Il petrolio russo ha trovato una via per aggirare le sanzioni

di Alexandre Lemoine

La Russia ha inviato il suo petrolio in Cina per la seconda volta nella storia attraverso la rotta del Mare del Nord. L’embargo petrolifero dell’UE, che entrerà in vigore tra un mese, rende questa rotta più attraente. È più breve e veloce, e soprattutto non è soggetto a sanzioni occidentali. La rotta del Mare del Nord sarà in grado di salvare il petrolio russo?

Il primo scarico di petrolio attraverso la rotta del Mare del Nord è avvenuto nel 2019. Ma non vi è stato alcun seguito, il che è abbastanza logico perché il principale mercato di uscita, l’Europa, era nelle vicinanze.

Tuttavia, le sanzioni rendono la rotta del Mare del Nord più attraente per Mosca, affermano gli analisti di Kpler. Perché molto presto, dal 5 dicembre, la Russia non potrà più consegnare greggio all’UE a causa delle sanzioni europee, e prodotti petroliferi dal febbraio 2023.

Secondo l’agenzia di stampa Bloomberg, alla fine di ottobre un mercantile ormeggiato a Murmansk ha trasbordato petrolio allo speciale rompighiaccio Vasily Dinkov . La petroliera navigherà sulla rotta del Mare del Nord e dovrebbe arrivare al porto cinese di Rizhao il 17 novembre. Questa è la seconda consegna di petrolio russo alla Cina attraverso questa rotta.

Il trasporto di petrolio greggio in Cina soggetto a sanzioni attraverso la rotta del Mare del Nord può essere complessivamente vantaggioso. Innanzitutto, è la rotta più breve tra l’Europa e l’Asia orientale. La distanza tra la Cina e i porti baltici russi è due volte più breve rispetto al Canale di Suez. Un mercantile in partenza da Murmansk arriva in Cina in due o tre settimane, rispetto alle otto settimane della rotta tradizionale.

Navi nell’Artico

In secondo luogo, il passaggio attraverso la rotta del Mare del Nord è gratuito e non richiede il rilascio di documenti aggiuntivi quando si attraversa il confine di altri paesi. Non ci sono code o pirati, a differenza della rotta meridionale.

L’infrastruttura della stessa rotta del Mare del Nord è pronta, è gestita da Rosatom e non richiede investimenti o tempo. Infine, questo percorso è protetto dalle sanzioni.

Perché questo percorso non è diventato molto popolare? Il fatto è che ci sono, oltre agli evidenti vantaggi, molti problemi.

A partire dalle condizioni climatiche di navigazione più austere del pianeta . La rotta del Mare del Nord della Russia attraversa iceberg con temperature estremamente basse. Da qui un altro problema: la necessità di navi speciali e rompighiaccio per il trasporto di merci.

Nell’inverno polare, è praticamente impossibile mantenere la temperatura necessaria nelle navi cisterna convenzionali. Ciò richiede navi da carico speciali per mantenere una temperatura precisa. Per non parlare dei requisiti per la professionalità dell’equipaggio.

La Russia deve creare una grande flotta, che non esiste in nessuna parte del mondo, in modo che le consegne di petrolio attraverso questa rotta diventino regolari e grandi. Ci vorrà molto tempo.

Un’altra difficoltà è che i continui confinamenti in Cina dovuti al coronavirus hanno fatto scendere il consumo di petrolio al minimo di cinque anni, motivo per cui potrebbe essere difficile aumentare le consegne di greggio oltre le quantità attualmente elevate.

Tutti questi problemi non possono essere risolti rapidamente e richiedono ingenti investimenti. Questo è il motivo per cui negli anni a venire sarà probabilmente impossibile aumentare le consegne di petrolio verso l’Asia attraverso la rotta del Mare del Nord.

E devi anche trovare acquirenti in Asia con contratti a lungo termine. Fino ad allora, il petrolio sarà consegnato attraverso il Canale di Suez da navi mercantili di classe Aframax.

Si noti che la Russia non fornisce più tanto petrolio quanto prima all’UE. Ecco perché le conseguenze dell’embargo petrolifero non saranno catastrofiche. La Russia attualmente spedisce all’UE tra 1,2 e 1,4 milioni di barili al giorno, mentre le esportazioni complessive di greggio russo sono di circa 4,5 milioni di barili al giorno.

Fonte: observateur continental

Traduzione: Gerard Trousson

6 Commenti
  • giuseppe peluso
    Inserito alle 15:06h, 15 Novembre Rispondi

    La Russia non è stata isolata nè destrutturata ; gli obbiettivi dell’attacco in Ucraina non sono stati raggiunti dagli USA-NATO

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 17:51h, 15 Novembre Rispondi

    USA-UK-UE erano sicuri è certi di poter stravincere la guerra militare contro la Russia che hanno creato in Ucraina !
    Tutti i criminali dittatori assassini democratici USA -UK-UE capitalisti-scafisti -guerrafondai-terroristi da Biden sia i Kapò suoi sottoposti Bideniani hanno capito dopo 9 mesi di guerra che la Russia ha vinto la guerra !
    Però insistono gli assassini Bideniani nel fornire soldi -armi-uomini al regime Nazista Ucraino ormai Morto !
    Anche la guerra economica e finanziaria contro la Russia sta per essere persa dagli USA-UK-UE poiché la Russia ha trovato altri floridi mercati dove vendere le sue materie prime e i suoi prodotti industriali perciò il danno che i paesi USA-UK-UE credevano di infliggere alla Russia gli si è ritorto contro !
    P.S.
    Se i Russi fossero intelligenti furbi e criminali come dice la propaganda Occidentale di guerra avrebbero imposto le SANZIONI RUSSE sul” esportazione nei paesi USA-UK-UE di generi alimentari !

  • Rosa
    Inserito alle 19:33h, 15 Novembre Rispondi

    I sembra una soluzione semplice economica e ecologica …. Ma secondo voi trsbordare il petrolio da una cisterna a una rompighiaccio per attraversare il mare del nord è una soluzione valida e alternativa? Sig tacabanda , mi fa’ capire in quali termini la Russia ha già vinto questa guerra ? Lei , a giudicare dai suoi commenti , ha più del invasato tifoso da stadio che del analista oggetivo . I spieghi cosa le fa’ credere che la Russi abbia chiuso la partita già da mesi . Grazie

    • Tacabanda1964
      Inserito alle 01:56h, 16 Novembre Rispondi

      Per la invasata signora Rosa della tifoseria ultras FILO-USA -UK-UE !
      Lei è una persona molto ignorante perciò la informo che IMPORTARE GAS METANO DAGLI USA VIA NAVE FACENDO DUE TRASBORDI è ALTAMENTE MOLTO più INQUINANTE che TRASBORDARE petrolio da una petroliera normale ad una petroliera Russa Rompighiaccio ed inoltre la Russia con questa nuova via di navigazione diretta Russia-Cina non pagherà più TASSE PORTUALI ai paesi UK-UE né userà i servizi portuali locali creando ricchezza ! !
      Che la Russia abbia vinto la guerra è evidente dai fatti : USA-UK-UE hanno pianificato e provocato questa guerra contro la Russia sperando di creare la replica esatta della guerra del URSS in Afghanistan .
      Stupidamente USA-UK-UE credevano che la Russia Capitalista avrebbe occupato militarmente quasi tutta l” Ucraina Nazista del dittatore FANTOCCIO DEGLI USA DI Zelensky perciò USA-UK-UE avrebbero rifornito di armi sofisticate da guerriglia di lusso in Nazisti Ucraini ed avrebbe inviato mercenari e soldati USA-UK-UE contro la Russia !
      Tutta questa costosa operazione USA -UK-UE è fallita miseramente perché la Russia si è limitata a liberare e occupare solo le zone a maggioranza Russa che appartenevano alla Russia .
      Con il fallimento della guerra “”giusta”” (tra virgolette) USA -UK-UE di liberazione della Ucraina Nazista dai Russi si può dire che la sconfitta militare Occidentale è ormai CERTIFICATA !
      Finché la Russia si limiterà a liberare solo le regioni Ucraine a maggioranza Russa NON potrà MAI ESSERCI UNA FINTA GUERRA DI LIBERAZIONE CREATA E SPONSORIZZATA DAGLI USA-UK-UE e condotta dal regime fantoccio Ucraino !

    • Giorgio
      Inserito alle 07:58h, 16 Novembre Rispondi

      Non voglio sostituirmi a TACABANDA1964 … ma abbozzo anche io una risposta ….
      PRIMO – La Russia ha liberato il DONBASS dalle orde UCRO-NATO nonostante i massicci e dispendiosi armamenti inviati dall’occidente …. e sta incassando i benefici delle sanzioni autolesionistiche occidentali ….
      SECONDO – Siccome gli UCRO-NATO insistono nel combattere a tutti i costi, la Russia è passata alla demolizione delle infrastrutture che all’inizio erano state risparmiate (elettricità – gas – acqua-trasporti) …
      il che comporta la insostenibilità del proseguimento del conflitto da parte UCRO-NATO …
      TERZO – il proseguimento dei combattimenti (e sanzioni) comporta l’implosione energetica ed economica dei pasi NATO ….
      e quindi ai russi non resta che stare sulle rive del fiume ad aspettare che passi il cadavere del nemico ….
      cioè dell’occidente non solo di Zelensky …
      QUARTO – Morale della favola … non solo la Russia ha liberato il Donbass dagli UCRO-NAZI-NATO ….
      ma sta incassando addirittura l’implosione e la fine dell’occidente come potenza egemone mondiale senza nemmeno fare ricorso ad armi atomiche ….
      PIU’ DI COSI’ !!!

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 14:15h, 16 Novembre Rispondi

    Il regime fantoccio Filo-USA Ucraino su ordine degli USA ha provocato con ripetute minacce militari ed azioni militari spavalde rivolte verso la Russia QUESTA GUERRA !
    Anche USA-UK-UE hanno apertamente minacciato militarmente la Russia accerchiandola in maniera minacciosa di truppe NATO a pochi metri dai confini Russi e Bielorussi !
    Anche i vari tentavi infantili di USA-UK-UE di fare dei tentativi di colpi di Stato in Russia e Bielorussia hanno obbligato la Russia ad entrare in guerra contro l” Ucraina cioè contro USA-UK-UE .
    La guerra voluta dagli USA e dai suoi paesi satelliti UK-UE era obbligatoria da fare per la Russia .
    Se si fosse “defilata” sicuramente è certamente sarebbe stata attaccata ed invasa da Ucraina-USA-UK-UE .
    Le balle folli ed assurde con annesse false notizie diffuse da ANSA-EURONEWS e da tutti MASS MEDIA OCCIDENTALI LASCIATELE PERDERE !

Inserisci un Commento