Il nuovo bombardamento USA fra Siria e Iraq segna l’Inizio di una nuova offensiva contro le forze della Resistenza

placeholder


Il corrispondente di Al-Alam TV a Baghdad ha confermato che ci sono state vittime civili e feriti a seguito degli attacchi aerei americani che l’aviazione USA ha lanciato sulle zone di confine tra Iraq e Siria, rilevando che le Unità di Mobilitazione Popolare hanno confermato che l’attacco è stato effettuato con bombe di peso maggiore di 1250 kg.

Mondo – Reporter

Il nostro collega Navid Bahrouz ha dichiarato: L’attacco è il primo del suo genere dopo che Biden si è insediato negli Stati Uniti d’America, avvenuto oggi alle 2 del mattino, considerando che lo scenario conferma il sostegno dell’America alle organizzazioni terroristiche che stanno cercando di infiltrarsi al confine zona tra Iraq e Siria.

Il nostro corrispondente ha spiegato che l’attentato ha preso di mira l’area di Al-Qaim all’interno dei confini iracheni all’interno della provincia di Anbar, e l’obiettivo era la 14a brigata della mobilitazione popolare all’interno delle brigate Sayyid al-Shuhada.

Il nostro corrispondente ha aggiunto che ci sono fazioni di resistenza che non sono sotto l’ombrello della Mobilitazione Popolare che si considerano in dissoluzione delle istituzioni ufficiali e chiedono di affrontare la presenza americana, sottolineando che la difesa della sovranità irachena da parte della Mobilitazione Popolare non fa appello alla amministrazione americana, considerando che il bombardamento americano equivale a prendere di mira le forze armate irachene.

Il nostro corrispondente ha confermato che le aspettative indicano reazioni di rappresaglia al bombardamento americano, dopo che le Brigate Sayyid al-Shuhada hanno promesso di rispondere all’attacco americano, sottolineando che la guerra sarà aperta.

Il comunicato ufficiale delle Brigate Sayyid Al-Shuhada aveva confermato finora la morte di quattro martiri, oltre a molti feriti a causa dei bombardamenti americani. La dichiarazione indicava che il sito preso di mira, contrariamente a quanto affermato dall’amministrazione statunitense e dal Pentagono, non era un deposito di armi.

Aerei coalizione USA

E il corrispondente di Al-Alam ha indicato che fino a quest’ora nessuna dichiarazione ufficiale è stata rilasciata dalle autorità irachene finora, una risposta irachena a questo bombardamento americano, soprattutto perché coincide con il settimo anniversario della fondazione delle Unità di Mobilitazione Popolare.

Reazioni di sdegno e di condanna sono state espresse da vari esponenti del Parlamento e del Governo iracheno.

Fonte: AL Alam

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM