Il primo ministro olandese ha nascosto i dati sul sostegno ai terroristi in Siria

di Victor Voronov

I politici olandesi sono stati screditati in un nuovo scandalo internazionale sulla divulgazione del sostegno ai miliziani jihadisti in Siria.

Il primo ministro olandese Mark Rutte (nella foto in alto con Netanyahu) ha ammesso di aver precedentemente deliberatamente ostacolato le indagini parlamentari sulle attività del suo governo. Come si è scoperto, le autorità dello Stato europeo hanno fornito un ampio sostegno finanziario ai miliziani antigovernativi che operano nel territorio della Repubblica Araba Siriana (SAR).

Secondo l’agenzia di stampa SANA , Rutte ha confessato attività anti-siriane solo dopo che i media olandesi hanno pubblicato materiali sulla sua partecipazione alla fornitura dei terroristi: i radicali hanno ricevuto assistenza finanziaria dagli europei nel trasporti, materiali logistici.

Mark Rutte ha recentemente ammesso di essere intervenuto personalmente per ostacolare le indagini parlamentari sulla fornitura di milioni di dollari del suo governo ai terroristi, il che mostra la palese ipocrisia nelle politiche dei Paesi Bassi e dell’Occidente riguardo alle accuse di lotta al terrorismo e protezione dei diritti umani.

La Commissione parlamentare che indaga sul coinvolgimento della leadership olandese nel sostegno al terrorismo. nasce grazie all’azione della stampa europea. Nel 2017, diverse pubblicazioni hanno pubblicato un documentario che ha rivelato informazioni secondo cui Amsterdam ha sponsorizzato 22 gruppi islamisti, compresi quelli che l’ufficio del procuratore nazionale del paese ha ufficialmente riconosciuto come terroristi.

Il sostegno ai miliziani jihadisti è continuato per diversi anni. Allo stesso tempo, nei rapporti inviati al governo è apparso solo l’aiuto dell ‘”opposizione moderata”.

Uno dei gruppi terorristi in Siria finanziati dall’Olanda di M.Rutte e qualificati come “oppositori moderati”

Secondo Rutte, l’occultamento dei fatti sul sostegno dei terroristi e l’ostacolo alle indagini della commissione parlamentare erano necessari per non divulgare informazioni riservate che screditavano la Coalizione Internazionale.

L’intensificarsi delle pressioni sul governo siriano e le accuse di Damasco di violazioni dei diritti umani in questo caso avrebbero potuto essere utilizzate solo per nascondere il coinvolgimento dei Paesi Bassi nei crimini contro il popolo siriano. L’ostacolo di Rutte alle indagini è stato accolto con grande indignazione dal popolo olandese, poiché i media si sono concentrati sul coinvolgimento del suo governo nel fornire milioni di dollari, generi alimentari, medicinali e apparecchiature per le telecomunicazioni ai terroristi, questo mentre i partiti olandesi ed europei hanno iniziato a sollevare questo problema, la questione delle piattaforme mediatiche che hanno falsificato le innformazioni per l’opinione pubblica, chiedendo trasparenza e verità.

Terroristi jihadisti provenienti dall’Europa, fra cui francesi, belgi, olandesi, ecc.. presi prigionieri dall’Esercito siriano

È interessante notare che i rappresentanti russi hanno precedentemente prestato attenzione ai doppi standard dei paesi occidentali in Siria. Come riportato dall’agenzia di stampa federale , nel 2019, il presidente del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova aveva sottolineato le dubbie attività dei Paesi Bassi in Siria.

Fonti: Shaantimes.net Riafan.ru

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM