Il procuratore della CPI richiede un mandato di arresto per il primo ministro e il ministro della Difesa israeliani

Il procuratore della Corte penale internazionale Karim Khan ha chiesto l’emissione di un mandato di arresto per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Yoav Galant.
L’ufficio del pubblico ministero, secondo la dichiarazione, ha motivo di ritenere che “sono responsabili di crimini di guerra e crimini contro l’umanità” nella Striscia di Gaza “almeno dall’8 ottobre 2023”, riferisce la TASS e altre agenzie internazionali.

Il pubblico ministero della Corte penale internazionale ha inoltre chiesto di poter arrestare i vertici di Hamas per l’attentato terroristico del 7 ottobre
Khan accusa Israele di aver scelto “mezzi criminali per raggiungere i suoi obiettivi militari a Gaza”

L’Aja punta i piedi nell’inchiesta sulla guerra tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza e sugli attentati terroristici del 7 ottobre. Il procuratore della Corte penale internazionale (CPI), Karim Khan, ha chiesto ai giudici di emettere mandati di arresto contro il primo ministro israeliano, Beniamin Netanyahu, e il suo ministro della Difesa, Yoav Gallant, nonché contro la leadership dell’organizzazione terroristica islamica .

Il Paese ebraico non riconosce l’autorità della Corte penale internazionale, ma i 123 Paesi che lo facessero sarebbero obbligati ad arrestare Netanyahu se si recasse nei rispettivi territori nel caso in cui i giudici acconsentano alla richiesta di Khan, dal quale è chiaro che l’esito di questo Il caso determinerà il futuro della giustizia internazionale e del diritto internazionale umanitario. Dobbiamo dimostrare “che tutte le vite umane valgono lo stesso”, dice.

“Alla luce delle prove raccolte”, Khan afferma di avere “fondati motivi” per ritenere che sia Netanyahu che Gallant abbiano “responsabilità penale” per la loro partecipazione a “crimini di guerra e crimini contro l’umanità” commessi nel territorio palestinese della fascia di Gaza. dall’8 ottobre La dichiarazione dettaglia una lunga lista di accuse di atti classificati come “crimini di guerra” come “la fame deliberata tra i civili come metodo di guerra”, “ha causato intenzionalmente danni” all'”integrità fisica o alla salute”, “attacco intenzionale di omicidio” e ” attacchi intenzionali contro la popolazione civile”, oltre allo “sterminio o alla morte” come crimine contro l’umanità, oltre alla persecuzione e ad “altri atti umani” come crimini contro l’umanità.

Palestinians pray by the bodies of relatives killed following Israeli bombardment, at Al-Aqsa hospital in Deir Al-Balah in the central Gaza Strip on November 1, 2023, amid ongoing battles between Israel and the Palestinian Hamas movement. (Photo by MAHMUD HAMS / AFP)

Khan: “I metodi scelti da Israele a Gaza sono criminali”

I crimini, sostiene Khan, fanno parte di “un piano” e sono stati commessi nel quadro del “prolungamento di un attacco diffuso e sistematico contro la popolazione civile palestinese” e, in alcuni casi, “continuano a essere commessi”. – dice prima per ricordare la drammatica situazione umanitaria a Gaza e i suoi ripetuti appelli per consentire l’arrivo degli aiuti. Le prove analizzate includono interviste alle vittime, testimoni diretti, documenti audiovisivi, immagini satellitari e dichiarazioni di membri dei gruppi che hanno commesso i crimini, “dimostrando”, si legge, che Israele ha privato la popolazione di Gaza “dei mezzi indispensabili”. per sopravvivere (…) in modo deliberato, sistematico e continuo.”

Il tono del comunicato stampa è serio. Khan, che ha consultato le conclusioni del suo team con un panel di prestigiosi giuristi internazionali (vedi informazioni allegate), è ben consapevole del peso della sua richiesta di arrestare Netanyahu e la leadership di Hamas.

La Procura, ribadisce, “agisce nell’ambito del suo mandato previsto dallo Statuto di Roma” e il suo lavoro è stato guidato “dall’obbligo di indagare in modo equo sulle prove incriminanti e scagionanti” e dallo sforzo di “separare le accuse dai fatti”. “Ancora una volta, oggi sottolineiamo che il diritto internazionale e le leggi sui conflitti armati si applicano equamente a tutti. Nessun soldato comune, nessun comandante, nessun leader civile, nessuno può agire impunemente”, sottolinea. “Israele, come tutti gli Stati, ha il diritto di difendere la propria popolazione”, ma “questo non lo esonera” dai suoi obblighi ai sensi del diritto umanitario internazionale. “I mezzi scelti da Israele per raggiungere il suo obiettivo militare a Gaza – cioè atti che causano intenzionalmente morte, carestia, grandi sofferenze e attacchi all’integrità fisica della popolazione civile – sono criminali”, conclude.

Khan: “Gli atti crudeli e disumani” del 7 ottobre “non possono rimanere impuniti”
Nella stessa dichiarazione, che non è piaciuta a nessuna delle parti, la Procura ha anche chiesto l’emissione di mandati di arresto internazionali contro Yahya Sinwar, il capo militare di Hamas a Gaza; Mohammed Diab Ibrahim al Masri, detto Deif e comandante in capo delle Brigate Al Qassam, braccio militare dell’organizzazione, nonché Ismail Haniyeh, capo dell’ufficio politico di Hamas. A loro avviso, questi uomini hanno “responsabilità penale” per diversi “crimini di guerra e crimini contro l’umanità” commessi nel territorio di Israele e nello Stato di Palestina dal 7 ottobre 2023, data del brutale attacco che costò loro la vita 1.200 cittadini dello Stato ebraico e la presa di circa 245 ostaggi. La richiesta di mandati di arresto si basa su fatti che includono l’omicidio di centinaia di civili, il rapimento di persone, lo stupro e altre forme di violenza sessuale, tortura e “altri atti disumani”.

“Durante la mia visita ai kibbutz Be’eri e Kfar Aza e al sito del festival musicale Supernova, sono stato testimone della devastazione causata da questi attacchi e delle profonde ripercussioni di questi crimini inconcepibili a cui fanno riferimento le petizioni di oggi”, spiega Khan nella citata dichiarazione, pubblicata in inglese, francese, arabo ed ebraico, in cui sottolinea che “questi atti crudeli e disumani non possono rimanere impuniti”. estensione sistematica” delle azioni di Hamas per scopi politici e “alcuni di questi crimini continuano a essere commessi”, avverte.

L’amministrazione Biden si oppone all’azione della Corte penale internazionale contro i leader israeliani
Il comunicato della Procura si conclude con un appello in difesa della giustizia internazionale. “È importante che oggi diciamo le cose chiaramente: se le nostre azioni non riflettono la nostra volontà di applicare la legge in modo imparziale, se la nostra applicazione della legge viene percepita come selettiva, avremo contribuito al suo collasso”, avverte Khan, che mette in guardia che in gioco c’è “la rete di sicurezza a cui tutte le vittime si aggrappano quando sono nei guai”. “Questo è il rischio reale che corriamo in questo momento cruciale”, sottolinea il pubblico ministero. “Oggi più che mai dobbiamo dimostrare collettivamente che il diritto internazionale umanitario, che detta le regole che devono essere rispettate in tempo di guerra, si applica in modo imparziale a tutte le parti in conflitto armato in tutte le situazioni sottoposte al mio Ufficio e alla Corte. “In questo modo possiamo dimostrare che tutte le vite umane hanno lo stesso valore”.

La possibilità che l’organizzazione abbia richiesto un mandato di arresto nei confronti del primo ministro israeliano tiene da tempo in allerta le autorità ebraiche. Nei giorni scorsi i media israeliani e statunitensi hanno citato fonti anonime che segnalavano questa possibilità, aggiungendo inoltre che la Corte penale internazionale starebbe preparando richieste di arresto anche contro i leader di Hamas. L’amministrazione Biden si oppone all’azione della Corte penale internazionale contro i leader israeliani poiché ritiene di non avere giurisdizione sul caso. Diversi membri del Congresso degli Stati Uniti hanno avvertito che, se l’Aja si muoverà in questo senso, approverà sanzioni contro i membri della Corte.

Fonte: Agenzie + La Vanguardia

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Il procuratore della CPI richiede un mandato di arresto per il primo ministro e il ministro della Difesa israeliani

  1. Si tratta dello stesso tribunale che ha condannato Putin. Un entità che non ha veri poteri esecutivi..se non per i miserabili. Finché sarà in carica Benjamin sarà intoccabile.

  2. Fino a quando la corte penale internazionale prendeva di mira Gheddafi, Milosevic o Putin, o qualunque “nemico” dell’occidente, andava tutto bene per gli USA ! Ora che chiede l’arresto per Netanyau e Galant non va più bene ! Addirittura gli USA minacciano di sanzionare i membri della Corte stessa ! Con questo dimostrano, una volta di più, che si ritengono al di sopra di qualunque norma internazionale o di pacifica convivenza tra i popoli, e che non riconoscono altra legge che i propri interessi ! Un’altra conferma che capiscono solo la legge del più forte e che possono essere fermati solo con l’uso della forza, appunto !

  3. Mai avrei pensato nel 2024 di assistere ad un genocidio in riva al Mediterraneo, culla di civiltà, da parte di chi da 80 anni mi scaccia i maroni con l’ olocausto. E si deve notare che i carnefici di oggi non sono solo i dirigenti a ordinare i macelli ma anche gli ebrei “colonizzatori” la massa insomma, a fermare gli aiuti a chi sta morendo di fame. Per queste colpe Israele non dovrebbe nemmeno esistere…un posticino nel nord della Groenlandia sarebbe più idoneo per loro. Popolo dannato, la loro religione è la loro condanna. Cari amici ebrei, credo che il vostro Messia non arriverà nemmeno stavolta, nemmeno se ammazzaste altri 6 milioni di palestinesi…anzi, ad essere sincero, credo che il vostro Messia lo ammazzate ogni giorno in ciascun bambino palestinese che muore sotto le vostre bombe o sotto i cingoli dei vostri caterpillar…Siete voi il male del pianeta…

  4. Per poter truffare e raggirare l” opinione pubblica MONDIALE emettono dei finti mandati di cattura per far credere che la legge è uguale per tutti !
    Non ci saranno MAI dei criminali dittatori “democratici” dei paesi USA-NATO-ISRAELE che verranno arrestati e condannati per i crimini di guerra o contro l” umanità o per atti terroristi internazionali oppure per aver provocato e alimentato guerre !
    Prima che nascessi nel 1964 i paesi USA-NATO- ISRAELE compivano crimini in tutto il mondo !
    60 anni son passati e non è cambiato un casso !
    Mai una volta che qualche politico “democratico” USA o dei paesi NATO oppure di Israele sia stato condannato perlomeno in CONTUMACIA dalla corte internazionale !
    Quando morirò data stimata dal sottoscritto entro 20 anni da oggi ( forse pure prima poiché non ho l” acceso in Italia alle cure mediche pubbliche che mi vengono negate dallo Stato Italiano ) NON ci sarà stata ancora nessuna condanna di politici USA-NATO-ISRAELIANI !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM