Il Regime di Netanyahu segretamente arma e finanzia dodici o più gruppi terroristici in Siria

di Stephen Lendman (*)

Il 6 settembre, Foreign Policy (FP), un media istituzionale USA, ha discusso il “programma segreto israeliano per sostenere i ribelli siriani” – nome in codice per i terroristi, sostenuto dai regimi Trump e Netanyahu, insieme alla NATO e agli stati regionali anti-Assad, compresa la Turchia . Vedi: Inside Israel’s Secret Program to Back Syrian Rebels

Durante la guerra di Washington in Siria, giunta alla sua ottava edizione, falsamente chiamata identificata come “guerra civile”, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno cercato il cambio di regime – volendo instaurare un governo fantoccio filo-occidentale che sostituisse l’indipendenza sovrana siriana, così come isolare l’Iran davanti a un complotto per rovesciare il suo governo legittimo.

Ecco in cosa consiste l’imperialismo, cercare il dominio su altri paesi, la pura aggressione e una strategia che favorisca i cambi di regime.

Il rapporto di FP è stato ripreso da Haaretz, dal Times of Israel e da altri media israeliani.

Secondo FP,

“Israele ha armato e finanziato segretamente almeno 12 gruppi ribelli nel sud della Siria che hanno contribuito a impedire che l’Esercito siriano e combattenti Hezbollah sostenuti dall’Iran prendessero posizioni vicino al confine israeliano negli ultimi anni, secondo più di due dozzine di comandanti e graduati membri di questi gruppi. ”

Fatto: l’Iran ha consiglieri militari in Siria, non truppe da combattimento, per aiutare Assad a combattere i terroristi supportati dagli Stati Uniti. La Repubblica islamica non minaccia altri paesi, non Israele o altri.

Alleanza di convenienza: Israele sostiene il gruppo terroristico ISIS della Siria
Fatto: Israele sostiene attivamente l’ISIS, al-Nusra e altri gruppi terroristici in Siria – in combutta con Washington per rovesciare Assad.

Fatto: per loro stessa ammissione, gli aerei israeliani hanno bombardato siti siriani più di 200 volte negli ultimi 18 mesi – alleati con i terroristi e con l’aggressione degli Stati Uniti per il cambio di regime.

Fatto: Israele dà aiuto e conforto ai terroristi di Al Qaeda, anche curando i feriti in un ospedale da campo in prima linea sulle alture del Golan.

Fatto: continua il sostegno israeliano per i terroristi in Siria. Lo stesso vale per Washington e gli altri suoi partner imperiali.

Secondo FP, Israele ha fornito terroristi in Siria con armi, salari mensili e altro sostegno materiale.

Il regime di Netanyahu ha mentito, ripetutamente affermando che Israele non è coinvolto nel conflitto siriano. Rimane molto coinvolto, soprattutto in vista di ciò che sembra essere la madre di tutte le battaglie nel paese per liberare la provincia di Idlib da migliaia di miliziani di al-Nusra e altri terroristi. [60.000 secondo recenti stime dell’ambasciatore russo presso l’ONU, AFP, 8 settembre 2018]

Durante gran parte della guerra, le forze siriane hanno ritrovato armi leggere e pesanti fornite dagli stranieri in aree liberate dai terroristi- comprese quelle statunitensi e israeliane.

Secondo FP, Israele ha fornito terroristi in Siria con fucili d’assalto, mitragliatrici, lanciamissili e veicoli – aumentando il sostegno negli ultimi mesi rispetto all’anno scorso.

Terroristi Al Nusra armati da Israele

Un terrorista senza nome citato e citato da FP ha detto che i combattenti anti-Assad si aspettavano che l’intervento israeliano diretto li aiutasse e li proteggesse, aggiungendo:

L’incapacità di Israele di farlo “è una lezione che non dimenticheremo … (Lo stato ebraico) non interessa a … le persone. Non gli importa dell’umanità. Tutto ciò che importa sono i suoi interessi. ”

Un “leader della comunità” senza nome ha detto a FP:

“Fidati di me, Israele rimpiangerà il suo silenzio su ciò che è accaduto nel sud della Siria”.

“Siamo nella nostra città e nelle città vicine a malincuore riconciliati con il regime, ma questa riconciliazione interesserà Israele nel prossimo futuro”.

Elizabeth Tsurkov della FP ha detto di aver intervistato oltre due dozzine di membri di gruppi “ribelli” in Siria per preparare il suo rapporto, dicendo:

“Israele ha cercato di mantenere segreto il suo rapporto con i gruppi. Anche se alcune pubblicazioni lo hanno riferito, le interviste sulla politica estera condotte con membri della milizia (sic) per questa storia forniscono il resoconto più dettagliato del sostegno di Israele a questi gruppi “.

Armi e munizioni israeliane nei depositi dell’ISIS

“Tutti i combattenti hanno parlato a condizione che i loro nomi e fazioni non venissero rivelati”, aggiungendo:

“Un portavoce dell’ambasciata israeliana a Washington ha rifiutato di commentare questa storia”.

È un segreto di Pulcinella che Washington e Israele si associano reciprocamente nelle guerre di aggressione.

Entrambe le nazioni vogliono che la mappa del Medio Oriente sia ridisegnata, la pura e le rivoluzioni colorate siano le loro strategie preferite per raggiungere i loro obiettivi.

Le tattiche includono il desiderio di ottenere, nei paesi presi di mira, che siano  suddivisi in più unità territoriali per un controllo più facile, in particolare Iraq, Siria e Libano.

I paesi del Medio Oriente hanno oltre la metà delle riserve di petrolio provate del mondo. Negli anni ’40, il Dipartimento di Stato chiamò l’accesso a loro una “stupenda fonte di potere strategico e uno dei più grandi premi materiali nella storia del mondo”.

Le guerre del nuovo millennio riflettono la strategia di Washington per il controllo di questa risorsa vitale. Non hanno nulla a che fare con la protezione della sicurezza degli Stati Uniti.

Affrontare le scarse risorse aumenta la possibilità di guerre infinite per assicurarle: in Medio Oriente e altrove, il Venezuela è un obiettivo primario per il cambio di regime con tutto ciò che serve per sostituire il governo con un governo fantoccio filo-occidentale.

*Stephen Lendman vive a Chicago. Può essere raggiunto a lendmanstephen@sbcglobal.net .

Il suo nuovo libro come editore e contributore è intitolato “Flashpoint in Ucraina: US Drive for Hegemony Risks WW III.”

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • Fabio Franceschini
    14 settembre 2018

    Il segreto di pulcinella

  • atlas
    14 settembre 2018

    farla finita una volta per tutte con questa gentaglia e il mondo avrà benessere, prosperità, serenità e pace

  • Animaligebbia
    15 settembre 2018

    Segretamente?Ma davvero?

Inserisci un Commento

*

code