Il piano economico di Kushner per il Medio Oriente equivale alla Dichiarazione di Balfour II, dicono i palestinesi

Il Ministero degli Esteri e dell’Autorità palestinese ha respinto la visione economica del presidente statunitense Donald Trump come parte della proposta di “pace”( predisposta da Jared Kushner e Bin Salman) tra il regime israeliano e i palestinesi, soprannominata “l’accordo del secolo”, descrivendola come la Dichiarazione di Balfour II.

“Questo progetto non parla dell’economia dello stato palestinese e delle sue componenti, ma cerca di imbiancare l’occupazione e gli insediamenti illegali dei coloni”, ha detto il ministero in una dichiarazione diffusa domenica.

Il portavoce palestinese ha aggiunto: “Il team di Trump sta cercando di limitare l’economia palestinese con le catene dell’occupazione, privandola di ogni opportunità di prosperare e svilupparsi come economia statale indipendente. Questa [prosperità] non può avvenire sotto l’occupazione, gli insediamenti, il furto della terra palestinese e l’acquisizione delle risorse naturali palestinesi (le terre e le fonti d’acqua)”

“Giorno dopo giorno, la realtà delle intenzioni e degli atteggiamenti americani nei confronti del popolo palestinese e della soppressione dei loro diritti si sviluppa in quella che può essere definita l’odiosa Dichiarazione di Trump o la Dichiarazione di Balfour II, che nega l’esistenza del popolo palestinese”, sottolinea il ministero.

Il ministro delle finanze palestinese respinge i dettagli appena pubblicati sulla sezione economica del piano di Trump sul conflitto israelo-palestinese come una “illusione” che non porterà alla pace.
La Dichiarazione Balfour, che provocò a suo tempo (1917) un significativo sconvolgimento nella vita dei palestinesi, fu emessa il 2 novembre 1917 (fra Lord Balfour e lord Rothshild . È considerata uno dei documenti più controversi e contestati nella storia moderna del mondo arabo.

La dichiarazione di Balfour fu quella che ebbe l’effetto di realizzare l’obiettivo sionista di stabilire uno stato ebraico in Palestina in una realtà, quando la Gran Bretagna si impegnò allora pubblicamente a stabilire “una casa nazionale per il popolo ebraico”.

La dichiarazione ha osservato che “[l’America] tratta il popolo palestinese come se fosse un gruppo di popolazione che è stato trovato per caso in questo posto che è stato concesso da Trump agli israeliani”.

“L’amministrazione Trump sta riproducendo il conflitto israelo-palestinese usando nuovi modelli e non cerca di risolverlo in alcun modo. Il problema di questo tipo di visione è la sua natura teorica e la sua completa alienazione dalla realtà “, ha concluso.

Il piano da 50 miliardi di dollari denominato “accordo del secolo” o “pace alla prosperità”, che sarà presentato dal genero e consigliere di Trump, Jared Kushner, in un seminario guidato dagli Stati Uniti in Bahrain dal 25 al 26 giugno, prevede un fondo di investimento globale che presumibilmente dovrebbe sviluppare le economie palestinesi e limitrofe dello stato arabo.

La Casa Bianca svela una parte del suo cosiddetto piano di pace per il Medio Oriente mentre l’amministrazione Trump cerca di conquistare la sua strada far approvare il “Deal of Century”.
Secondo Kushner, il piano decennale “creerebbe un milione di posti di lavoro in Cisgiordania e Gaza”.

Kushner con i sauditi i parocinatori del piano per la Palestina

“Ci vorrebbe per ridurre il loro tasso di disoccupazione da circa il 30 per cento alle singole cifre”, ha detto. “Ridurrebbe il loro tasso di povertà della metà, se implementato correttamente.”

Hanan Ashrawi, membro del comitato esecutivo dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP), ha condannato fermamente il piano di Kushner. La Palestina non è in vendita e tanto meno i nostri diritti.

Innanzitutto, bisogna revocare l’assedio di Gaza, interrompere il furto israeliano della nostra terra, delle risorse e fondi, devono ridarci la nostra libertà di movimento e controllo sui nostri confini, spazio aereo, acque territoriali ecc.”, Ha detto in un post sulla sua pagina Twitter.

Ashrawi ha aggiunto: “Allora potremo costruire un’economia prospera e vivace come un popolo libero e sovrano”.

Anche Ismail Rudwan, portavoce del movimento di resistenza di Hamas con sede a Gaza, ha respinto le proposte di Kushner.

“Rifiutiamo l”affare del secolo’ e tutte le sue dimensioni, la dimensione economica, la politica e la sicurezza”, ha detto Rudwan all’agenzia di stampa Reuters.

“La questione del nostro popolo palestinese è un problema nazionalistico, è la questione di un popolo che cerca di essere libero dall’occupazione: la Palestina non è in vendita, e non è un problema per la contrattazione. La Palestina è una terra sacra e non c’è possibilità per l’occupazione, se non partire “, ha sottolineato.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code