Il Regime Biden e la Guerra alla Russia

di Stephen Lendman

Di gran lunga più incautamente pericoloso dei suoi predecessori, il regime illegittimo di Biden sta conducendo la guerra su più fronti.

In patria e all’estero, si sta facendo di tutto per distruggere la salute pubblica con colpi mortali, insieme alla libertà con diktat draconiani che solo i tiranni potrebbero amare.

Sulla scena mondiale, la sua Guerra Fredda con la Cina rischia di infiammarsi per il sostegno a Taiwan e gli sforzi per minare Pechino politicamente, economicamente, tecnologicamente e militarmente.

Lo stesso vale per la sua guerra all’Iran con altri mezzi, incluso il suo rifiuto di conformarsi alle disposizioni del JCPOA imposte dal diritto internazionale.

In cima alla lista delle minacce globali in questo momento c’è l’escalation della guerra del regime di Biden contro la Russia con altri mezzi che rischia di diventare calda mentre i suoi estremisti dominanti spingono le cose per il conflitto.

Lunedì, il viceministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov ha criticato le sue azioni ostili dicendo:

Potenziato “i (i) malvagi (negli Stati Uniti) non smettono mai di cercare di contenere lo sviluppo del nostro paese, di influenzare la nostra politica interna ed estera mediante sanzioni, ricatti e guerra dell’informazione”.

Il regime di Biden “sta spendendo ingenti fondi per destabilizzare la situazione in Russia” e in tutta l’Europa centrale.

Quello che sta succedendo è indebitamente giustificato dal falso pretesto di “contribuire a rafforzare le istituzioni democratiche e la società civile (sic)”.

“Grandi soldi vengono stanziati per finanziare progetti che promuovono proteste e sentimenti separatisti”.

“In particolare, viene fatto con il pretesto di protezione ambientale, sforzi anticorruzione, garanzia di uguaglianza di genere e diversità etnica e culturale”.

La “propaganda e disinformazione” anti-russa degli Stati Uniti è intensa, superando la peggiore retorica della guerra fredda di molto tempo fa.
Lunedì, il portavoce del dipartimento di guerra del regime di Biden, John Kirby, ha ripetuto la grande bugia sulle forze russe mobilitate lungo il confine con l’Ucraina.

Ha falsamente accusato Mosca di “aggiungere gruppi alle sue forze (sic)”.
“Da un po’ di tempo osserviamo con grande preoccupazione questi movimenti (sic).

Ancora una volta, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha messo le cose in chiaro, nello sfatare le grandi bugie di cui sopra con un avvertimento.

Insieme ai suoi sottomessi partner imperiali, la guerra verbale del regime Biden potrebbe essere una copertura per i piani per intensificare la guerra calda lungo il confine della Russia che potrebbe riversarsi nel suo territorio e diventare qualcosa di molto più serio.

Dmitri Peskov, portavoce russo

Preoccupante è anche la legislazione ucraina per il dispiegamento di truppe straniere sul suo territorio, il che significa che quelle della NATO dominate dagli Stati Uniti saranno posizionate lungo il confine con la Russia.

Le politiche geopolitiche statunitensi non sono collegate alla difesa. Parlano di offensive contro nemici inventati.
La loro guerra alla Russia con altri mezzi include l’espulsione ingiustificata dei suoi diplomatici – 27 ordinati entro il 30 gennaio, altri 27 entro il 30 giugno.

L’inviato russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov non ha usato mezzi termini, affermando che “i nostri diplomatici vengono cacciati” dal regime di Biden, aggiungendo:

“Stiamo affrontando una grave carenza di personale”.
“Ai coniugi di alcuni dei nostri colleghi diplomatici è stato tolto l’accreditamento”.
“Ai bambini viene negato il visto”.

La politica maligna del regime di Biden “separa le famiglie dei diplomatici russi”.
“L’atmosfera (negli Stati Uniti) è avvelenata dalla russofobia, cioè nei media, nel Congresso, nel “regime al potere”.

Con premeditazione, gli estremisti dominanti del regime di Biden stanno “limitando il diritto sovrano della Federazione Russa di prendere decisioni sul personale rispetto alle sue missioni diplomatiche a propria discrezione”.

Mosca “sta per un dialogo onesto e rispettoso su tutte le questioni irritanti per i visti”.
“La parte russa sostiene un completo e reciproco annullamento di tutte le restrizioni (inaccettabili)”.

L’interventista Blinken e i portavoce che lo rappresentano stanno deliberatamente “ingannando (ingannando) il pubblico americano e internazionale distorcendo i fatti”.

Domenica, il capo fantoccio della NATO Stoltenberg, installato dagli Stati Uniti, ci ha riprovato.

Imitando la voce del suo padrone, ripetendo la Grande Menzogna sulle forze russe lungo il confine con l’Ucraina, ha minacciato ancora una volta la Russia di “costi e conseguenze” per niente.
Lunedì, l’inviata in Ucraina dello stato vassallo degli Stati Uniti, la Germania , Anka Feldhusen, ha dichiarato che le operazioni del Nord Stream 2 saranno ritardate di altri sei mesi.

Berlino affamata per le forniture di gas russo di cui ha un disperato bisogno, specialmente durante i mesi freddi, non è abbastanza affamata da mettere in priorità bisogni interni sulla guerra egemone degli Stati Uniti contro la Russia con altri mezzi che continuano a diventare caldi.

Fonte: Stephen Lendman

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 01:26h, 01 Dicembre Rispondi

    è un cadavere che farfuglia

  • La soluzione
    Inserito alle 06:52h, 01 Dicembre Rispondi

    Gli hanno iniettato la sesta dose di vaccino. Delirante.

  • atlas
    Inserito alle 08:00h, 01 Dicembre Rispondi

    intanto i giudei sono nel panico per le armi russe che li attaccano.

    subito dopo che i caccia ebrei avevano attaccato la Siria si è scoperto che i sistemi di bordo sono stati disabilitati a distanza, e che i sistemi di bordo dei caccia F-15 e F-16 sono stati soggetti a interferenze esterne. In particolare si tratta di un malfunzionamento nei sistemi di posizionamento globale. Inoltre le modifiche sono state associate a un aumento artificiale dell’altitudine di volo dell’aeromobile. Di conseguenza, uno dei caccia si è quasi schiantato, e i voli di tutti i caccia sono stati interrotti.

    Al momento, tutti i voli di addestramento degli ebrei sono ancora interrotti. La chiave è che durante le manovre a bassa quota, il pilota può semplicemente schiantarsi contro una montagna o scontrarsi con il suolo. Anche i sistemi di allarme di emergenza non funzionano.

    Tra le altre cose anche le operazioni militari sono minacciate, poiché anche il funzionamento dei sistemi di guida dei missili da crociera è interrotto

    https://avia.pro/news/v-izraile-panikuyut-iz-za-zagadochnogo-rossiyskogo-oruzhiya-atakovavshego-izrailskie

    ottime notizie di primo mattino

    • Giorgio
      Inserito alle 08:47h, 01 Dicembre Rispondi

      Queste notizie sono una iniezione di fiducia ………..
      Morte al regime democratico finanziario sanitario globalista, ai governi suoi servi e all’entità sionista ………

  • Enriquelosroques
    Inserito alle 10:53h, 01 Dicembre Rispondi

    Bidet non decide nulla. Non ha le capacità. Non sta manco in piedi…

    • Bobo merenda
      Inserito alle 19:21h, 01 Dicembre Rispondi

      Esatto ENRIQUELOSROQUES, è solo il burattino mosso dai soliti ex ignoti

Inserisci un Commento