Il rafforzamento della Cina apre nuove opportunità per la Russia e il mondo

Indipendentemente dallo stato di salute di Joseph Biden, l’amministrazione statunitense continuerà la sua linea anti-russa. Lo ha spiegato il vicepresidente del Comitato centrale del Partito comunista della Federazione Russa Dmitry Novikov il 22 marzo durante la trasmissione NTV . Meeting Place . Questo rapporto di un programma televisivo mostra un certo consenso tra i relatori.
Il primo è la consapevolezza che il mondo si trova in un momento storico di sconvolgimento quando la grande domanda è la capacità di un’alleanza Cina-Russia di essere in grado di resistere all’aggressione degli Stati Uniti. Contando anche sui potenziali alleati, in America Latina in particolare. Il secondo è, nonostante il servilismo dei media occidentali, che influenzano l’opinione pubblica negli Stati Uniti con un presidente che non ha più coscienza, con una squadra e una vicepresidenza molto aggressiva che non ha saputo fare altro che insultare la Cina. Infine, la necessità di una certa unità nazionale russa in tali circostanze ~ (Danielle Bleitrach)


Il già difficile rapporto tra Mosca e Washington si è ulteriormente deteriorato dopo gli attacchi ingiuriosi del presidente Biden. Questi ha chiamato la sua controparte russa un “killer”. In risposta, Vladimir Putin ha augurato a Biden buona salute e si è offerto di avere una discussione aperta.

In questo contesto, la stampa americana indica la possibilità di un’imminente sostituzione di Biden con il vicepresidente Kamala Harris. Il motivo sono i problemi di salute del presidente. Ciò è stato confermato dall’incidente con la salita sull’aereo, quando Biden è inciampato ripetutamente. “Il fatto che Biden sia caduto tre volte in passerella è la migliore illustrazione del fatto che Vladimir Putin non stava rischiando nulla proponendo un dibattito”, ha osservato Dmitry Novikov. “Se Biden avesse acconsentito, il che è improbabile, Putin avrebbe vinto questo dibattito. Biden ha rifiutato, che è stata anche una vittoria per Putin ”.

Riferendosi alla personalità del Vicepresidente Kamala Harris, il Vicepresidente del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa ha ricordato le proprie sentenze, formulate durante la campagna elettorale negli Stati Uniti: “Già allora, ho suggerito di prestare attenzione a questa persona. Il punto è che se Trump avesse vinto, capiremmo che questa è la vittoria di una certa persona. Sì, ci sono strati sociali, gruppi di popolazione dietro di lui, ma questa sarebbe anche la vittoria personale di Trump. In questo caso, non è la vittoria di un individuo, ma di una squadra. Ha vinto un certo “Biden collettivo”, all’interno del quale non tanto Biden stesso quanto Kamala Harris “governa” la situazione.
Se guardi più da vicino, ogni squadra ha fianchi, gruppi, sfumature politiche diverse. Pertanto, all’interno della squadra di Biden, e per quanto anti-russa possa essere questa squadra, Kamala Harris ha posizioni russofobe particolarmente estreme. Sia che tra un anno sia ufficialmente Presidente degli Stati Uniti o che sia nell’ombra, il corso generale della Casa Bianca non cambierà radicalmente ”, ha detto Novikov.

Dmitry Georgievich ha definito molto serie e valide le valutazioni delle pubblicazioni statunitensi sulla salute di Biden e le prospettive della sua sostituzione con Kamala Harris. “La stampa in questo caso sta solo registrando i fatti. Nessuno offre niente. Rivelano solo ciò che abbiamo già previsto qui in studio “, ha detto.

Secondo Novikov, Joe Biden ha dato solo il suo cognome alla sua squadra, mentre il suo ruolo all’interno del “collettivo Biden” è minimo. “Ma, ha continuato, queso non cambia il fatto che quando il presidente americano si trova in tutta la sua coscienza, agisce anche in una logica anti-russa”.

Summit Cian USA in Alaska

Il programma ha anche toccato i colloqui sino-americani ad Anchorage. La delegazione statunitense guidata dal Segretario di Stato Anthony Blinken ha gravemente violato il protocollo attaccando immediatamente Pechino con le accuse. Prima che la parte cinese reagisse, gli americani chiesero ai giornalisti di lasciare la sala conferenze. Tale insolenza è stata chiamata “diplomazia diretta” a Washington.

Il politologo Viktor Olevich ha espresso l’opinione che la Cina non sia in grado di rispondere in modo proporzionato e si limiterà ad articoli arrabbiati sulla sua stampa. Dmitry Novikov non è d’accordo con questa valutazione: “Non puoi separare l’economia dalla politica, anche se qualcuno lo vuole davvero. La Cina si comporta educatamente sulla scena mondiale, ma con piena consapevolezza di essere una grande potenza non solo nella sua cultura, ma anche nel suo potenziale economico. Devo dire che questo offre nuove opportunità alla Cina stessa, alla Russia e al mondo intero ”.

Secondo il vicepresidente del Comitato centrale del Partito comunista della Federazione russa, giovedì prossimo alla Duma di Stato si terrà una riunione della Commissione per gli affari internazionali. L’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov è stato invitato a partecipare. “Offrirà la sua visione della situazione. Oggi, sulla scena internazionale, si è davvero delineata una situazione fondamentalmente nuova. Capiamo, ovviamente, che secondo la Costituzione e altri documenti, la politica estera è una prerogativa del Presidente della Federazione Russa. Ma se prendiamo sul serio il futuro del paese, dobbiamo prendere parte attiva alla discussione su quanto nuova sia la situazione e su come la Russia dovrebbe comportarsi ora. Tutti i deputati sono pronti per una simile discussione.

Intesa Russia Cina

Riferendosi ai colloqui di Anchorage, ha sottolineato che gli americani avevano ricevuto una risposta adeguata e che Pechino non tollerava silenziosamente pressioni aperte. Dmitry Georgievich ha anche risposto al giornalista statunitense Edward Opp, che ha detto che l’Occidente è semplicemente costretto a rispondere alla situazione di Hong Kong e nel Mar Cinese Meridionale. “A cosa dovrebbe reagire la Cina?” – ha chiesto Novikov – Ai “gilet gialli” in Francia o alle elezioni truccate negli Stati Uniti? Anche il vicepresidente del Comitato centrale del Partito comunista della Federazione Russa non è d’accordo con le valutazioni secondo cui l’alleanza tra RPC e Russia è insufficiente per resistere all’alleanza guidata da Washington: “La Cina sta lavorando attivamente in America Latina. Abbiamo anche molti contatti lì. Se li usiamo insieme, avremo un ampio fronte con la partecipazione di un certo numero di paesi dell’America Latina. Dobbiamo solo lavorare con competenza in questa direzione “, ha detto Dmitry Novikov.

Infine, il rappresentante del Partito Comunista ha chiesto una valutazione misurata delle possibilità di pressioni occidentali su Pechino. Commentando il discorso di Olevich, assicurando che la Cina dipende dal mercato occidentale, Novikov ha sottolineato che la Cina sta cercando di espandere il suo mercato interno, il più grande del mondo: “Questo è il motivo per cui la Cina ha ora annunciato l’istituzione di un nuovo modello economico di “Doppia circolazione”. Pechino risolve i problemi che deve affrontare e li risolve con successo! ”

di Sergey Kojemiakine.


Fonte: https://histoireetsociete.coF

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 19:21h, 26 Marzo Rispondi

    Anche la terribile anti russa e anti cinese Kamala Harris è una tigre di carta …… anzi carta straccia, come la loro moneta, il dollaro, che si fonda sul nulla ………. e quando si farà sul serio, lei e gli usa, pur infliggendo mille sofferenze al resto del mondo, verranno sistemati a dovere ……

  • Mardunolbo
    Inserito alle 01:01h, 27 Marzo Rispondi

    uffa, sempre con elogi alla Cina atea ed omicida ! Mai ricordare che la Russia è stata costretta a scegliere la Cina come alleata. COSTRETTA, ripeto.
    Comunque per i duri di comprendonio, essendo invasati dal maoismo refluo, invito ad una buona lettura di un generale. Generale ? Sì un generela coi controfiocchi , che non è come il buon “figliuolo”…
    https://www.marcotosatti.com/2021/03/24/le-lunghe-mani-di-joe-il-sonnolento-e-il-rischio-di-un-confronto-militare-mondiale/#comments

  • Giorgio
    Inserito alle 10:30h, 27 Marzo Rispondi

    Mardunolbo non è che si elogi la Cina “gratis”, a prescindere, la si può apprezzare, nonostante la nostra non sia una cultura asiatica, in quanto e sin quando è parte di uno “schieramento” anti americano e anti globalista ….. lo stesso vale per l’Iran …… non sarà il mio modello ideale, ma lo apprezzo per lo stesso motivo …… idem Cuba, Siria, Venezuela, Nord Corea …..

Inserisci un Commento