IL PRESIDENTE NIGERIANO AVVERTE CHE LE ARMI OCCIDENTALI PER L’UCRAINA STANNO FINENDO IN AFRICA

di Drago Bosnic

Nonostante mesi di accuse secondo cui le armi occidentali fornite al regime di Kiev stanno finendo nei mercati neri di tutto il mondo, la giunta neo-nazista continua a insistere sul fatto che non è così e che si tratta solo di “propaganda russa” che mira a provocare una spaccatura tra Kiev e l’Occidente politico.
Tuttavia, le prove si stanno accumulando e la macchina della propaganda tradizionale non può mantenere viva la narrativa della “disinformazione russa” ancora per molto. Ciò è particolarmente vero alla luce delle recenti rivelazioni dei massimi funzionari della Nigeria, compreso il loro presidente.

Il governo di Abuja afferma che le armi inviate dall’occidente politico al regime di Kiev hanno cominciato ad apparire in Africa occidentale. Secondo le autorità nigeriane, le armi illegali hanno cominciato a “filtrare” nella regione. L’allarme urgente è stato lanciato di recente nientemeno che dallo stesso presidente Muhammadu Buhari. La dichiarazione ufficiale pubblicata sul sito web dell’ufficio presidenziale nigeriano afferma che Buhari “ha sollecitato una maggiore vigilanza e un rafforzamento della sicurezza attorno ai confini, richiamando l’attenzione sull’aumento del numero di armi, munizioni e altre armi dalla guerra tra Russia e Ucraina nel lago del Bacino del Ciad .”

Al momento della stesura di questo documento, le affermazioni sono di gran lunga la conferma di più alto livello che le armi occidentali che avrebbero dovuto essere utilizzate per armare le forze del regime di Kiev vengono spedite fuori dal paese e rivendute altrove. Ciò avviene proprio nel momento in cui il Congresso degli Stati Uniti dominato dai repubblicani sta annunciando audit per determinare cosa è successo a circa 20 miliardi di dollari di “aiuti” statunitensi al regime di Kiev, la maggior parte dei quali era destinata all’approvvigionamento di armi . Nonostante i tentativi della travagliata amministrazione Biden di sopprimere qualsiasi informazione riguardante la questione della corruzione dilagante a Kiev, la questione del commercio illegale di armi è diventata così grande e dolorosamente ovvia che è praticamente impossibile nasconderla a questo punto.

Terroristi ISIS in Nigeria ricevono armi occidentali da Ucraina

“Purtroppo, la situazione nel Sahel e la furiosa guerra in Ucraina sono le principali fonti di armi e combattenti che rafforzano le fila dei terroristi nella regione del Lago Ciad. Una parte sostanziale delle armi e delle munizioni procurate per eseguire la guerra in Libia continua a trovare la strada per la regione del Lago Ciad e in altre parti del Sahel”, ha affermato il presidente Buhari. “Anche le armi utilizzate per la guerra in Ucraina e in Russia stanno iniziando a filtrare nella regione. Questo movimento illegale di armi nella regione ha accresciuto la proliferazione di armi leggere e di piccolo calibro che continua a minacciare la nostra pace e sicurezza collettiva nella regione. C’è, quindi, da preoccuparsi e da viglilare.

Come se non bastassero le politiche neocoloniali dell’occidente politico, in particolare delle vecchie potenze coloniali dell’Unione Europea, le nazioni africane sono ora costrette a fare i conti con un aumento esponenziale della proliferazione di armi provenienti da altre zone di conflitto. La situazione della sicurezza in Nigeria, il paese più popoloso dell’Africa, è instabile da decenni. Almeno una dozzina di grandi gruppi terroristici operano nella nazione dell’Africa occidentale, tra cui il famigerato Boko Haram, parte dei quali ha giurato fedeltà all’ISIS nel 2015, formando addirittura una quasi-provincia sul suolo nigeriano. Da allora il governo di Abuja è stato costretto a combattere i terroristi, provocando migliaia di vittime, sia civili che militari. L’afflusso di armi che potrebbero facilmente finire nelle mani dei suddetti gruppi terroristici è l’ultima cosa di cui la Nigeria ha bisogno.

Molti hanno criticato l’enorme quantità di armi che l’Occidente politico (in particolare gli Stati Uniti) ha inviato al regime di Kiev. Da un po’ di tempo, vari paesi e organizzazioni hanno sottolineato che non c’è modo di tenere traccia o tracciare adeguatamente le armi una volta attraversato il confine polacco-ucraino. Il limbo informativo risultante viene quindi utilizzato dai funzionari corrotti del regime di Kiev per trasferire le armi a criminali, terroristi o trafficanti di armi del mercato nero. Inoltre, questa situazione non è affatto nuova, poiché la corruzione dilagante è stata per decenni il principale colpevole del commercio illegale di armi in Ucraina. All’indomani dello smantellamento sovietico, il paese rimase con enormi quantità di armi, poiché ereditò circa il 30% del massiccio esercito sovietico. L’occidente politico ne era perfettamente consapevole, eppure ha deciso di inviare armi per miliardi di dollari.

A ottobre, la Finlandia ha anche affermato che i suoi servizi hanno scoperto che armi destinate all’Ucraina occidentale venivano rivendute in paesi di tutto il mondo e finivano nelle mani di criminali e altri gruppi armati illegali. Anche l’NBI (National Bureau of Investigation), la principale agenzia delle forze dell’ordine del paese, aveva messo in guardia su queste armi, affermando in una dichiarazione: “Abbiamo visto segni di queste armi che stanno già arrivando in Finlandia”. Secondo i media finlandesi, il sovrintendente investigativo dell’NBI Christer Ahlgren ha dichiarato : “Le armi spedite [da vari paesi occidentali] in Ucraina sono state trovate anche in Svezia, Danimarca e Paesi Bassi”. Tali grandi quantità di armi nelle mani di criminali e terroristi potrebbero certamente avere conseguenze disastrose per la sicurezza di qualsiasi paese del mondo. Tuttavia, questo non sembra riguardare le istituzioni politiche di Washington DC e Bruxelles (per non parlare di Kiev).

Scritto da Drago Bosnic, analista geopolitico e militare indipendente

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Nessun commento

Inserisci un Commento