Il nuovo accordo tra Iran e Cina scombina i piani degli USA in Medio Oriente?

L’accordo strategico sino-iraniano cambierà il volto del Medio Oriente. Questo accordo va oltre la Via della Seta e potrebbe avere un impatto negativo sul dominio del dollaro in una regione in cui scorre il petrolio. Il governo iraniano ha discusso e approvato la bozza finale di una tabella di marcia di 25 anni per le relazioni strategiche Iran-Cina in una riunione regolare di lunedì 22 giugno.

“Il ministero degli Esteri iraniano è stato incaricato di svolgere gli ultimi round di negoziati con la parte cinese e di organizzare la firma del documento da parte dei due paesi sulla base di interessi reciproci a lungo termine”, ha affermato il presidente iraniano, Hassan Rohani, che ritiene che l’obiettivo principale di questo piano sia quello di promuovere la cooperazione strategica bilaterale a livello regionale e internazionale utilizzando un approccio reciprocamente vantaggioso. “

Il quotidiano libanese Al Akhbar sottolinea al riguardo: “Le leggi della fisica dicono che la pressione genera un’esplosione, ma in politica c’è chi cerca di sfruttare la pressione ostile per diversificare le proprie opzioni, al fine di” aprire nuove porte alle economie nel quadro della politica delle sanzioni. E l’Iran è uno di questi e non smette di moltiplicare le opportunità a causa della politica di massima pressione subita da parte degli Stati Uniti. Pechino e Teheran hanno recentemente firmato un accordo di cooperazione strategica di 25 anni, che secondo gli esperti iraniani renderà il loro paese il primo alleato della Cina in Medio Oriente.

In altre parole, proprio come ha fatto con la Russia, l’Iran sta per rompere unilateralismo americano e portare la Cina in Medio Oriente “.

Il cancelliere iraniano Zarif a Pecino in riunione con la dirigenza cinese

“Teheran non ha rivelato i dettagli di questa cooperazione, ma ha iniziato a parlarne seriamente all’inizio dell’anno scorso, quando una delegazione iraniana senior ha visitato la Cina. Al momento, si discute dell’aspetto economico. All’inizio di settembre, dopo i colloqui di Zarif a Pechino a fine agosto, la rivista “Petroleum Economist” ha annunciato che la Cina intendeva investire 280 miliardi di dollari nei settori del petrolio iraniano, del gas e dei prodotti petrolchimici. La rivista, specializzata in questioni energetiche, ha citato una fonte di alto livello del ministero del petrolio iraniano affermando che questo accordo era stato confermato durante la visita di Zarif. La rivista ha anche riferito che la Cina si è impegnata a investire altri 120 miliardi di dollari in infrastrutture petrolifere e industriali in Iran.

“Il frutto minore di questo accordo è che una volta che sarà attuato, la Cina acquisterà più petrolio iraniano e pagherà i due terzi del prezzo in contanti e l’altro terzo sotto forma di beni e servizi. La Cina inizierà a realizzare progetti economici e investirà in progetti infrastrutturali che apriranno la strada a milioni di iraniani per trovare lavoro e l’Iran diventerà un hub per le principali fabbriche cinesi, che distribuiranno i loro prodotti da lì al Medio Oriente e all’Asia occidentale e Nord-ovest, invece di spedire prodotti dalla Cina. Una fonte iraniana ben informata spiega ad Al Akhbar che l’obiettivo dell’accordo è “assicurare ai cinesi che l’Iran continuerà a cooperare con loro anche se le loro controversie con i paesi occidentali saranno risolte e che possano contare sull’Iran come alleato strategico.


Fonte: Al Akhbar
https://seenthis.net/people/al-akhbar

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus