Il recupero di 4 prigionieri non cambia il fallimento delle Foi a Gaza: Hamas

In un comunicato, Hamas ha affermato che il recupero di quattro prigionieri israeliani non è un risultato, poiché i suoi combattenti potrebbero catturarne altri, proprio come hanno fatto a Jabalia.

Il movimento di resistenza Hamas ha affermato sabato che l’annuncio da parte dell’esercito israeliano del recupero di numerosi prigionieri, dopo otto mesi di aggressione in cui ha utilizzato tutti i mezzi militari, tecnologici e di sicurezza e ha commesso ogni tipo di crimine, dai massacri al genocidio, la fame e l’assedio “non cambieranno il suo fallimento strategico nella Striscia di Gaza ”.

In una dichiarazione, Hamas ha sottolineato che sta ancora detenendo un gran numero di prigionieri, sottolineando che potrebbe aumentare il numero dei prigionieri, proprio come ha fatto durante l’ultima operazione nel campo profughi di Jabalia a fine maggio.

“La nostra coraggiosa Resistenza, e le persone salde che la sostengono, hanno ottenuto le vittorie più incredibili nella battaglia contro la sconsiderata aggressione sionista, sostenuta dalle potenze del male e della violenza, e si sono assunti la responsabilità di continuare il suo cammino, con tutta determinazione e sfida finché non verrà sconfitto e i suoi obiettivi vanificati”, si legge nella dichiarazione.

Ostaggi liberati

In questo contesto, il movimento della Resistenza ha reso omaggio ai suoi combattenti “che hanno sfidato le forze d’invasione d’occupazione e le hanno affrontate coraggiosamente per ore nel campo profughi di Nuseirat e nel centro di Gaza, eliminando i loro ufficiali e soldati terroristi, gli assassini di donne e bambini”.

Hamas ha anche risposto alle notizie dei media israeliani e americani che confermavano la partecipazione degli Stati Uniti all’odierna “operazione criminale”, annunciando che essa “dimostra ancora una volta il ruolo complice dell’amministrazione statunitense , la sua piena partecipazione ai crimini di guerra commessi a Gaza, e la sua ingannevole posizione pubblica riguardo alla situazione umanitaria e alla preoccupazione per le vite dei civili.”

Concludendo il suo comunicato, Hamas ha esortato le masse arabe e musulmane e i popoli liberi del mondo a “maggiori pressioni e a un’escalation della mobilitazione contro l’aggressione e il genocidio a Gaza”, chiedendo alla comunità internazionale e alle Nazioni Unite di prendere una ” presa di posizione reale” dai crimini prolungati che hanno “devastato l’umanità e parlato al mondo, con suoni e immagini”, per lavorare per porvi fine e perseguire penalmente gli autori dei loro omicidi a sangue freddo di bambini e civili.
Fonte:
Al Mayadeen inglese
Traduzione: Fadi Haddad

4 commenti su “Il recupero di 4 prigionieri non cambia il fallimento delle Foi a Gaza: Hamas

  1. Ne hanno uccisi, loro connazionali, sotto le bombe una ventina e qualcuno osa definirlo un successo. 4 ostaggi liberati??? Ma ci siete o ci fate???? Senza considerare il massacro di quasi 40 Milà adulti e bambini innocenti. Non pensatelo neanche per scherzo. Siete offensivi per l’ intelligenza umana!

    1. Caro Lollo non riesci a capire il concetto la determinazione il fine, loro vogliono vincere costi quel che costi x loro contano i fatti, da una parte vanno apprezzati anche se certe azioni sono esecrabili. Non come i Russi che in Ucraina cincishiano senza cavare un ragno dal buco.

      1. Ciao Sarabanda ti rispetto e saluto ma non condivido. Confondi la determinazione, in cui i russi sono d’ esempio da sempre, con ostinazione stupida e truculenta. Per me Israele non ha ottenuto e non otterrà nulla con tali massacri. Se non farsi dei nemici eterni e sempre più ostili. Io depreco ed odio Israele e gl’ Usa per quello che fanno, se Mosca si comportasse come loro non ne vedrei la differenza e la superiorità. Morale e militare. Un cavaliere non sarà mai uguale ad un tagliagole.

  2. I sionisti spacciano per successo la “liberazione” di 4 ostaggi ! Ma quale liberazione, il loro metodo per trovare gli ostaggi consiste nel bombardare a casaccio scuole, ospedali, tendopoli, e ammazza oggi, ammazza domani, tra 40 mila palestinesi uccisi, qualche ostaggio lo hanno trovato, anzi ne hanno trovato decine, ma morti e sepolti sotto le macerie causate da loro stessi ! Ci risulta, invece, che nessun ostaggio sia stato ucciso da Hamas mentre era nelle loro mani !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM