Il “Principe Delle Tenebre” Della CIA È Morto

di Steve Brown (*)

Se il ” Principe delle tenebre ” della CIA Mike D’Andrea sia stato veramente ucciso dai talebani lunedì è irrilevante per quanto riguarda l’Agenzia. Queste persone sono molto sacrificabili con molti altri aspiranti ayatollah, Mike è là fuori disposto a prendere il suo posto.

Gli assassini sotto contratto dell’ agenzia, dietro assunzione in nome della tracotanza degli hedge fund, sono molto più numerosi all’interno e senza la pletora dei burocrati e senza la facciata ufficiale degli Stati Uniti che li dirigono. Non è una sorpresa

Non sorprendono neppure le semi-smentite da parte dei media occidentali riguardo al depresso “CIA Battlefield Airborne Communications Node “(BACN). È un discorso da militarista per uno “spook shop” nel cielo più propriamente indicato come un aereo Bombardier E11A (quello abbattuto in Afghanistan) .
È un grande aereo spia della CIA utilizzato per grandi scopi, per esempio aiutando a scatenare più rifornimenti di armi statunitensi in Afghanistan che mai. Quindi, ringraziate il vecchio grasso agente sotto copertura ,con un taglio di capelli giusto che vuole solo aiutare l’economia vaporizzando la valuta americana piena di inflazione su un campo di battaglia … dove lo stesso campo di battaglia è quello che la popolazione americana non è in grado di indicare su una mappa secondo Segretario di Stato degli Stati Uniti .
Ora chi è questo personaggio, noto come “Prince of Darkness “(principe delle Tenebre) della Central Intelligence Agency , Mike D’Andrea? Secondo la CIA non dovremmo saperlo (operava in incognito).
Ma ovviamente i film di Hollywood saranno fatti su di lui comunque. D’Andrea è presumibilmente l’assassino sponsorizzato dallo stato dietro tutti i recenti omicidi politici autorizzati dallo stato americano, con Osama Bin Laden come il più notevole (oltre a Soleimani). Sì, lo stesso Osama, che ha fornito cibo agli squali (secondo la versione del Pentagono) invece di essere catturato e cantare a squarciagola in una sessione di interrogatorio sponsorizzata dalla CIA con “tecniche avanzate”.

Mike D’Andrea Agente CIA di primo livello


Ci sono permutazioni in questa storia che sono così al di là dell’immaginazione, ci si deve chiedere se siano effettivamente vere. Un rapporto afferma che D’Andrea è stato ucciso, ma non sull’aereo. Un altro rapporto più plausibile afferma che l’Iran è dietro l’operazione come ulteriore vendetta per l’uccisione fatta dagli Stati Uniti del comandante Soleimani. Ancora un altro resoconto afferma che D’Andrea era in tale pericolo dopo l’assassinio di Soleimani, che gli Stati Uniti hanno progettato la falsa morte di D’Andrea.

Alla fine nessuna delle precedenti versioni ha davvero importanza, indipendentemente dal fatto che la creatura ninja della CIA D’Andrea sia viva o no. D’Andrea è semplicemente il tecnico delle operazioni occulte della CIA. La negazione dell’equivalenza morale di John Bolton e l’epifania dello statista – che potrebbe solo fornire la ragione – fornisce la soluzione finale, a prescindere. Il risultato è che gli Stati Uniti scelgono il proprio assassino politico per difendersi da altri omicidi politici. Almeno questo è quello che afferma lo Stato USA riguardo a Suleimani, senza fornire prove o documenti.

Nel Tao del Jeet Kune, il mitico Bruce Lee scrisse: “Impara a pensare come un nemico senza diventare nemico …” Dopo decenni di errori di politica estera da jingo, gli Stati Uniti non possiedono tale saggezza. Gli Stati Uniti sono ora nemici di se stessi, divorando lentamente ed inesorabilmente qualunque anima avessero prima di venderla al miglior offerente. Nel momento di assicurarsi il dominio unipolare, l’ossessione dell’opinione pubblica americana è nei confronti del dominio dittatoriale e militarista che deve assicurare l’Impero. A causa di false distorsioni del dilemma che persistono da molti decenni, gli Stati Uniti sono ora il loro peggior nemico, nemico di se stessi.

Nel frattempo “Ayatollah Mike” è l’incarnazione della respirazione vivente dell’immolazione personale imperiale in cui nessuna fonte governativa “ufficiale” degli Stati Uniti potrà mai negare o affermare se sta vivendo o no. O anche riconoscere che il Principe Oscuro non esiste affatto. Questo perché tale riconoscimento deve condannare l’establishment e i suoi appaltatori, alla fine, tutti nello stesso destino. Niente di meglio del cibo per gli squali. Che in un certo senso l’Ayatollah Mike lo è già, vivo o morto che sia.

*Steve Brown è autore di “Iraq: the Road to War” (Sourcewatch) editore di “Bush Administration War Crimes in Iraq” (Sourcewatch) “Trump’s Limited Hangout” e “Federal Reserve: affidamento in outsourcing del sistema monetario al Money Trust Oligarchi dal 1913 ”; Steve è un attivista contro la guerra, uno studioso pubblicato sul sistema monetario americano ed è apparso come collaboratore ospite di Fort Russ News, Lew Rockwell Report, SOTT e Strategika51.

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • Farouq
    31 Gennaio 2020

    È stato sacrificato per raffreddare gli animi degli iraniani perché ora sono impegnati nella guerra batteriologica contro la Cina e non hanno tempo per l’,Iran

  • Anonimo
    31 Gennaio 2020

    Non si capisce bene che cosa c’e` scritto, sembra una traduzione automatica..

    Potreste riportare la versione in lingua originale, oppure il riferimento dove andare a leggere il testo originale?

    Grazie

Inserisci un Commento

*

code