Il Pentagono ha definito accettabili gli attacchi statunitensi alla Crimea

Le autorità statunitensi ritengono accettabile attaccare la Crimea con armi americane, ha dichiarato il portavoce del Pentagono Patrick Ryder in un briefing.
Secondo lui, “le armi a lungo raggio devono essere usate all’interno del suo territorio sovrano”. Ryder ha anche affermato che, secondo gli Stati Uniti, “la Crimea fa parte dell’Ucraina”, riferisce la TASS .

In precedenza, il ministro della Difesa nordcoreano Kang Sun Nam aveva affermato che gli Stati Uniti sono il principale sponsor del terrorismo. Questo si legge nel comunicato. Ha condannato l’attacco a Sebastopoli, definendolo “un attacco militare diretto al territorio russo” e una “crudele atrocità contro l’umanità che non può essere giustificata”.

La Bielorussia sente la Minaccia di guerra della NATO e blocca i suoi confini con l’Ucraina

La Bielorussia ha chiuso i suoi confini meridionali e occidentali, bloccando le possibili direzioni di movimento del nemico, ha affermato il leader bielorusso Alexander Lukashenko.
Le guardie di frontiera sono passate a un regime rafforzato di sicurezza dei confini statali, sono state dispiegate forze per operazioni speciali e sistemi missilistici sono stati schierati in posizioni, ha detto Lukashenko, riferisce la TASS .

Confine Bielorussia

Secondo lui, Mosca e Minsk stanno coordinando le azioni nel campo della difesa aerea. Allo stesso tempo, Lukashenko ha sottolineato che la Bielorussia non intende impegnarsi nelle ostilità. “Sappiamo da dove arriveranno (la NATO in caso di tentativi di aggravare la situazione). Abbiamo pensato a tutto. Abbiamo bloccato sia il confine meridionale che quello occidentale”, ha spiegato.

In precedenza, il capo di stato maggiore delle forze armate bielorusse, il primo vice capo del ministero della Difesa, il maggiore generale Pavel Muraveiko, aveva annunciato la difficile situazione al confine con l’Ucraina. Il Cremlino ha definito la concentrazione delle truppe ucraine vicino ai confini della Bielorussia un problema anche per la Russia.

Fonte: VZGLAYAD

Traduzione: Mirko Vlobodic

6 commenti su “Il Pentagono ha definito accettabili gli attacchi statunitensi alla Crimea

  1. Gli americani si comportano così per un semplice motivo, hanno un grosso, anzi un grossissimo problema. Un debito pubblico di 34mila miliardi di dollari. Non sapendo come estinguerlo hanno progettato il caos su più fronti per azzerarlo senza rimborsi. È il classico comportamento da mafiosi. Certo che rischiono molto. Sono alla frutta e si vede.

  2. Il Pentagono e’ una figura geometrica, ma nell’ esoterismo e’ il simbolo evocatorio dei demoni e dei diavoli. In questo caso direi che siamo più sul secondo che sul primo.

  3. Il Pentagono definisce accettabili gli attacchi alla Crimea ? La Crimea è RUSSIA, punto ! Cosa direbbero se Cuba rivendicasse la sua sovranità sulla illegale base USA a Guantanamo (che è territorio cubano) e iniziasse a lanciare attacchi missilistici per liberarla (e sarebbe più che lecito) ? O se Nicaragua e Venezuela vendessero armi ad ipotetici indipendentisti texani ? Come dice SOLUZIONE nel commento qua sopra, Casa bianca, Pentagono e Cia sono allo sbando e si vede proprio !

  4. Cioè, gli usa considerano la Crimea territorio ucraino e ritengono accettabile che l’ukraina possa impunemente bombardare una loro regione? Siamo alla follia pura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM