Il nuovo potere delle materie prime

di Alastair Crooke

I BRICS 11 rappresentano oggi il 37% del PIL mondiale (in termini di PPP) e il 46% della popolazione mondiale. Per fare un confronto, il PIL del G7 è del 29,9% (in termini di PPA).

L’eterogeneo gruppo BRICS è “riuscito” nel suo intento – si è unito, nonostante i molteplici tentativi di “espellere” alcuni stati chiave. Si tratta di un notevole risultato diplomatico e geostrategico, nato dal desiderio ampiamente condiviso di trovare una soluzione alternativa all’armamento eccessivo dell’America derivante dall’”eccezionalità” del dollaro post-Seconda Guerra Mondiale: gli Accordi di Pace. che tutti gli scambi di energia e materie prime devono essere valutati in dollari e condotti in dollari (rendendo così tutti gli stati vulnerabili alle sanzioni occidentali).

È questo punto comune che è all’origine dell’allargamento dei BRICS. La guerra finanziaria potrebbe essere iniziata negli anni ’80 con il Plaza Accord che bloccò di proposito la crescita del Giappone per decenni. Dal febbraio 2022, gli Stati Uniti e l’Europa si concentrano sul collasso dell’economia russa. Oggi Stati Uniti e Unione Europea si preparano ad applicare il “trattamento giapponese” alla Cina, attraverso regolamenti, tariffe e un inasprimento della cintura di “sicurezza nazionale” del commercio proibito.

Serviva un primo “lavoro” ad hoc. E questo è quello che è successo: commerciare nelle proprie valute e compensare i propri scambi valutari attraverso un sistema di valuta digitale nazionale della Banca Centrale che verrebbe “compensato” in tempo reale tra le banche centrali, senza toccare il dollaro. Il sistema ha già dato prova della sua efficacia in un progetto pilota chiamato “m-CBDC Bridge”. L’idea è che ogni stato BRICS manterrebbe le proprie valute per l’uso quotidiano, con le valute digitali limitate alle transazioni di scambio digitale tra le banche centrali.

La prospettiva di una valuta comune dei BRICS ha fatto circolare molto inchiostro sulla stampa occidentale. Ma questo sarà per dopo. (La creazione di una valuta di riserva è sempre stata una falsa pista per l’Occidente; lo status di riserva non è richiesto dalla Russia o dalla Cina, né è un’aspirazione).

Ma forse l’assenza di una “nuova moneta” che avrebbe suscitato scalpore nei media ha portato gli osservatori a sottovalutare l’impatto di quanto ottenuto in questo vertice. L’allargamento (altri stati seguiranno l’anno prossimo) offre alla Cina lo spazio strategico in cui situare la ristrutturazione dell’economia cinese. Offre a Russia e Cina l’opportunità di sviluppare ed espandere pienamente il corridoio Nord-Sud (INSTC) in entrambe le direzioni. I BRICS hanno integrato due economie potenzialmente in forte espansione in Africa e due in America Latina.

I BRICS 11 rappresentano oggi il 37% del PIL mondiale (in termini di PPP) e il 46% della popolazione mondiale. Per fare un confronto, il PIL del G7 è del 29,9% (in termini di PPA).

Non aspettarti che accada qualcosa di drammatico a breve. Tuttavia, il graduale declino nell’uso del dollaro in gran parte dell’economia globale trasformerà il sistema monetario globale in diversi modi: con la domanda di dollari in calo (mentre Washington continua a stamparli), il valore dei dollari fiduciari diminuirà, il che significa che per finanziare il nuovo debito, gli Stati Uniti dovranno pagare ai propri creditori interessi più elevati (per compensare la concomitante caduta del valore dei titoli).

La “ciliegina sulla torta” meno notata, ovviamente, è che con l’aggiunta di Iran, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita, i BRICS ora controllano circa il 54% della produzione globale di petrolio – e includono alcuni dei maggiori consumatori del mondo. .

In breve, i BRICS, con le loro risorse energetiche e di materie prime, sono diventati una potenza delle materie prime .

Il che ci porta ai seguenti due punti in comune all’interno di un gruppo apparentemente disparato: in primo luogo, quando questi stati scambiano valute come il rublo, il rial o il remimbi, lo fanno in una valuta che ha un valore intrinseco, basato su una merce, come il petrolio o il remimbi. oro.

In altre parole, i BRICS si allineano con valute basate sul valore di una merce piuttosto che con strumenti monetari fiat che si svaluteranno man mano che l’inflazione ne eroderà il valore relativo.

Il secondo grande punto comune è l’uscita dalla morsa del modello occidentale neoliberista iper-finanziarizzato a favore di un modello che preveda una maggiore autosufficienza nazionale. Pertanto, sfidare semplicemente le basi filosofiche del sistema politico ed economico “anglo” – che è alla base dell’”ordine basato su regole” – è importante, a modo suo, quanto la semplice de-dollarizzazione.

Gli stati non occidentali sostengono da tempo che il modello neoliberista è in contrasto con i bisogni globali. Il presidente Xi lo ha detto senza mezzi termini: ” Il diritto dei popoli a scegliere autonomamente il proprio percorso di sviluppo deve essere rispettato… Solo chi indossa le scarpe sa se sono adatte a lui oppure no “.

Il problema è che con il consumo basato sul debito – come nel modello occidentale iperfinanzializzato – il sistema si allontana dalla creazione di ricchezza, il che alla fine rende impossibile consumare così tanto o impiegare così tante persone.

Questo indebolimento dell’economia reale, attraverso la finanziarizzazione e l’enfasi sui “prodotti finanziari derivati”, risucchia l’ossigeno dalla realizzazione della produzione reale. L’autosufficienza quindi si erode e la contrazione della base di creazione di ricchezza reale sostiene un numero sempre minore di posti di lavoro ben retribuiti.

Ancora una volta, il passaggio concettuale verso la costruzione della sovranità attraverso un approccio basato sull’economia reale, in contrapposizione al finanziarismo, avrà profonde implicazioni per Wall Street – nel lungo termine. La de-dollarizzazione, combinata con il paradigma dell’economia reale, rischia quindi di sconvolgere il mondo.

Alastair Crooke

Fonte: Al Mayadeen

7 commenti su “Il nuovo potere delle materie prime

  1. penso che sarebbe giunta finalmente l’ora, che il mondo si liberasse di questa gabbia del dollaro, e si rifiutasse di continuare a regalare questo privilegio agli USA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2023 · controinformazione.info · site by madidus