Il presidente della Polonia starebbe proponendo alla NATO l’invio di truppe per l’Ucraina

Un passo avanti per l’allargamento del conflitto.

Andrzej Duda presenterà un piano per tale missione in una riunione dell’Alleanza a Bruxelles il 24 marzo, secondo i rapporti.
Il presidente della Polonia starebbe per proporre alla NATO l’invio di “truppe di pace” in Ucraina per una missione imprecisata.
Il presidente della Polonia, Andrzej Duda, intende proporre alla NATO di inviare una missione di truppe di pace in Ucraina, riporta martedì il portale locale Onet Wiadomosci . Sottolinea che il presidente polacco presenterà un piano in tal senso durante una riunione dell’Alleanza, che si terrà questo giovedì, 24 marzo, a Bruxelles.

Si precisa che il progetto prevede l’invio di un contingente internazionale di pace, composto da un massimo di 10.000 soldati provenienti da vari paesi . Secondo i rapporti, le truppe dovrebbero essere dispiegate ad una certa distanza dalla linea di tiro e il loro obiettivo sarebbe quello di garantire la protezione dei corridoi umanitari per le persone e le merci .

Secondo una delle varianti del piano, dovrebbe essere creata anche una no-fly zone sulle città più grandi dell’Ucraina . Questo nonostante che l’idea era stata già respinta dai vertici della NATO per i rischi che questo comporta per un conflitto diretto con la Russia. I polacchi insistono con il richiedere un coinvolgimento della NATO nel conflitto in Ucraina.

Il portale, che fa riferimento a fonti anonime, aggiunge che il presidente polacco non è pronto ad approvare il progetto prima di aver ricevuto il sostegno statunitense in tal senso .

Gli Stati Uniti suggeriscono che altri paesi della NATO potrebbero inviare truppe in Ucraina, affermano che coloro che lo desiderano riceveranno “supporto”.
La scorsa settimana, il vicepremier polacco, Jaroslaw Kaczynski, ha dichiarato di ritenere “necessaria una missione di pace” in Ucraina . “Dalla Nato, forse da qualche struttura internazionale più ampia, ma da una missione in grado di difendersi, operando sul territorio ucraino”, ha detto il funzionario .

Soldati Polacchi della NATO

In precedenza, la Casa Bianca ha ribadito che non ci sarà la presenza degli Stati Uniti nella zona di conflitto , nonché che l’Alleanza Atlantica ha escluso la creazione di una no-fly zone sull’Ucraina, perché ciò potrebbe provocare una “guerra su larga scala in Europa, che coinvolgerebbe molti altri paesi e causerebbe molta più sofferenza alle persone” . Da parte sua, la rappresentante permanente degli Stati Uniti all’ONU, Linda Thomas-Greenfield, domenica scorsa ha dichiarato che Washington non si sarebbe opposta a una possibile decisione di altri paesi della NATO di inviare truppe in Ucraina.

In quanto membro della NATO, l’ipotetico coinvolgimento della Polonia nel combattimento in Ucraina potrebbe portare alla partecipazione di altri membri di tale Alleanza e, di conseguenza, ad una forte escalation del conflitto nell’intera regione. Allo stesso tempo, potrebbe causare l’attivazione dell’articolo 5 del trattato NATO, sulla difesa collettiva, il che significherebbe l’inizio di un massiccio confronto militare.
La Russia, per bocca del portavoce russo, Dmitrij Peskov, ha affermato ieri che il suo paese uilizzerà armi nucleari soltanto nel caso che fosse minacciata la sua sicurezza.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM