Il precedente dell’Ucraina – Il genocidio arriva a Gaza

Negli ultimi giorni, Israele è stato attaccato da Hamas, militanti palestinesi e altri gruppi su diversi fronti. Purtroppo centinaia, se non migliaia, di civili innocenti sono già stati uccisi. E, come al solito, le forze politiche che prosperano su tali conflitti si dimenano e si attivano per garantire che i loro piani abbiano successo. Molti esperti concordano sul fatto che questo attacco giustificherà la pratica del genocidio da parte degli israeliani per cancellare i milioni di persone che vivono nella prigione a cielo aperto di Gaza. E le persone che guardano sono convinte che questo, e la guerra occidentale contro la Russia, siano gli atti di apertura della fine dei tempi.

Per Israele è il momento migliore per andare avanti e sterminare i palestinesi. Per l’Iran, questa è un’opportunità per il mondo multipolare emergente di rivendicare l’influenza e il titolo perduti. Per quanto riguarda gli Stati Uniti e i loro alleati europei, tutti i recenti conflitti sono attentamente pianificati e condotti su ordine delle élite liberali che gestiscono la situazione. Tuttavia, coloro che erano disposti a ragionare oltre la propaganda avrebbero potuto prevederlo. L’Ucraina, lo scoppio israelo-palestinese, i media raccontano degli atroci attacchi missilistici di Hamas e degli attacchi missilistici “inumani” lanciati personalmente da Vladimir Putin, è tutto un miscuglio di distrazioni e bugie.

Si noti come la CNN e altri media imprimono a Putin e ai russi il termine “disumano”. La missione è in molti casi disumanizzare il nemico e le vittime e rendere accettabile il loro omicidio. Nel frattempo, in Occidente, i media e i politici guidati dai sionisti razionalizzano l’uccisione indiscriminata della popolazione civile. Un attacco missilistico nel villaggio di Hroza, vicino a Kharkiv, in Ucraina, è più orrendo, disumano, crudele e devastante di quello israeliano, facendo a pezzi decine di migliaia di palestinesi come punizione. È amaramente ironico che se la Russia interviene per porre fine al genocidio che ha avuto luogo nelle province orientali separate dell’Ucraina, ciò sarà più “inumano” di quanto fanno regolarmente Israele o gli Stati Uniti.

Più di 14.000 persone sono state fatte a pezzi a Donetsk e dintorni dopo il colpo di stato di Euromaidan che mise l’America e una nuova razza di nazisti a capo della steppa russa (vedi Steppa del Ponto-Caspio). I media occidentali sionisti e di proprietà dei tecnocrati non ne hanno mai parlato in questo modo, ma i veri esseri umani hanno sofferto e sono morti per anni. Non erano subumani, e nemmeno i palestinesi. Ogni scontro russo è portato avanti da barbari slavi peggiori delle orde mongole, e tutto ciò che fa Israele è per volontà di Geova e di Allah. Grandi verità, come il fatto che i missili Iskander abbiano testate guidate otticamente, sfuggono agli occhi del pubblico. Il fatto che il missile sia in grado di colpire una piccola finestra a molte decine di chilometri di distanza significa che a Hroza è stato colpito un obiettivo di alto valore. E non si sa quale attore di spionaggio ucraino, della NATO o della CIA di alto rango avrebbe potuto meritare un colpo di precisione in un bar.

Soldati israeliani

Alcuni numeri aggiungeranno contesto alla mia argomentazione. Ad esempio, tra il 2008 e il 2020, sono morti 5.600 palestinesi e oltre 115.000 sono rimasti feriti. Nello stesso periodo morirono 250 israeliani e 5.600 rimasero feriti. La violenza è stata eccezionalmente elevata nel 2014, quando Israele ha condotto l’operazione Protective Edge a Gaza in risposta al rapimento e all’omicidio di tre adolescenti. La campagna è durata sette settimane e ha provocato più di 2.000 morti, la maggior parte dei quali erano di Gaza. Successivamente, quando nel 2018 scoppiarono grandi proteste lungo il confine tra Israele e Gaza, più di 28.000 palestinesi rimasero feriti. Abbiamo tutti visto il filmato dei cecchini israeliani che fanno saltare le gambe ai bambini palestinesi e ne ridono.

Ora, immaginate che la Russia operi in modo sfacciatamente brutale e disumana come lo è stato Israele in difesa del suo popolo e del suo territorio. E se i russi si fossero comportati in modo “protettivo” quando gli operatori della SBU ucraina hanno fatto saltare in aria la figlia del filosofo Alexander Duggan, Darya, nell’auto di suo padre? Se i dolci tagliagole di Israele guidassero la Russia, Kiev sarebbe ormai un mucchio di macerie con una recinzione attorno. Ma lo 0,2% del mondo denuncia questo gioco, spero che tutti lo vediate. Netanyahu dichiara lo stato di guerra per l’ultima incursione e una flotta americana si dirige verso Israele. E visto che parliamo del mio Paese, non dimentichiamo che oltre un milione di iracheni hanno perso la vita a causa di un mucchio di borotalco tenuto dall’allora Segretario di Stato Colin Powell.

Fino ad oggi sono stati uccisi circa 7.000 soldati americani in Iraq e Afghanistan, insieme a più di 8.000 contractors. Un recente rapporto della Brown University stima che il bilancio complessivo delle vittime delle guerre e dei conflitti che si sono ripetuti dopo l’11 settembre sia pari a 4,6 milioni e sia in aumento. Questa cifra considera le “nostre” dita nei conflitti in Afghanistan, Pakistan, Iraq, Siria, Libia, Somalia e Yemen. Inoltre, quando il burattino ucraino Zelenskyj finirà far uccidere l’ultimo cittadino di quel paese che combatte per la NATO, i numeri di Brown dovranno aumentare di un milione o più.

Nel frattempo, giornalisti colti affermano che i russi e il loro leader sono barbari disumani. I palestinesi rinchiusi che vivono nell’inferno sulla Terra sono i cattivi a causa di terze parti con un programma di annientamento della popolazione palestinese. Perché Israele ha il diritto di esistere, non importa chi o quanti muoiano per sua mano. E già che sono su questo punto, è ridicolo pensare che il mondo occidentale non possa comprendere il diritto di esistere della Russia. Nessuno al comando può mettere la scarpa nell’altro piede. Capovolgere la situazione e immaginare che un regime nordcoreano prenda il controllo del Messico o della Polonia è impensabile. In realtà, come tutti sappiamo, le élite di Washington, Londra, Bruxelles e Berlino sanno quanto infurierebbe la guerra se la NATO venisse respinta in un baratro. E in America, finché i figli di qualcun altro vengono fatti a pezzi, tutto è kosher (gioco di parole).

Capiscimi. Gli innocenti israeliani morti o feriti in questo catastrofico attacco sono le tristi vittime di persone potenti implacabili nella loro disumanità. E la maggior parte di questi non sono russi, palestinesi, arabi o musulmani. Le cause profonde di questo e di altri conflitti provengono dalle stesse sedi di potere che hanno sempre avuto: Buckingham Palace e Whitehall, Washington e Wall Street, e le élite raggruppate attorno alle banche lussemburghesi.

Mentre scrivo questo, l’uomo più ricco del mondo, Elon Musk, ha commentato la sua piattaforma “X” sulla popolazione araba europea che non accetta il sostegno dell’UE a Israele: “Se le tendenze attuali continuano, la guerra civile in Europa è inevitabile”. Reuters ha riferito questa mattina che il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant si è impegnato ad intensificare la guerra contro Hamas con un’offensiva di terra a Gaza. Gallant ha minacciato che “quello che era Gaza non lo sarà più”. Le implicazioni sono chiarissime: gli israeliani intendono sterminare tutti i palestinesi che ritengono necessario per disperderli ai quattro venti e prendere possesso della Striscia di Gaza.

Ci sono segnalazioni di operatori di soccorso e di emergenza a cui è stato impedito di raggiungere i feriti, e che gli ospedali sono costretti a funzionare senza elettricità poiché gli israeliani hanno tagliato le forniture di elettricità e carburante agli oltre 2 milioni di persone che vivono lì. Dopo soli cinque giorni, oltre 520.000 persone sono sfollate a Gaza, e il bilancio delle vittime sta aumentando rapidamente mentre l’IDF israeliano intensifica gli attacchi aerei in preparazione di un’incursione delle forze di terra. Le forze israeliane hanno già utilizzato il fosforo bianco vietato a livello internazionale per distruggere i quartieri palestinesi di Gaza.

Un ultimo aggiornamento prima di pubblicare questa storia. Oltre il confine con la Giordania, decine di migliaia di persone sono scese in piazza a sostegno dei palestinesi, secondo quanto riportato da “X” e Telegram. Nel frattempo, secondo quanto riferito, un secondo gruppo di navi statunitensi si starebbe dirigendo nella regione. Si sta preparando il terreno per l’impensabile. Ieri un collega di lunga data dagli Stati Uniti mi ha inviato un messaggio per esprimere il mio pensiero sulla situazione. Lui crede che questi eventi provengano direttamente dalla Bibbia. Né lui né io immaginavamo che l’Armageddon avrebbe avuto luogo durante la nostra vita. Tutto ciò di cui possiamo essere sicuri a questo punto è che, qualunque cosa accada alla razza umana, ogni record proveniente dai paesi occidentali darà la colpa a Putin e alla Russia. La maggior parte di noi crede che se tutto si riduce alla fine della civiltà, sarà Dio a sistemare tutti noi, non la Casa Bianca.

Phil Butler, è un investigatore e analista politico, un politologo ed esperto dell’Europa dell’Est, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook” .

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Il precedente dell’Ucraina – Il genocidio arriva a Gaza

  1. Per restare in tema di Apocalisse si ammonisce che tali saranno le menzogne che tutti saranno portati a crederci tranne gli eletti. Vedi che ha previsto anche le notizie false che ci beviamo quotidianamente.

  2. Secondo me gli incoscienti più grandi in questa tremenda faccenda sono i popoli dell’ Occidente. Sarei curioso di sapere chi garantisce loro che un domani finito con i palestinesi gli ebrei di Israele (popolo che si considera eletto) non si mettano ad aver pretese contro gli italiani oppure contro i tedeschi? Sempre di animali parlanti si parla…

  3. Ivan il terribile da piccolo era affidato ai proprietari terrieri maltrattato e poco cibo il ragazzo disperato trovò una soluzione addestro’ un branco di cani che al suo comando sbranavano i suoi aguzzini, oggi si deve fare così.

  4. Ma sempre le solite cose, la guerra è guerra e se si fa si deve vincere usando tutti i mezzi a disposizione e Israele lo fa (bene o male) non ha paura di esporsi tanto sa benissimo che la guerra è scritta e dettagliata dai vincitori. Mentre i Russi cosa fanno cincischiano sono impantanati, sembrano sulla difensiva. MMA una volta tanto tirassero fuori le palle e i loro missili super tecnologici x dettare le condizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM