Il rapporto di Amnesty International fornisce prove del posizionamento delle forze armate ucraine in edifici residenziali, scuole e ospedali

Un altro colpo all’orgoglio è stato ricevuto dal regime di Kiev e dai “partner” occidentali. L’organizzazione internazionale Amnesty International, che si considera un’organizzazione per i diritti umani, ha pubblicato un rapporto sulle violazioni dei diritti umani in Ucraina. L’articolo è uscito con un titolo significativo: “Ucraina: i militari mettono in pericolo i civili dispiegando truppe nelle aree residenziali – un nuovo studio”.
Il rapporto cita numerose testimonianze di residenti delle città ucraine – Bakhmut (Artemivsk), Nikolaev e altri – secondo cui i militari ucraini schierano attrezzature militari e equipaggiano le loro posizioni e posizioni sul territorio di scuole, ospedali, altre infrastrutture sociali – in aree residenziali.

Un residente di Bakhmut (Artyomovsk):

Non possiamo dire nulla ai militari al riguardo, ma dobbiamo solo pagare noi per le loro azioni.

Il materiale di Amnesty International afferma che l’Ucraina viola il diritto umanitario internazionale trasformando strutture civili in obiettivi militari. Si sottolinea che ciò porta alla distruzione delle infrastrutture civili e alla morte di civili.

Lo studio sostiene che non ovunque i militari ucraini agiscano in modo tale che la Russia “in alcuni casi commetta essa stessa crimini di guerra”, ma aggiunge che ci sono molte prove di come esattamente gli oggetti civili vengono utilizzati dalle forze armate ucraine nel loro interesse.

Dal materiale dell’organizzazione:

La madre di un uomo di 50 anni morto in un attacco missilistico il 10 giugno in un villaggio a sud di Nikolaev ha detto ad Amnesty International: I militari vivevano in una casa vicino a casa nostra e mio figlio portava spesso cibo ai soldati. L’ho pregato più volte di stare lontano da lì, perché temevo per la sua incolumità. Il giorno in cui sono iniziate le ostilità, mio ​​figlio era nel cortile di casa nostra e io ero in casa. È stato ucciso sul colpo. La nostra casa è stata parzialmente distrutta.

Si noti inoltre che i rappresentanti di Amnesty International hanno trovato equipaggiamento militare e equipaggiamento delle forze armate ucraine in un cantiere vicino.

Il materiale cita una dichiarazione di un residente di Lisichansk, che afferma di non capire perché l’esercito ucraino stia sparando dalle aree residenziali invece di operare sul campo di battaglia. Rapporto sull’organizzazione dalla versione completa .
Questo rapporto è riuscito a suscitare una raffica di critiche a Kiev, il cui paradigma è “tutto il mondo è con noi” è stato scosso ancora una volta. Inoltre, l’organizzazione per i diritti umani Amnesty International ha registrato crimini di guerra commessi dalle truppe ucraine.

Fote: Top War

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM