Il Pentagono conferma che tra le vittime delle due esplosioni a Kabul ci sono militari statunitensi

Diversi militari statunitensi sono morti a causa delle due esplosioni avvenute questo giovedì vicino all’aeroporto di Kabul, riferisce il Pentagono senza fornire dettagli sul numero esatto delle vittime.

“Possiamo confermare che diversi membri del servizio degli Stati Uniti sono stati uccisi nel complesso attacco di oggi all’aeroporto di Kabul. Molti altri stanno ricevendo cure per le ferite. Sappiamo anche che diversi afgani sono stati vittime di questo atroce attacco” , si legge nella nota .

Dal canto suo, Reuters riferisce, citando le sue fonti, che almeno quattro soldati statunitensi sono morti, mentre per quanto riguarda le vittime afghane, in precedenza erano stati segnalati almeno 13 morti e 70 feriti.

Questo giovedì è stata segnalata un’esplosione improvvisa fuori da uno dei cancelli dell’aeroporto internazionale di Kabul e si sono sentiti degli spari nella zona.

L’esplosione è stata perpetrata da un attentatore suicida che era in fila con i cittadini statunitensi e britannici in attesa dei loro voli di evacuazione, secondo le informazioni preliminari.

L’ambasciata degli Stati Uniti ha emesso un avviso ai suoi cittadini avvertendoli di evitare l’area dell’aeroporto dopo l’esplosione.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

Aggiornamento:

Ora risultano 11 marines uccisi nell’attentato e un marinaio della Marina degli Stati Uniti……oltre a svariati feriti.

Ulteriore Aggiornamento

Ore 22,30 –

Diverse altre esplosioni hanno tuonato a Kabul.

Sette esplosioni sono avvenute questa notte nella capitale afghana, secondo quanto riportato dai media.

Il Pentagono ha affermato di aspettarsi che gli attacchi continuino.

“Ci aspettiamo che gli attacchi continuino e stiamo facendo tutto il possibile per essere preparati, compresi i contatti con i talebani *, che in realtà forniscono un cordone di sicurezza esterno intorno all’aeroporto”, ha affermato il generale Kenneth Mackenzie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM