto e intraprenderà attività di salvaguardia vitale”.

“Valuterà i danni fisici alle strutture, determinerà la funzionalità dei sistemi di sicurezza e protezione principali e di backup e valuterà le condizioni di lavoro del personale della sala di controllo”.

“Allo stesso tempo, la missione intraprenderà attività urgenti di salvaguardia per verificare che il materiale nucleare sia utilizzato solo per scopi pacifici”.

Non ci sono ambiguità sulla protezione russa della struttura e su come sta operando il personale ucraino: per generare elettricità da solo, niente per scopi non pacifici.

Secondo il funzionario della regione di Zaporozhye, Vladimir Rogov, giovedì:

“(A) La squadra d’assalto ucraina ha tentato di sbarcare nelle vicinanze di Energodar.”

Ha “attraversato il Dnepr (fiume) e ha tentato (ndr) di stabilire un punto d’appoggio sulla riva”.

“Questa è una sorta di disperazione quando si rendono conto che l’AIEA non starà in silenzio”.

“Sono fiducioso che ci siano persone tra i membri della delegazione che adempiranno ai loro obblighi” mettendo le cose in chiaro su quello che sta succedendo.

Separatamente giovedì, il capo dell’amministrazione militare-civile di Energodar, Alexander Volga, ha sottolineato quanto segue:

Le forze aeree e di terra russe hanno sventato la diabolica missione dei nazisti ucraini.

L’operazione per eliminare la minaccia che rappresentano “finirà presto”.

Mercoledì, la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha spiegato quanto segue:

“Da parte russa si sta facendo tutto il necessario e anche di più”.

“Ci stiamo lavorando da tre mesi, negoziando il viaggio (dal) 3 giugno, così come l’ispezione, la composizione della squadra, i tempi e il percorso, in modo che la missione, guidata dal Direttore Generale dell’AIEA Rafael Grossi, aveva pianificato tre mesi fa, finalmente potrebbe aver luogo (in sicurezza) e completare tutti i suoi obiettivi presso la centrale.

“Ci aspettiamo che il (team) esamini la situazione sul campo e in ogni dettaglio, valuti le conseguenze degli attacchi disumani ucraini agli oggetti e alle strutture situati in questo sito…”

Zakharova ha anche sottolineato che è essenziale per il team “assicurarsi che le informazioni fornite dalla parte russa quasi quotidianamente sulla situazione sempre più pericolosa alla centrale nucleare” siano valutate e riportate in modo accurato.

Che “il regime di Kiev e le sue forze” sono responsabili di quello che sta succedendo, chiaramente non la Russia.

E questo da Zakharova:

Il regime di Kiev “tenta di (sventare) i progressi (della missione AIEA) (mediante) attacchi intensificati contro (la centrale nucleare, inclusa), l’uso di armi pesanti negano tutte le (dichiarazioni fantoccio di Zelensky sul volere) una visita (agenzia) di successo…”

Mercoledì, la squadra è arrivata nella città di Zaporozhye.

In pericolo perché gli intransigenti del regime di Biden ei nazisti ucraini vogliono che la loro missione venga sventata, gli attacchi terroristici dell’artiglieria e dei kamikaze continueranno senza tregua?

Le forze russe sono all’interno e intorno alla centrale nucleare per proteggerla dagli attacchi diretti dagli Stati Uniti/implementati da Kiev faranno sicuramente tutto il possibile per aiutare i membri del team dell’AIEA a svolgere la loro missione con successo e in sicurezza.

Fonte: Stephen Lendman

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 14:15h, 02 Settembre Rispondi

    Gli psicopatici nazisti si rendono conto che verrebbero spazzati via pure loro?? Il gioco ne vale la candela? Attaccare una centrale nucleare per incolpare la Russia, e distruggere l’Ucraina e i paesi limitrofi che senso ha?

  • Giorgio
    Inserito alle 17:43h, 02 Settembre Rispondi

    Il servilismo atlantista è un gravissimo virus che provoca gesti di puro autolesionismo nei paesi colpiti ….

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 19:26h, 02 Settembre Rispondi

    Quei signori di Kiev sostengono che i russi colpiscono una cosa che hanno in mano ; ma quale cretino agisce in questo modo ? Significa che i sedicenti dirigenti ucraini sono disperati, ma non si sono ancora rassegnati a prendere gli aerei privati che li attendono per scappare negli States

  • Alex Nodor
    Inserito alle 19:52h, 02 Settembre Rispondi

    Basterebbe ai russi dichiarare che in caso di contaminazione radioattiva per sabotaggio o bombardamenti ucraini; immediatamente invieranno missili nucleari su Kiev, Leopoli e capitali europee e Usa. Ovvero radioattivi per radioattivi, che lo sia il mondo intero. La manfrina e le reclamazioni russe, non servono a niente, questi stupratori Nato & Co, capiscono solo il dolore e morte su di loro.

  • Sarabanda 82
    Inserito alle 07:40h, 03 Settembre Rispondi

    Rivoltiamo la medaglia se i Russi si lasciano bombardare vuol fire che non hanno il controllo del territorio semplice se lo predino così non ci sarà più nessun bombardamento. Cosa non hanno la volontà i mezzi ci vogliono i fatti non le ciance.

Inserisci un Commento