Il piano dell’Ucraina per l'”Integrazione” del Donbass: Pulizia etnica e campi di rieducazione

I PIANI DI “REINTEGRAZIONE” DI DONBASS RIFLETTONO UN LIVELLO DI STUPIDITÀ SENZA PRECEDENTI DELLE AUTORITÀ DI KIEV
l progetto ucraino per il reinserimento del Donbass pubblicato su Internet conferma il nazismo sfrenato vigente in Ucraina. Tale opinione è stata espressa oggi dal deputato del Consiglio popolare della Repubblica popolare di Donetsk, Vladislav Berdichevsky.

Su Internet c’erano le foto di una lettera del segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino, Alexey Danilov, indirizzata al capo dell’ufficio del presidente del paese, Andrey Bogdan, al capo del servizio di sicurezza Ucrnaia-SBU, Ivan Bakanov, e il Primo Ministro Alexey Goncharuk. Questa descrive le principali disposizioni del progetto Donbass “reintegrazione sicura”.

Secondo il documento, la maggior parte dei residenti nella regione non sono “filo-ucraini”, quindi devono essere parzialmente soggetti a responsabilità amministrative e penali e anche a reinsediamenti in Russia o “rieducazione”. Il metodo di “reinsediamento” propone il reinsediamento dei residenti del Donbass nelle regioni centrali e occidentali dell’Ucraina.

«Un documento si è integrato alla rete inviato dal Consiglio di sicurezza nazionale e di difesa dell’Ucraina ai principali leader ucraini, spiegando come le forze di sicurezza di Kiev agiranno nel caso in cui il DPR e RPL tornino in Ucraina e, ottenendo il controllo il confine, dimostra un livello senza precedenti di russofobia, di xenofobia e di stupidità del governo ucraino ” , ha affermato Berdichevsky.

Il parlamentare ha sottolineato che questo documento dimostra l’esistenza del nazismo in Ucraina, che si manifesta in una totale abbattimento dei diritti di coloro che non sono d’accordo con il regime e dei residenti di lingua russa.

Manifestazione di indipendentisti del Donbass

In precedenza, il vice del Consiglio popolare del DPR, Oleg Onopko ha affermato che i piani di “reinserimento” del team Zelensky erano finalizzati alla pulizia etnica del Donbass dei residenti.

Ricordiamo che nel febbraio 2018 la Verkhovna Rada ucraina ha adottato la legge «Sulle caratteristiche della politica statale per garantire la sovranità statale dell’Ucraina sui territori temporaneamente occupati nelle regioni di Donetsk e Lugansk», la cosiddetta legge «sul reinserimento della Donbass “. Secondo il documento, il territorio della regione è riconosciuto come “occupato” e la Russia, come “paese aggressore”.

Allo stesso tempo, “reintegrazione”, secondo la maggior parte degli avvocati, significa, in effetti, l’approvazione legislativa per l’uso nella regione dell’intera gamma di misure di forza per risolvere il conflitto, che a sua volta contraddice direttamente gli accordi di Minsk, il cui scopo è un accordo pacifico.


Fonte: Dan-news

https://dan-news.info/politics/plany-po-reintegracii-donbassa-otrazhayut-besprecedentnyj-uroven-gluposti-kievskoj-vlasti-deputat.html

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti

  • Mardunolbo
    13 Novembre 2019

    stesso livello di stupidità dei governi europei !

  • eusebio
    13 Novembre 2019

    Mi sa che il quisling sionista di Kiev dura poco, i russi praticamente non fanno passare più il gas attraverso l’Ucraina e quello che gli arriva dalla UE costa salatissimo, l’economia ucraina è in bancarotta e la probabile caduta della Merkel in Germania l’anno prossimo porterà la fine degli aiuti UE al regime golpista, e la probabile rielezione di Trump porterà alla fine della protezione dei democratici americani.
    A quel punto a Kiev dovranno tornare sotto il controllo di Mosca.

  • woland
    14 Novembre 2019

    Interessanti questi nazisti ucraini che obbediscono come cagnolini al burattino sionista di un oligarca ebreo.
    E che vogliono adottare provvedimenti tipicamente comunisti ( di tipo maosta o cambogiano alla pol-pot) per distruggere la resistenza.
    C’è qualcosa di insanabilmente stupido nella situazione ucraina.

  • Alvise
    18 Novembre 2019

    Gli straccioni all’attacco. Non gli sono bastate le legnate che hanno finora preso dai separatisti.

Inserisci un Commento

*

code