Il pacchetto di armi degli Stati Uniti a Taiwan preannuncia “l’Ucraina parte 2”

di Brian Berletic (*)

Gli Stati Uniti hanno annunciato un nuovo pacchetto di armi per Taiwan del valore fino a 345 milioni di dollari. Reuters, in un articolo riguardante il pacchetto, suggerirebbe che mirava a fornire a Taiwan “assistenza per la sicurezza”.

In realtà, il trasferimento di armi dagli Stati Uniti a Taiwan è una violazione della sovranità cinese ai sensi del diritto internazionale, che riconosce Taiwan come provincia insulare della Cina.

Il Dipartimento di Stato americano sul proprio sito ufficiale ammette che “gli Stati Uniti non hanno relazioni diplomatiche con Taiwan” e che “non sosteniamo l’indipendenza di Taiwan”. Tuttavia, il continuo sostegno dei partiti politici a Taiwan che persegue l’indipendenza e l’invio di armi statunitensi a Taiwan per sostenere tali aspirazioni costituisce una palese violazione degli accordi di Washington con Pechino nell’ambito della politica “One China”.

Le azioni di Washington in violazione sia del diritto internazionale che dei propri accordi con Pechino costituiscono una chiara provocazione contro la Cina e fungono da fattore trainante centrale dietro l’espansione militare cinese, specialmente all’interno e intorno allo Stretto di Taiwan.

Violando la sovranità della Cina inviando armi a elementi separatisti a Taiwan, gli Stati Uniti non garantiscono né la sicurezza di Taiwan né la stabilità regionale, come Washington afferma spesso che la sua presenza nella regione, a migliaia di miglia dalle proprie coste, dovrebbe raggiungere.

Un fattore che mina ulteriormente le pretese di Washington di provvedere alla “sicurezza” di Taiwan attraverso tali trasferimenti di armi, è la natura stessa di questi pacchetti.

Reuters riferisce che:
Nelle ultime settimane, quattro fonti hanno detto a Reuters che il pacchetto avrebbe dovuto includere quattro droni da ricognizione MQ-9A disarmati, ma hanno notato che la loro inclusione potrebbe fallire mentre i funzionari lavorano sui dettagli per rimuovere alcune delle attrezzature avanzate dai droni a cui solo l’aeronautica americana è consentito l’accesso.

Anche se i droni da ricognizione MQ-9A, noti anche come Razziatori, includessero la tecnologia più avanzata utilizzata dall’aeronautica americana, la loro utilità nel provvedere alla “sicurezza” di Taiwan sarebbe al massimo discutibile. Il fatto che gli Stati Uniti li stiano privando delle caratteristiche che massimizzano le loro capacità dimostra ulteriormente la mancanza di sincerità dietro le intenzioni degli Stati Uniti di “mettere al sicuro” Taiwan attraverso tali spedizioni di armi.

La tecnologia dei droni occidentali, inclusi i droni Reaper statunitensi e i droni Bayraktar TB2 turchi, si è dimostrata inefficace nei ruoli di combattimento contro concorrenti alla pari o quasi pari, vale a dire la Russia, come si è visto durante i combattimenti in Ucraina e Siria.

Come parte del conflitto in corso in Ucraina, gli aerei da guerra russi Su-27 sono riusciti ad abbattere un Mietitore statunitense sul Mar Nero semplicemente scaricando carburante sul suo percorso, compromettendo sufficientemente le sue eliche portando alla sua eventuale distruzione, ha riferito la CNN a marzo .

Anche gli aerei da guerra russi hanno sfidato i droni Reaper statunitensi che volano illegalmente nello spazio aereo siriano. Air & Space Forces Magazine in un articolo del 27 luglio 2023 intitolato “Il caccia russo danneggia un secondo MQ-9 sulla Siria. Allora, cosa dovrebbero fare gli Stati Uniti adesso?”, riporterebbe:

Il 26 luglio, due caccia russi si sono avvicinati a un MQ-9 e uno ha lanciato razzi, colpendo e danneggiando l’ala sinistra dell’aereo in diversi punti, secondo i funzionari statunitensi.

Un incidente simile diversi giorni prima ha danneggiato anche un MQ-9 Reaper statunitense.

Mentre i comandanti militari statunitensi hanno insistito sul fatto che continueranno a far funzionare i droni nello spazio aereo siriano e “dimostreranno una certa volontà e una certa forza”, non c’è praticamente nulla che gli Stati Uniti possano fare per impedire agli aerei da guerra russi di interrompere e persino abbattere i droni statunitensi a meno di scortarli con aerei da guerra forniti di di equipaggio e sparare su aerei russi.

I droni stessi sono incredibilmente vulnerabili a nazioni capaci, pari e vicine come la Russia e la Cina e persino l’Iran, che in più occasioni ha interrotto e persino dirottato alcuni dei droni più avanzati degli Stati Uniti.

Il drone da combattimento Bayraktar TB2 di costruzione turca condivide molte somiglianze con i droni fabbricati negli Stati Uniti. Il suo utilizzo da parte dell’Ucraina è stato salutato come una capacità rivoluzionaria che avrebbe decimato le forze di terra russe. Pochi mesi dopo, praticamente tutti i droni TB2 dell’Ucraina furono distrutti.

Le capacità di difesa aerea russa e le sue grandi e moderne forze aerospaziali erano più che all’altezza del tipo di guerra con i droni che gli Stati Uniti avevano aperto la strada durante la loro “Guerra al terrore”. Quello che era stato efficace in modo sbilenco contro le forze irregolari nel mondo in via di sviluppo è rimasto del tutto inadeguato e vulnerabile quando è stato messo in campo contro le forze armate di una potenza industriale sviluppata.

Le difese aeree e gli aerei da guerra della Cina sono tra i più avanzati al mondo. Alcuni dei loro sistemi più capaci sono, infatti, acquistati dalla Russia, incluso il collaudato sistema di difesa aerea S-400 e gli aerei da guerra Sukhoi Su-35S.

La Cina è più che in grado di interrompere o addirittura distruggere qualsiasi drone MQ-9 Reaper che Taiwan potrebbe acquisire come parte di questo più recente pacchetto di armi statunitensi, ponendo la domanda su ciò che gli Stati Uniti credono di ottenere inviando i droni in primo luogo.

Altri sistemi d’arma che gli Stati Uniti si sono impegnati a inviare a Taiwan negli ultimi anni includono il sistema di difesa aerea Patriot, anch’esso esposto come vulnerabile ai moderni missili da crociera, missili ipersonici e droni sia nel conflitto dell’Arabia Saudita con lo Yemen che più recentemente in Ucraina. Oltre alle loro carenze sul campo di battaglia, gli Stati Uniti sono semplicemente incapaci di fabbricare sia i sistemi di difesa aerea Patriot (lanciatori, radar e unità di comando) sia gli intercettori che usano in numero sufficiente per sostenere le operazioni anche in un conflitto di entità moderata.

La realtà qualitativa e quantitativa dietro anni di attrezzature militari occidentali pubblicizzate è stata completamente esposta sui campi di battaglia di Yemen, Siria e Ucraina. Non solo Washington è desiderosa di provocare un conflitto simile con la Cina, ma cerca di farlo attraverso un procuratore anch’esso armato con varietà e quantità insufficienti di armi statunitensi.

Gli Stati Uniti hanno cercato di utilizzare l’Ucraina per “estendere” la Russia come ha spiegato un documento della RAND Corporation del 2019 intitolato letteralmente “Estendere la concorrenza della Russia da un terreno vantaggioso”. L’idea era di continuare a inimicarsi la Russia, costringendola a spendere risorse, minando così la sua stabilità sociopolitica ed economica proprio nel modo in cui gli Stati Uniti affermano di aver causato il crollo dell’Unione Sovietica.

Chiaramente, i politici statunitensi hanno sbagliato i calcoli. La determinazione della Russia a prevenire la “NATO-ificazione” dell’Ucraina e la sua capacità economica e militare di farlo, si sono rivelate molto più formidabili di quanto l’Occidente immaginasse.

Aviazione cinese

La Cina, con la sua capacità militare, economica e industriale molto più ampia, è sicuramente posizionata per contrastare tattiche simili utilizzate dagli Stati Uniti e dai suoi alleati per minare la sua sovranità su Taiwan e utilizzare la provincia dell’isola come parte di una più ampia politica di accerchiamento statunitense . Che Washington continui a perseguire la sua attuale politica di accerchiamento nei confronti della Cina nonostante i mezzi militari con cui cerca di farlo si siano già dimostrati insufficienti contro la Russia in Ucraina indica una mancanza di opzioni e, in un certo senso, una crescente disperazione a Washington.

La politica estera degli Stati Uniti è incentrata sulla singolare ricerca del primato globale, nonostante la crescente evidenza che gli Stati Uniti non possiedono più i mezzi militari o economici per farlo. Washington continuerà a spendere risorse militari, politiche ed economiche per rendimenti decrescenti contro una Russia riemergente e una Cina in ascesa? O gli Stati Uniti abbandoneranno finalmente la loro ricerca sempre più irrealistica del primato globale e adotteranno una politica più razionale di lavorare tra le altre nazioni piuttosto che tentare di imporsi su tutte le altre nazioni? È una decisione che se Washington non prende da sola ora, altri la prenderanno nel prossimo futuro.

*Brian Berletic è un ricercatore geopolitico e scrittore con sede a Bangkok, in particolare per la rivista online “New Eastern Outlook (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Il pacchetto di armi degli Stati Uniti a Taiwan preannuncia “l’Ucraina parte 2”

  1. Analisi impeccabile, tra l’altro oggi il candidato alla presidenza taiwanese alle elezioni di gennaio del DPP era negli USA, probabilmente per prendere accordi per l’imminente proclamazione dell’indipendenza dell’isola, mentre la Cina esercita i suoi caccia di quinta generazione J-20 con i loro nuovi motori e i caccia da aviazione navale J-15, mentre i russi provano i nuovi motori per i caccia di sesta generazione sui Sukhoi-57 e sono già in fase avanzata di progettazione dei Su-75.
    Gli USA non hanno niente di tutto questo, eppure spingono per una guerra ormai certa con la Cina.
    L’unica spiegazione è che decenni di deindustrializzazione hanno portato al potere negli USA avvocati, assicuratori, immobiliaristi, banchieri, mentre in Cina e Russia sono al potere ingegneri e scienziati.

  2. Concordo, analisi perfetta.
    A parte il fatto di intravedere un cambio di posizione degli Usa a nazione che collabora con le altre e non tenta di imporsi su tutte.
    Qui proprio non ci siamo… dopo tutta la spazzatura che il mondo intero ha subito per generazioni dal caro zio Sam, che pure ha cominciato bene dagli indiani, è preferibile lasciarli toccare il fondo e vederli mendicare per sempre.
    Sarà forse anche eccessivo, ma un bel virus mortale con radar a gene aglosassone risolverebbe la quasi totalità dei problemi del pianeta.
    Siamo troppi no?
    Perché non sfoltire partendo proprio dalla feccia?
    Russia e Cina stanno giocando molto bene e con discrezione le loro carte, mi spiace davvero che il nostro governo non perda occasione per dare conferma ogni giorno di voler stare sul carro dei perdenti.
    La cosa non verrà dimenticata e nel nuovo ordine mondiale resteremo in coda, relegati al ruolo di paese turistico.
    Italia fuori dalla Nato, prima che i nostri pochi giovani addestrati finiscano in Polonia/Ucraina a fare i bersagli per Bidet.

  3. Gli USA vendono a Taiwan per 350 milioni di dollari ” Scoasse ” militari USA !
    Gli USA vendono le loro Scoasse dopo aver tolto tutti gli aggeggi elettronici più moderni e sofisticati ( vecchi di 20 anni ) !
    Tutti i dittatori fantoccio Filo-USA sia della NATO sia Ucraino sia di Taiwan mi sembrano dei ritardati mentali poiché vanno ad acquistare immondizie militari USA pure prive di un aggiornamento pagandole a peso D”ORO !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM