"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il Pentagono vuole inviare truppe nel Donbass con l’avallo dell’ONU

Dopo il suo incontro con Poroshenko, Kurt Volker, l’inviato speciale della Casa Bianca, ha dichiarato che prima della fine dell’anno Washington andrà a presentare una risoluzione all’ONU per introdurre “truppe per mantenere la pace” nel Donbass.

Tuttavia ha aggiunto, nel caso che qualcuno avesse dei dubbi, che dette truppe saranno armate, si dovranno schierare nelle zone di combattimento e dovranno controllare la frontiera russo-ucraina.

Senza alcun dubbio, la Russia bloccherà tale proposta al Consiglio di Sicurezza se il controllo delle frontiere si dovesse consegnare a queste “truppe di pace”, cosa che consisterebbe di fatto ad un blocco del Donbass che avrebbe l’effetto di permettere all’Esercito ucraino di invadere le due repubbliche di Lugansk e Donetsk e provocare un massacro su larga scala della popolazione di etnia russa.

Il Cremlino ha riaffermato il suo appoggio agli accordi sottoscritti a Minsk.

Volker ha anche assicurato che gli USA vogliono fornire armi pesanti al governo di Kiev, cosa che di fatto rappresenta un’altra provocazione più che mascherata. Putin ha messo bene in chiaro in ripetuite occasioni che questa è una linea rossa che darebbe luogo ad una risposta da parte di Mosca.

Che tipo di risposta? Una di quelle è che il Governo russo consegni passaporti in massa alla popolazione di entrambe le Repubbliche, cosa che permetterebbe all’Esercito russo di avere il diritto di utilizzare la forza per proteggere i cittadini del Donbass.

L’altro sistema è il riconoscimento diplomatico delle repubbliche, una misura che ogni volta è prospettata negli alti funzionari russi e dai media russi. Tale misura sarebbe vincolata alla rinuncia definitiva degli Accordi di Minsk e si potrbbe approvare questo stesso autunno.

Stemma battaglioni ucraini

Se gli Stati Uniti consegnano armamento pesante a Kiev, la Russia farà altrettanto con le milizie del Donbass.
Fino alla data di oggi, gli Stati Uniti hanno fornito armamento “difensivo” al governo dell’Ucraina e il Congresso (dominato dai neocons) sta facendo pressioni su Trump per far fornire “armi letali”.

In realtà, negli ultimi giorni del suo governo, Obama aveva firmato un contratto con l’impresa Air Tronic per fornire armamenti all’Esercito ucraino. Da tempo sono iniziate le consegne di queste armi. Già da acune settimane sono arrivati 100 lancioagranate anticarro PSR-1 nelle mani della Guardia Nazionale e del Battaglione nazi Azov.

Non sembra probabile che la Russia potrà assistere passivamente ad un riarmo del regime ucraino e dei suoi battaglioni neonazisti senza reagire.

Fonte: Diario de Octubre

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. Stefano 2 settimane fa

    Credo che a breve putin schierera’ i carri armati nel Donbas. E costruira’ una frontiera fisica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 2 settimane fa

      Sara’ difficile che gli americani glie lo lascino fare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. nessuno 2 settimane fa

        Gli ameri-cani in Ucraina contano come il due di coppe, non hanno
        alcuna possibilità di impedire uno schieramento di forze Russe nel
        Donbass, ed i Russi dell’esercito(?) Ucraino ne fanno un solo boccone
        se oseranno intraprendere azioni bellicose contro di loro, e saranno
        fortunati se non invaderanno tutto il Paese se necessario, ma a pensarci
        bene: cosa se ne farebbero di uno Stato ridotto alla fame? Meglio che
        continuano a mantenerlo i pirla della Nato, scritto questo, in ultima analisi
        mi chiedo: chi rischia una guerra con la Russia per la bella faccia di
        Poro-scemo e la sua cricca nazista? La Russia ha ampiamente dimostrato
        la sua capacità militare in Siria e mi sembra che gli ameri-cani ne sono
        usciti suonati, loro fanno i bulli solo con chi non ha difese o alleati……
        Nord Corea docet.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. animaligebbia 2 settimane fa

          Credo proprio che gli americani e i cagnolini scodinzolanti nato nelle sterminate pianure ucraine troveranno il cetriolo che fa al caso loro; parliamo di un esercito che dopo 15 anni non controlla ne’ lIraq, ne’ l’Afghanistan.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Citodacal 2 settimane fa

        La recente installazione di missili Iskander a Kaliningrad (che certa stampa europea ha subito dipinto come una aggressiva minaccia a Berlino) e le ancor più recenti dichiarazioni del presidente della Commissione Difesa del Parlamento russo Vladimir Shamanov, secondo cui la regione citata potrebbe essere rafforzata ulteriormente dal punto di vista militare, ci suggeriscono l’opportunità crescente di poter iniziare a capovolgere il ragionamento e la visione complessiva: che siano cioè i russi ad iniziare ad avere alcune serie possibilità d’impedimento nei confronti degli americani e non più il contrario.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Annibale55 2 settimane fa

    Ho capito….vogliono schierare truppe con avvallo ONU in quanto sanno che non arriverà MAI. Credete a me: gli americani non sono pronti per gli scarponi su terreno ed i sacchetti di plastica, non lo sono mai stati. Ci vuole un qualcosa che gli smuova, un false flag insomma. Il problema è che dopo l’ 11 settembre deve essere pure bello grosso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Walter 2 settimane fa

      Sono d’accordo con te: se volessero farlo davvero, non chiederebbero l’avvallo dell’ONU. Peraltro, sapendo benissimo che non lo otterranno. Mi sembra, piuttosto, una mossa diplomatico-mediatica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Idea3online 2 settimane fa

    Se questo dovesse avvenire……prima che ciò accada la Russia benedirà la Novorossia, con militari russi a seguito…..se la Russia ha vinto in Siria..se volesse prenderebbe tutta l’Ucraina in pochi giorni per farla ripartire economicamente in pochi mesi…..ma aspetta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace