Il principale funzionario russo afferma che il destino dell’Afghanistan attende l’Ucraina


Si tratta dell’equivalente del consigliere per la sicurezza nazionale della Russia.

Estratti da un’intervista con il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev, che è stato tradizionalmente uno dei funzionari russi più perspicaci. [Nel dicembre 2013 ha affermato che l’Ucraina è stata la vendetta di Washington per la Siria; che gli Stati Uniti stavano punendo Mosca per essere intervenuta per prevenire una guerra USA-NATO contro la Siria nei mesi precedenti innescando un colpo di stato, e come si è scoperto anche una guerra, nel vicino occidentale della Russia.]

Naturalmente, i suoi commenti sono egocentrici e non del tutto accurati – ad esempio, l’Ucraina ha un valore geostrategico di gran lunga maggiore per gli Stati Uniti e la NATO rispetto all’Afghanistan – e ha trascurato di menzionare che l’Afghanistan è un partner della NATO, un membro dei Partner In tutto il mondo insieme ad Australia, Colombia, Iraq, Giappone, Nuova Zelanda, Pakistan e Corea del Sud; con nazioni come gli stati del BRICS, Brasile e India, e altri come il Senegal, che sono anche pronti per l’adesione.

L’operazione militare in Afghanistan è stata una miniera d’oro per il complesso industriale militare statunitense e per coloro che nelle forze armate erano responsabili delle finanze dell’esercito afghano, secondo lui.

“Ci sono quelli tra gli americani che hanno tratto profitto da questa guerra, quindi non sono particolarmente preoccupati di quello che il mondo pensa degli Stati Uniti”, ha detto. Ha osservato che circa 90 miliardi di dollari sono stati spesi per l’addestramento dei militari afgani, mentre le informazioni sull’appropriazione indebita non vengono divulgate.

Nikolai Patrushev

Inoltre, secondo il capo della sicurezza, gli Stati Uniti “non si sono nemmeno presi la briga di portare fuori dal paese un gran numero di armi e proprietà militari, e hanno semplicemente abbandonato tutto”, mentre il complesso industriale militare e i subappaltatori hanno rastrellato “superprofitti”. “

Ha anche notato che Washington sta riempiendo l’Ucraina di armi che non le servono e sostiene la crescita dell’estremismo, del traffico di droga e della discordia etnica nel paese. Secondo lui, l’Ucraina si sta avviando verso la dissoluzione e ad un certo punto gli Stati Uniti non ricorderanno nemmeno dei suoi sostenitori, esattamente come è successo a Kabul.

Il fatto che l’Afghanistan abbia lo status di principale alleato degli Stati Uniti al di fuori della NATO ha forse salvato il deposto regime filoamericano di Kabul? Una situazione simile attende coloro che contano sull’America in Ucraina dove i neonazisti sono in grado di prendere il potere, il Paese sta per disintegrarsi e la Casa Bianca a un certo momento non ricorderà nemmeno i suoi sostenitori a Kiev”, ha spiegato il capo della sicurezza .

Fonte: Anti Bellum

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM