IL PETROLIO È IL SANGUE DELLA POLITICA.

di ANATOLY WASSERMAN

Trump sta preparando una nuova guerra di grande impatto. Aveva già minacciato di intervenire con le sue forze tritacarne in diversi aree di crisi e poi ha orgogliosamente elogiato la sua arte di pacificatore. Ma questa volta molti paesi possono entrare in un nuovo conflitto: sono in gioco un sacco di soldi.

Un incontro summit della Lega degli Stati arabi è previsto per il 30 maggio. È in programma una valutazione dei paesi della Lega Araba sulla questione dell’atteggiamento da tenere nei confronti dell’Iran. L’Arabia Saudita, principale alleato di USA e Israele, ha già annunciato di essere pronta per le ostilità aperte. L’Iran aiuta gli Houthi dello Yemen con le armi: questi sono gli oppositori yemeniti del presidente uscente Pro-Saudita. Per diversi anni, una coalizione guidata dall’Arabia Saudita ha cercato di sopprimere gli Houthi , utilizzando l’aviazione e l’artiglieria pesante. Tuttavia l’Arabia Saudita si è impanatanata in una guerra senza sbocco ed è responsabile del massacro della popolazione yemenita..

In un testo chiaro vi informo: gli arabi con l’Iran sono stati ostili da circa un millennio e mezzo. Sì, e tra di loro -un conflitto religioso ed interetnico- non di meno. Trump spera di combattere nel migliore spirito anglosassone – per delega. Una guerra con missili da crociera americani, carne da cannone – araba. Dopotutto, questo è il modo in cui gli Stati Uniti d’America combattono in Siria da sette anni – attraverso l’utilizzo dei terroristi.

Una guerra per procura. Lungo il cammino gli istruttori USA insegnavano agli uomini barbuti come sparare per condurre omicidi di massa nel miglior stile di Hollywood.

Nella provincia siriana di Idlib, nel nord della Siria, dove gruppi terroristici sono stati cacciati dal resto della Siria, stanno preparando un’altra drammatizzazione dell’uso di gas velenosi per accusarne nuovamente un’autorità legittima, quella del governo siriano. L’enensima montatura in stile CIA – “False Flag”.

Nella spiegazione in chiaro, vi ricordo: ora le forze dell’Aviazione Civile e i gruppi sotto il controllo USA occupano una parte significativa dei giacimenti petroliferi nell’Est della Siria.

Mike Pompeo in Arabia Saudita

Un anno fa, gli statunitensi si sono ritirati dall’accordo sul programma nucleare iraniano e hanno chiesto che il mondo intero smettesse di comprare petrolio iraniano dal 1 ° giugno. La guerra contro l’Iran distruggerà gran parte dei giacimenti petroliferi arabi vicino al Golfo Persico. I proventi della lavorazione del greggio venezuelano sono stati bloccati negli stabilimenti USA dove venivano appositamente raffinati. Anche al Venezuela Washington cerca di bloccare l’esportazione di petrolio. Tutto questo rientra in un piano.

Vi posso assicurare in un testo chiaro: gli USA stanno ridisegnando l’intero mercato petrolifero globale a proprio vantaggio. Un quarto di secolo fa, scrissi: il petrolio è il sangue della politica.

Anatoly Wasserman per Regnum

Traduzione: Sergei Leonov

2 Commenti

  • Max Dewa
    25 Maggio 2019

    IL petrolio si puo comprare solo col dollaro e chi Crea I’ll Dollaro e’ la Federal Reserve Bank l’unica banca a poter creare quel feticcio pieno si simboli massonici , la Fed banca rigorosamente kosher Ebrea all 100% , LA moneta di riferimento in tutti I Cambi e il dollaro stabile inamovibile forte come uno scoglio , l’Euro e le altre monete sono carte da monopoli moneta d’,occupazione moneta da scimmie perlopiu , qui da me I’ll Dollaro e’ da 20 anni fermo a 30 bath l’euro invece da 50 e ‘ arrivato a 30 I’ll Pound inglese tanto osannato da 74 a 42per I’ll rublo vale un altro discorso la carta igenica vale di Piu puah !

    • eusebio
      25 Maggio 2019

      Sante parole, ormai il petrolio è l’unica cosa che tiene in piedi il dollaro, tradizionalmente una moneta rappresenta l’economia materiale di una nazione, il dollaro degli ultimi anni ha visto il manifatturiero americano crollare e trasferirsi in Messico, Cina, Vietnam, Thailandia etc., mentre i titoli di stato USA sono passati da mani autoctone o al massimo in quelle delle petromonarchie a quelle dei paesi dell’estremo oriente.
      Apposta gli USA cercano di mettere le mani sul petrolio venezuelano, iraniano e perfino russo, perchè viene trattato in moneta perlopiù locale e quindi indeboliscono il dollaro.
      Ciononostante se l’Iran dovesse essere aggredito dall’aviazione USA la contraerea iraniana di fabbricazione russo-cinese (i cinesi stanno poco sotto ai russi, hanno venduto le loro batterie pure al Qatar) abbatterebbe decine di aerei USA mentre gli sgangherati eserciti delle petromonarchie non riuscirebbero nemmeno a passare il Tigri dovendo passare per l’Irak, in quanto le milizie sciite irakene li farebbero a pezzi.
      Per inciso le monarchie wahabite sono talmente vigliacche che negli anni ottanta fecero combattere gli sciiti iraniani dai fantaccini sciiti irakeni, mentre la guardia repubblicana sunnita di Saddam guardava lo scontro dalle retrovie.

Inserisci un Commento

*

code