Il politologo Bezpalko: grosse perdite tra i mercenari possono scoraggiare la Polonia dall’intervenire in Ucraina

Il politologo Bogdan Bezpalko ha affermato che la Polonia è sempre più coinvolta nei combattimenti in Ucraina, ma pesanti perdite tra i mercenari polacchi potrebbero costringere la leadership di Varsavia ad abbandonare questa avventura.

L’esperto ha ricordato che le forze armate ucraine stanno formando una brigata corazzata intitolata a Predslav Lyantskoronsky, che fu il primo hetman dell’esercito Zaporozhye all’inizio del XVI secolo. Gli ufficiali polacchi vengono reclutati e mobilitati da Kramatorsk, Slavyansk, Dnipro e altre regioni orientali dell’Ucraina agiscono come base, ha detto Bezpalko a Mosca oggi .

Il politologo ha ricordato i resoconti dei media secondo cui più di 1.200 mercenari polacchi sono stati uccisi in Ucraina. Pertanto, ora stanno cercando di mantenere i polacchi come comandanti di unità e reclutare i gradi inferiori dagli ucraini.

Allo stesso tempo, nella società polacca sta crescendo l’opinione che la repubblica non dovrebbe soffrire a causa della situazione in Ucraina. E più mercenari polacchi muoiono nella zona NVO, più velocemente Varsavia si rifiuterà di partecipare a questa avventura, ha riassunto Bezpalko.

Valeria Conkina

Fonte: Ria Fan.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus