Il presidente Macron schiaffeggiato durante il suo tour elettorale in Francia

Il presidente francese ha iniziato un grande tour della Francia la scorsa settimana in vista delle elezioni regionali e delle elezioni presidenziali del prossimo anno, il viaggio dovrebbe includere circa una dozzina di tappe nei prossimi due mesi.

Martedì il presidente francese Emmanuel Macron ha ricevuto un’accoglienza sgradevole durante un tour di un villaggio nel dipartimento di Drome, nel sud-est della Francia, quando un uomo non identificato lo ha schiaffeggiato mentre si avvicinava ai residenti locali per stringergli la mano.

L’incidente è stato ripreso dalle telecamere quando un uomo barbuto con gli occhiali e una maschera ha schiaffeggiato il presidente con forza sulla guancia sinistra. La squadra di sicurezza di Macron si è precipitata ad arrestare immediatamente l’uomo e anche la gendarmeria locale è intervenuta per aiutare a bloccare il contestatore.
L’Eliseo ha successivamente confermato ai media locali che l’incidente è avvenuto e ha indicato che due persone sono state arrestate in relazione all’alterco.
Non è immediatamente chiaro quali rimostranze specifiche abbiano portato l’uomo ad attaccare Macron, con l’individuo che urlava “Abbasso Macronie!” poco prima di schiaffeggiare il presidente.
I media francesi in seguito hanno descritto l’aggressore come un “anarchico”.

Il tormentato leader francese, che ha visto il suo indice di gradimento scendere dal 48 per cento al 38 per cento negli ultimi due anni, in ritardo rispetto alla politica dell’opposizione e alla leader del National Rally Marine Le Pen nei sondaggi in vista delle elezioni presidenziali. durante il suo tour in Francia, “un incontro pre-elettorale” con il popolo “evento previsto per gran parte dell’estate.

Macron esce dalla sla

I francesi si recheranno alle urne per le elezioni regionali a fine mese.
Martedì, commentando l’incidente, il primo ministro Jean Castex ha condannato l’atto di violenza.
“La politica non può in alcun modo riguardare la violenza, l’aggressione verbale, tanto meno l’aggressione fisica… siamo tutti preoccupati, questo riguarda le basi della nostra democrazia”, ​​ha detto Castex, parlando a una sessione dell’Assemblea nazionale.
Le Pen ha fatto eco ai sentimenti del primo ministro, twittando che atti di violenza contro il presidente sono “inaccettabili”.

Sebbene il dibattito democratico possa essere aspro, in nessun modo può tollerare la violenza fisica. Condanno fermamente l’inaccettabile aggressione fisica contro il Presidente della Repubblica”, ha scritto Le Pen.
Nota: Voci non confermate sostengono che il contestatore di Macron volesse vendicare (con un ceffone simbolico) le persone gravemente ferite dalla repressione della polizia francese durante i disordini provocati dalle manifestazioni del Gilet Gialli in cui ci furono molti dimostranti che rimasero feriti ed accecati per l’utilizzo delle armi della polizia.

Fonte: New Front

Traduzione e nota : Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus