Il nuovo sistema di guerra elettronica dell’esercito russo avrà un impatto in Europa e Stati Uniti

L’esercito russo ha condotto un ampio uso di sistemi di soppressione
elettronica in grado di disturbare i segnali entro un raggio fino a
5.000 chilometri che copre tutta l’Europa e parte degli Stati Uniti,
come ha confermato il comando della flotta settentrionale della
marina russa con sede nell’Artico.

“I militari di un centro di guerra elettronica della Flotta del Nord
hanno condotto un’esercitazione tattica sul territorio della regione
di Murmansk. Hanno elaborato il dispiegamento del complesso di
soppressione delle comunicazioni a onde corte di Murmansk-BN,
nell’Artico, in un’area di 100 chilometri “, ha detto sabato il
servizio stampa della flotta.

Il Murmansk-BN è un sistema di disturbo delle comunicazioni a lungo
raggio appositamente progettato per neutralizzare le comunicazioni
satellitari militari ad alta frequenza della NATO e americane. È stato
sviluppato come parte di un sistema di guerra elettronica strategica
russo e opera come capacità network-centric.
L’obiettivo principale
della rete di disturbo è l’HFGCS (High-Frequency Global Communications
System) dell’Occidente.

Il sistema di guerra elettronica può anche essere utilizzato per
condurre ricognizioni radio, intercettare e sopprimere i segnali
nemici su tutto il raggio delle onde corte e fino a 5000-8000 km, ha
aggiunto il rapporto dell’EurAsian Times con sede negli Emirati Arabi
Uniti .

Sistema Murmansk BN guerra elettronica

L’esercitazione tattica – condotta nell’estremo nord-ovest della
Russia di Murmansk – ha richiesto 14 ore, durante le quali i membri
del servizio russo sono riusciti a completare con successo “tutti i
compiti assegnati”, afferma il rapporto.

Mentre l’attuale esercitazione di jamming elettronico è stata condotta
principalmente in un’area relativamente piccola, gli esperti ritengono
che la Russia sarebbe in grado di utilizzare il sistema in modalità
massima entro un breve periodo di tempo, il che significa che potrebbe
sopprimere la comunicazione dei sistemi nemici anche a distanze molto
lunghe .

Gli esperti ritengono che se l’esercito russo decide di utilizzare i
sistemi Murmansk-BN a pieno regime, può avere un impatto efficace
sull’intera Europa e su parti del territorio degli Stati Uniti.

Murmansk-BN, che è stata sottoposta a varie esercitazioni di prova
negli ultimi quattro anni, può mappare automaticamente le attività in
corso nella sua area operativa e definire le misure necessarie per
neutralizzare le minacce della NATO e degli USA.

Altri dispositivi di disturbo sviluppati dalla guerra radioelettronica
russa includono i sistemi Krasukha e Divnomorye, che secondo quanto
riferito sono in grado di disturbare le comunicazioni satellitari, i
segnali GPS e le comunicazioni con i droni utilizzate dal nemico.

Dopo essere state prese di mira da tali sistemi di disturbo, le forze
nemiche si ritrovano “cieche, sorde e senza parole”, osserva il
rapporto.

Il dispiegamento del Murmansk-BN è stato organizzato come
un’esercitazione tattica, ha detto, aggiungendo che i veicoli che
trasportavano un set completo di antenne telescopiche e unità di
controllo hanno guidato per quasi 100 chilometri dalla loro base
vicino a Severomorsk a un aeroporto chiuso dove la pista era usata per
parcheggiare i camion e sollevare le antenne.

Il potente sistema è distribuito in diverse località in Russia, anche
se due di esse sono dedicate a coprire la regione artica mentre un
altro rimane nella penisola di Kamchatka in Estremo Oriente.

Il sistema è diventato operativo per la prima volta in Crimea nel 2014. È stato testato nella primavera del 2019 insieme ai Krasukha-2 e
Krashukha-4, volti a contrastare i sistemi radar aerei come i missili
nemici. Insieme al complesso sulla Kamchatkha, potrebbe quindi
stabilire uno scudo che copre l’intero Artico russo.

Navi russe nell’Artico

Dal 2018, le parti nord-orientali della Norvegia e della Lapponia
finlandese sarebbero state disturbate da dispositivi di disturbo GPS,
con le autorità norvegesi che affermano di essere state
deliberatamente attivate dalle unità militari russe di guerra
elettronica basate sulla penisola di Kola nord-occidentale del paese.

Tali disturbi a lungo raggio si sono verificati anche durante
l’esercitazione Trident Juncture 2018 della NATO in Norvegia, tra i
rapporti che hanno anche messo a repentaglio la sicurezza dei servizi
civili nell’area di Kirkenes, come unità di ricerca e soccorso,
ambulanze e aviazione passeggeri negli aeroporti regione
settentrionale vicino al confine russo.

Nota: La necessità del comando russo è quella di contrastare le
crescenti provocazioni che la NATO conduce nell’area dell’Artico,
vicino alle coste russe e nel Mar Nero, dove si segnala una costante
presenza di unità navali e aerei della NATO in prossimità della
Crimea, penisola che è parte integrante del territorio russo.

Fonte: Presstv.ir

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM