Il Parlamento Europeo, una mascherata di democrazia

placeholder


di John Laughland.

Quando il Parlamento europeo vota una risoluzione anti-russa, i media russi sono occupati. Ma secondo l’accademico John Laughland, dovrebbero piuttosto fare come i cittadini europei e non prestare attenzione a questa assemblea non necessaria.

In un mondo che cambia, alcune cose rimangono. Questa settimana, come decine di volte negli ultimi anni, il Parlamento europeo voterà l’ennesima risoluzione contro la Russia. Vera e propria fabbrica di testi russofobi, il Parlamento europeo dedica un tempo spropositato alla condanna ossessiva del suo grande vicino.

A volte queste risoluzioni creano scalpore in Russia, ad esempio quando il Parlamento ha approvato una risoluzione che chiede un cambio di regime in Russia, nonché i mezzi finanziari per realizzarlo. Questa settimana, è il regolamento russo sulle ONG straniere ad essere preso di mira. L’ultima volta era Navalny. E così via.

David Sassoli presidente Parlamento Europeo

Diversamente dalla Russia, d’altra parte, queste risoluzioni passano completamente inosservate nella stessa Europa, mentre il Parlamento europeo dovrebbe incarnare la volontà democratica degli europei. È in realtà solo un discorso, distaccato dalle reali preoccupazioni dei cittadini, da qui il sovrano disprezzo con cui lo trattano.

Il Parlamento europeo è l’organo meno potente dell’UE: meno potente della Commissione, del Consiglio e della Corte di giustizia. Non svolge nessuna delle funzioni di un vero parlamento, quella di sostenere un governo al potere sottoponendolo al controllo democratico. La sua vera funzione è altrove: dovrebbe dare una facciata democratica a un’Unione europea fondamentalmente autoritaria e burocratica.

La sua impotenza spiega il suo interesse sproporzionato per gli affari esteri. Incapace di influenzare le reali decisioni prese a livello europeo, intraprende un’attività sostitutiva votando, ad ogni plenaria, testi su altri paesi del mondo sui quali ha ancor meno potere che in Europa, se ce ne sono. Questa settimana saranno condannati l’Afghanistan, Cuba, lo Sri Lanka, il Marocco, la Bielorussia e, naturalmente, la Russia. Anche le Nazioni Unite e gli Stati Uniti saranno discussi e votati. Ma tutte queste risoluzioni e condanne sono perfettamente inutili, servono solo a rafforzare un senso di superiorità morale tra coloro che le votano.

La sua intrinseca impotenza fa sì che in realtà il Parlamento europeo assomigli a una grande ONG che incuba le idee più marginali e immature, o addirittura a un’unione studentesca in cui le risoluzioni che condannano un determinato paese vengono votate prima di andare a bere qualcosa. .

Questo problema fondamentale è aggravato nel caso russo dal fatto che tutti i fascicoli riguardanti la Russia sono stati sequestrati dai deputati polacchi e baltici. Non c’è mai una risoluzione sulla Russia elaborata o proposta da un tedesco o da un francese, sebbene questi paesi abbiano una loro visione delle relazioni euro-russe che è diversa da quella dei polacchi e baltici monomaniaci.
Nel mondo reale sono le grandi potenze che prendono le decisioni, Parigi e Berlino in primis. Si ha l’impressione che questi due paesi lascino gli archivi russi del Parlamento europeo, che non hanno alcun impatto sul mondo reale, ai deputati dei paesi ex sovietici semplicemente per compiacerli: possono così divertirsi continuando a giocare, giochi della loro infanzia.

La risoluzione del mese scorso che chiede un cambio di regime in Russia illustra bene questo problema. L’ha scritto un ex primo ministro lituano, Andris Kubilius, che dedica tutta la sua attività parlamentare alla lotta contro lo stato successore dell’URSS che il suo Paese ha lasciato più di 30 anni fa. Kubilius non interviene mai nel proprio paese o nella propria regione. Conosciuto dal Parlamento l’anno scorso come il principale responsabile della questione russa, è come un robot che continua a svolgere le funzioni per cui è stato programmato, molto tempo dopo che non sono più necessarie. È la prova vivente che il Parlamento europeo funge spesso da casa di riposo per i politici di ieri.

Andris Kubilius, attivo nel presentare risoluzioni antirusse

La natura illusoria di gran parte dell’attività del Parlamento europeo è ben evidenziata dalla risoluzione Kublius, che sarà votata in commissione a luglio e in plenaria entro la fine dell’anno. Nel suo testo, Kubilius esorta il Parlamento europeo a non riconoscere i risultati delle elezioni parlamentari russe che si terranno a settembre se ritiene che non siano democratiche. Prendo appuntamento con voi, cari lettori, per confermare che questo mancato riconoscimento avverrà davvero se Russia Unita, la maggioranza, vincerà quest’autunno.

Ma la cosa più ridicola non è la triste inevitabilità di questa vicenda. Sta nel fatto che il riconoscimento o il non riconoscimento non ha assolutamente alcuna importanza. Di nazionalità baltica, il signor Kubilius sa perfettamente che il mancato riconoscimento da parte delle potenze occidentali dell’annessione dei paesi baltici da parte dell’URSS dopo la seconda guerra mondiale non ha avuto assolutamente alcun effetto sulla realtà di questa annessione, non più che altrove. le decisioni dello stesso Parlamento europeo di riconoscere Juan Guaido come presidente del Venezuela nel 2019, o di non riconoscere Alexander Lukashenko come presidente bielorusso lo scorso anno.

Più il Parlamento europeo si scioglie da ogni attaccamento alle reali preoccupazioni degli elettori, più fluttua al di sopra dei loro problemi per perdersi in un mondo virtuale e immaginario. Laddove un governo nazionale deve soppesare i pro e i contro – ad esempio sulla questione del gasdotto Nord Stream 2, la cui costruzione avrà conseguenze concrete sulla vita dei cittadini, e in particolare su quelle di bollette del riscaldamento più economiche – il Parlamento Europeo , vive in un mondo di sogno.
Sta conducendo ferocemente una campagna contro questo oleodotto, anche se il governo degli Stati Uniti sembra essere sul punto di abbandonare la sua opposizione ad esso. Se il gasdotto sarà terminato, come ora sembra probabile, consegnerà gas agli europei mentre il loro parlamento non darà loro altro che vento.

fonte: https://francais.rt.com

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM