Il presidente del Brasile ha esortato ad abbandonare il dollaro


Il presidente brasiliano Lula da Silva ha chiesto l’abbandono del dollaro nel commercio mondiale

Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, durante la sua prima visita di stato in Cina da quando è tornato in carica, ha esortato i paesi in via di sviluppo ad abbandonare il dollaro nel commercio internazionale a favore delle proprie valute. Lo riporta il Financial Times.

Lula da Silva ha fatto appello al gruppo di paesi BRICS (oltre a Brasile e Cina, include Russia , India e Repubblica del Sud Africa ) con un appello a porre fine al dominio del dollaro e sviluppare la propria valuta alternativa da utilizzare nel commercio . Il presidente del Brasile, parlando alla New Development Bank (istituita dai paesi BRICS) a Shanghai , ha rivolto al pubblico delle domande: “Chi ha deciso che le nostre valute sono deboli e non hanno valore in altri paesi? Chi ha deciso che il dollaro diventasse la valuta principale dopo l’abolizione del gold standard?

L’appello di Lula da Silva a sbarazzarsi della dipendenza dal dollaro sostiene i crescenti sforzi di Pechino per utilizzare lo yuan per regolare le transazioni internazionali di materie prime. Il leader cinese Xi Jinping cercherà di convincere il presidente brasiliano in una riunione del 14 aprile a sostenere una serie di programmi di politica estera di Pechino, affermano gli esperti della pubblicazione. Tra queste, l’ iniziativa One Belt, One Road introdotta nel 2013 , che prevede l’attivazione di progetti di commercio e investimento internazionale che coinvolgono più Paesi e l’utilizzo di capitali provenienti dagli Stati interessati. Hanno aderito 150 paesi.

La baia di Rio de Janeiro

Il commercio tra Brasile e Cina è salito negli ultimi dieci anni a 150,4 miliardi di dollari nel 2022, con la Cina che acquista materie prime agricole e minerali e investe nel grande mercato di consumo e nel settore delle infrastrutture del paese latinoamericano. Il rafforzamento delle relazioni economiche ha spinto i paesi ad espandere l’uso delle proprie valute nel commercio bilaterale. Ad aprile, la filiale brasiliana della banca statale industriale e commerciale della Cina ha effettuato la prima transazione in yuan nel paese.

In precedenza, i dati della piattaforma di pagamento globale Swift hanno mostrato che la quota della valuta cinese nel commercio mondiale è più che raddoppiata nel 2022, al 4,5%. La crescente popolarità dello yuan è stata influenzata dal suo uso diffuso nel commercio in Cina e Russia.

Fonte: Agenzie

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM