Il piano di distruzione della Russia dietro l’agenda russa di Biden

di F. William Engdahl.

Fin dal primo giorno, la nuova amministrazione Biden ha chiarito che avrebbe adottato una politica ostile e aggressiva contro la Federazione Russa sotto Vladimir Putin. La politica alla base di questa posizione non ha nulla a che fare con il male che la Russia di Putin può o non può aver commesso contro l’Occidente. Non ha nulla a che fare con le assurde affermazioni secondo cui Putin avrebbe avvelenato il dissidente filoamericano Alexei Navalny con l’agente nervino ultra-mortale Novichok. Ha a che fare con un’agenda molto più profonda delle potenze globaliste. È questo programma che viene evidenziato oggi.

Le scelte di gabinetto di Joe Biden sono molto rivelatrici. Le sue principali scelte in politica estera – Tony Blinken come Segretario di Stato e Victoria Nuland come Sottosegretario di Stato per gli affari politici; Bill Burns a capo della CIA; Jake Sullivan come consigliere per la sicurezza nazionale; Avril Haines come Direttore della National Intelligence – provengono tutti dall’amministrazione Obama-Biden e hanno lavorato a stretto contatto. Inoltre, tutti vedono la Russia, non la Cina, come la principale minaccia alla sicurezza dell’egemonia globale degli Stati Uniti.

Come candidato, Joe Biden lo ha detto spesso. Le sue principali scelte di politica estera sottolineano che l’attenzione dell’amministrazione Biden, per quanto abile sia Joe Biden, si sposterà dalle minacce dalla Cina alle minacce dalla Russia di Putin. Il capo della CIA di Joe Biden Bill Burns è un ex ambasciatore a Mosca ed è stato vice segretario di Stato durante il colpo di stato della CIA di Obama in Ucraina nel 2014. In particolare, quando Burns ha lasciato lo Stato nel novembre 2014, è stato sostituito da Tony Blinken, ora Segretario di Stato . Si dice che Blinken abbia formulato la risposta del Dipartimento di Stato americano all’annessione della Crimea da parte della Russia.
Nuland è la chiave

Tutte le scelte di Biden sono uniformemente chiare: incolpa la Russia di Putin per tutto, dall’interferenza degli Stati Uniti nelle elezioni del 2016, al recente hacking di SolarWinds da parte del governo degli Stati Uniti, a tutte le altre accuse contro la Russia negli ultimi anni, provate o meno.

Tuttavia, nel determinare ciò che la nuova amministrazione Biden e le agenzie di intelligence statunitensi hanno in serbo per Putin e la Russia, l’indicazione migliore è il ruolo di guida accordato a Victoria Nuland, la persona che, insieme al vicepresidente Joe Biden, ha guidato la parte politica del Colpo di stato degli Stati Uniti in Ucraina nel 2013-14. È stata intercettata durante una telefonata all’ambasciatore statunitense a Kiev durante le proteste di Maidan Square del 2013-14, per parlare con l’ambasciatore Geoffrey Pyatt delle scelte dell’UE per un nuovo regime in Ucraina, “Fake the EU”. Suo marito, Robert Kagan, è un famoso neoconservatore di Washington.

Lasciando il governo nelle elezioni di Trump del 2016, Nuland è diventata un consulente senior del gruppo Albright Stonebridge, guidato dall’ex segretario di Stato di Clinton Madeline Albright, che è anche presidente del National Endowment for Democracy. (NED), affiliato al National Democratic Institute. Nuland è anche entrata a far parte del consiglio di amministrazione della NED dopo il 2016, mantenendo uno stretto contatto con le operazioni di cambio di regime della NED. Nuland è un’esperta di Russia, parla fluentemente il russo ed è specializzata in cambi di regime .

Victoria Nuland ai tempi del golpe in Ucraina

Come vice segretario di Stato di Obama per gli affari euroasiatici ed europei nel 2013, Nuland ha lavorato a stretto contatto con il vicepresidente Joe Biden per portare Arseniy Yatsenyuk al potere con un colpo di stato in Ucraina, favorevole agli Stati Uniti e ostile alla Russia. Ha incoraggiato mesi di proteste contro il regime del presidente eletto dell’Ucraina, Victor Yanukovich, al fine di forzarne la cacciata dopo la sua decisione di aderire all’Unione economica eurasiatica russa. Il fondatore del gruppo di intelligence privata Stratfor, George Friedman, in un’intervista subito dopo il colpo di stato del febbraio 2014 a Kiev, ha definito il colpo di stato “il più eclatante nella storia (americana)”.
Nuove iniziative

In un importante articolo sulla rivista Foreign Affairsdal New York Council on Foreign Relations (CFR) nell’agosto 2020, Nuland descrive quale sarà molto probabilmente la strategia degli Stati Uniti per minare la Russia nei mesi a venire. Si lamenta che “le dimissioni hanno preso il sopravvento sullo stato delle relazioni USA-Russia, e gli americani hanno perso fiducia nella propria capacità di cambiare il gioco”. In altre parole, vuole “cambiare il gioco” con Putin. Afferma che negli ultimi 12 anni “la Russia ha violato i trattati sul controllo degli armamenti, introdotto nuove armi destabilizzanti, minacciato la sovranità georgiana, sequestrato la Crimea e gran parte del Donbass, e sostenuto i despoti in Libia, Siria e Venezuela. Ha usato armi informatiche contro banche straniere, reti elettriche e sistemi governativi sul suolo europeo ”.

Continua dicendo che le ripetute sanzioni economiche statunitensi contro alcune banche e società russe, nonché contro i sostenitori di Putin, hanno fatto poco per cambiare la politica russa, sostenendo che “le sanzioni statunitensi e alleate, sebbene dolorose a sinistra, hanno fatto un buco nell’acqua o sono diventate impotenti per essere state abusate e non impressionare più il Cremlino ”.

Ma Nuland suggerisce che la Russia di Putin è ora più vulnerabile che mai negli ultimi 20 anni: “L’unica cosa di cui il presidente russo dovrebbe preoccuparsi: l’umore all’interno della Russia”. Nonostante le azioni del potere di Putin all’estero, 20 anni di mancanza di investimenti nella modernizzazione della Russia potrebbero raggiungere il malcontento. Nel 2019, la crescita del PIL russo è stata anemica all’1,3%. Quest’anno la pandemia di coronavirus e la caduta libera dei prezzi del petrolio potrebbero portare a una forte contrazione economica …
Le strade, i binari, le scuole e gli ospedali russi stanno crollando. I suoi cittadini sono diventati riluttanti poiché la spesa per le infrastrutture promessa non si presenta mai e le loro tasse e l’età pensionabile aumentano. La corruzione rimane endemica e il potere d’acquisto dei russi continua a diminuire ”.

Nel suo articolo sugli affari esteri del CFR, Nuland sostiene l’uso di “Facebook, YouTube e altre piattaforme digitali … non c’è motivo per cui Washington ei suoi alleati non dovrebbero essere più disposti a dare a Putin una dose della propria medicina in Russia, mentre mantengono la stessa limitazione all’interno. ”. Aggiunge che poiché i russi usano ampiamente Internet ed è ampiamente aperto, “nonostante i migliori sforzi di Putin, la Russia di oggi è più permeabile. I giovani russi sono molto più propensi a consumare informazioni e notizie tramite Internet che attraverso la televisione sponsorizzata dallo stato o la carta stampata. Washington dovrebbe cercare di raggiungerli di più dove si trovano: sui social media Odnoklassniki e VKontakte; su Facebook, Telegram e YouTube; e sulle tante nuove piattaforme digitali in lingua russa che stanno emergendo ”.


Il Caso Navalny

Quando Nuland ha presentato il suo articolo di luglio-agosto sugli affari esteri, l’eterno avversario di Putin, Alexey Navalny, era a Berlino, apparentemente riprendendosi da quello che sostiene essere stato un tentativo dei servizi segreti di Putin di ucciderlo con un agente nervino altamente tossico, Novichok. Navalny, una figura dell’opposizione educata negli Stati Uniti e studente dell’Università di Yale nel 2010, ha cercato di conquistare i sostenitori per più di un decennio. Ha dimostrato di ricevere denaro dal National Endowment for Democracy di Nuland, il cui fondatore negli anni ’90 ha descritto le attività come “ciò che la CIA stava facendo, ma in privato”. Nel 2018, secondo National Public Radionegli Stati Uniti, Navalny aveva oltre sei milioni di abbonati YouTube e oltre due milioni di follower su Twitter. Non si sa quanti bot siano pagati dai servizi di intelligence statunitensi. Ora, cinque mesi dopo il suo esilio a Berlino, Navalny fa un audace ritorno dove sa di dover affrontare il carcere per accuse passate. Questo era chiaramente un chiaro calcolo dei suoi padrini occidentali.

La ONG per il cambio di regime della rivoluzione dei colori del governo degli Stati Uniti, NED, in un articolo del 25 gennaio ha fatto eco alla richiesta di Nuland di destabilizzare Putin attraverso i social media. Scrivendo dell’arresto di Navalny a Mosca appena tre giorni prima dell’inaugurazione di Biden, il NED afferma che “Nel creare un modello di guerriglia politica per l’era digitale, Navalny ha messo in luce la totale mancanza di immaginazione e l’incapacità del regime …” Aggiungono: “Putin è in un vicolo cieco: se Putin uccide Navalny, potrebbe attirare maggiormente l’attenzione sul problema e aggravare i disordini. Se Putin lascia vivere Navalny, allora Navalny rimane un focolaio di resistenza, che sia in prigione o no … Navalny ha in gran parte soppiantato Putin in ogni fase dall’avvelenamento. Diventa un po ‘umiliante per lui ”.

Dal suo presunto avvelenamento fallito ad agosto nell’Estremo Oriente russo, a Navalny è stato permesso dal governo russo di volare a Berlino per cure, un atto strano se, in effetti, Putin e il servizio segreto russo avessero davvero voluto la sua morte. Ciò che è emerso chiaramente nei cinque mesi di esilio da allora suggerisce che il ritorno di Navalny è stato preparato professionalmente da specialisti del cambio di regime dei servizi segreti occidentali senza nome. Il Cremlino ha rivendicato informazioni che dimostrano che Navalny è stato supervisionato direttamente durante il suo esilio da specialisti della CIA.

Arresto a Mosca di Alexey Navalny

Durante l’arresto di Navalny a Mosca il 17 gennaio, la sua ONG anti-corruzione ha pubblicato un sofisticato documentario su YouTube sul canale Navalny, sostenendo di mostrare un vasto palazzo che si ritiene fosse appartenuto a Putin sul Mar Nero, filmato durante l’uso di un drone, che è impresa non da poco. Nel video, Navalny invita i russi a marciare contro il cosiddetto “Palazzo Putin” da un miliardo di dollari per protestare contro la corruzione.

A Navalny, che è chiaramente sostenuto da studiosi americani di guerra dell’informazione e gruppi come il NED, verrà probabilmente chiesto di avviare un movimento per sfidare i candidati del partito Russia Unita alle elezioni della Duma di settembre, dove Putin non è un candidato. Gli è stata persino data una nuova tattica, che chiama una strategia di “voto intelligente”, una tattica caratteristica della NED.

Stephen Sestanovich, esperto russo presso il Council on Foreign Relations di New York ed ex membro del consiglio di amministrazione della NED, ha suggerito il probabile piano di gioco per la nuova squadra di Biden. Il 25 gennaio Sestanovich ha scritto sul blog del CFR: “Il regime di Putin rimane forte, ma le proteste a sostegno di Alexei Navalny sono la sfida più seria che ha dovuto affrontare da anni. Il leader dell’opposizione Alexei Navalny mostra una creatività politica e un’abilità tattica che Putin non aveva mai incontrato prima. Se le proteste continuano, potrebbero rivelare le vulnerabilità del suo potere che dura da decenni ”. Sono passati due giorni dalle proteste in tutta la Russia che chiedevano il rilascio di Navalny. Con la sua audace decisione di tornare a Mosca e la pubblicazione di un video ampiamente diffuso che pretende di denunciare la corruzione del regime, Navalny ha dimostrato di essere una figura politica capace e fantasiosa – anche in prigione, forse l’avversario più formidabile che Putin abbia mai avuto affrontato “, ha scritto. “La raffinatezza strategica del team di Navalny è sottolineata sia dal suo video che, prima ancora, dal suo briefing sul personale del Servizio di sicurezza federale (FSB) che lo ha avvelenatola scorsa estate ”.

La chiara decisione del Team Biden di nominare un ex ambasciatore di Mosca a capo della CIA e Victoria Nuland al Dipartimento di Stato numero 3, insieme alle altre sue scelte di intelligence, indicano che la destabilizzazione della Russia sarà uno dei principali obiettivi di Washington in futuro. Come ha detto allegramente il NED, “l’arresto di Navalny, tre giorni prima dell’insediamento di Biden, l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Russia Michael McFaul ha tutti gli elementi della” prima crisi di politica estera di Biden “. Qualunque cosa ci fosse nei loro documenti di transizione è ora in primo piano per loro ”.

La ragione, tuttavia, non è la corruzione interna della cerchia ristretta di Putin, che sia vera o meno. A Biden non importa. Piuttosto, è l’esistenza stessa della Russia sotto Putin come nazione sovrana indipendente che tenta di difendere questa identità nazionale, sia nel contesto della difesa militare che nella difesa di una cultura russa tradizionalmente conservatrice. Dalla destabilizzazione dell’Unione Sovietica da parte della NED sostenuta dagli Stati Uniti nel 1990 sotto l’amministrazione Bush, la politica della NATO e quella degli influenti interessi finanziari alla base della NATO è stata quella di dividere la Russia in diverse parti, per smantellare lo stato e saccheggiare ciò che resta del suo enormi risorse di materie prime.

fonte: https://journal-neo.org

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus