Il Niger rifiuta l’ordine basato su regole

di MK Bhadrakumar

Il colpo di stato del 26 luglio nello stato del Niger dell’Africa occidentale e il vertice Russia-Africa tenutosi il giorno successivo a San Pietroburgo si inseriscono nel contesto della multipolarità dell’ordine mondiale. Apparentemente non correlati, questi eventi riflettono tuttavia lo stato d’animo della nostra epoca di trasformazione.

Innanzitutto, il quadro generale: il vertice africano del 27-28 luglio ospitato dalla Russia rappresenta una grande sfida per l’Occidente, che istintivamente ha cercato di minimizzare l’evento dopo aver fallito nel fare pressioni contro l’incontro tra paesi africani sovrani e leader russi. 49 paesi africani hanno inviato le loro delegazioni a San Pietroburgo e 17 capi di stato hanno visitato di persona la Russia per discutere questioni politiche, umanitarie ed economiche. Per il Paese ospitante, che è in piena guerra, si tratta di un notevole successo diplomatico.

Il vertice è stato un evento essenzialmente politico. Il suo filo conduttore era la giustapposizione del sostegno di lunga data della Russia agli africani che resistevano all’imperialismo e la natura predatoria del neocolonialismo occidentale. Questo funziona perfettamente per la Russia di oggi, che non ha una storia coloniale di sfruttamento e saccheggio dell’Africa.

Mentre ogni tanto scheletri dell’era coloniale emergono dagli armadi occidentali, risalenti alla famigerata tratta degli schiavi africani, la Russia attinge all’eredità sovietica di essere dalla “parte giusta della storia”, arrivando persino a resuscitare il nome completo dell’Università Russa per l’Amicizia dei Popoli Patrice Lumumba di Mosca.

Ma non era solo politica. Delibere del vertice sul partenariato Russia-Africa che aiuta il continente a raggiungere la “sovranità alimentare”, alternative all’accordo sui cereali, nuovi corridoi logistici per prodotti alimentari e fertilizzanti russi, potenziamento della cooperazione commerciale, economica, culturale, educativa, scientifica e di sicurezza, potenziale adesione dell’Africa al corridoio internazionale di trasporto Nord-Sud, la partecipazione della Russia ai progetti infrastrutturali africani, il piano d’azione del forum di partenariato Russia-Africa entro il 2026, testimoniano risultati quantificabili.

Veniamo al Niger. Gli ultimi sviluppi in Niger sottolineano il filo conduttore del vertice Russia-Africa. La prognosi della Russia sulla crisi africana è confermata: le continue devastazioni dell’imperialismo occidentale. Ciò è evidente dalle segnalazioni di bandiere russe viste durante le proteste a Niamey, la capitale del Niger.

I ribelli che hanno preso il potere si sono affrettati a denunciare gli accordi di cooperazione tecnico-militare del Niger con la Francia, a cui è seguita una richiesta di ritiro delle truppe francesi entro 30 giorni. Da parte sua, la Francia si è dichiarata “ ferma e risoluta ” a favore di un intervento militare straniero “ per reprimere il tentativo di colpo di Stato ”. Le autorità francesi hanno chiaramente indicato che non intendono ritirare il loro contingente armato di 1.500 persone che si trova in Niger “ su richiesta delle legittime autorità del Paese sulla base di accordi firmati ”.

La posizione della Francia non è sorprendente: Parigi non vuole perdere la sua posizione nella regione del Sahel e la sua fonte di risorse a basso costo, in particolare l’uranio. Ma la Francia ha sbagliato i calcoli pensando che il colpo di stato mancasse del sostegno dell’esercito nigeriano o di una base sociale, e che tutto ciò che era necessario per respingerlo fosse una limitata dimostrazione di forza che avrebbe costretto la guardia presidenziale d’élite ad avviare negoziati diretti con la Francia. .

Francia e Stati Uniti coordinano le loro azioni con la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS). L’ECOWAS ha inizialmente lanciato alcuni colpi di sciabola, ma si è calmata. Il suo termine per l’intervento è scaduto. L’ECOWAS semplicemente non ha un meccanismo per riunire rapidamente le truppe e coordinare le ostilità, e la Nigeria, la sua grande potenza, ha già molto a che fare con la sicurezza interna. L’opinione pubblica nigeriana teme un contraccolpo– Il Niger è un grande paese che ha un confine poroso di 1500 chilometri con la Nigeria. Una verità non detta è che la Nigeria ha scarso interesse a rafforzare la presenza militare francese in Niger o a schierarsi con la Francia, che è estremamente impopolare in tutto il Sahel.

Giunta golpista Niger

La madre di tutte le sorprese è che il golpe militare gode di un’ondata di sostegno popolare . In queste condizioni, è molto probabile che le truppe francesi saranno costrette a lasciare il Niger, sua ex colonia. Il Niger è vittima dello sfruttamento neocoloniale. Con il pretesto di combattere il terrorismo, che è, ironia della sorte, una conseguenza dell’intervento della NATO in Libia del 2011 guidato nientemeno che dalla Francia nella regione del Sahel, la Francia ha sfruttato spietatamente le risorse minerarie del Niger.

Un famoso poeta e critico letterario nigeriano, il professor Osundare, ha scritto la scorsa settimana: “ Esamina la causa, il corso e i sintomi dell’attuale recrudescenza dei colpi di stato militari nell’Africa occidentale. Trova una cura per questa pandemia. Soprattutto, trovare una cura per il flagello delle ingiustizie politiche e socio-economiche responsabili dell’inevitabilità del suo ripetersi. Ricordate la brutale anarchia che attualmente regna in Libia e le innumerevoli ripercussioni della destabilizzazione di questo paese un tempo fiorente sulla regione dell’Africa occidentale ”.

L’unico stato regionale che può permettersi un efficace intervento militare in Niger è l’Algeria. Ma l’Algeria non ha esperienza nella conduzione di tali operazioni su scala regionale e non ha intenzione di deviare dalla sua coerente politica di non ingerenza nella politica interna di un paese sovrano. L’Algeria ha messo in guardia contro qualsiasi intervento militare esterno in Niger. Il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune ha dichiarato: ” L’intervento militare esterno in Niger è una minaccia diretta per l’Algeria e noi lo rifiutiamo totalmente e categoricamente… I problemi devono essere risolti pacificamente “.

Fondamentalmente, senza dubbio, il colpo di stato nella Repubblica del Niger si riduce a una lotta tra i nigerini e le potenze coloniali. Certamente, la crescente tendenza al multipolarismo nell’ordine mondiale incoraggia i paesi africani a liberarsi dal neocolonialismo. È una cosa. D’altra parte, le grandi potenze sono costrette a negoziare piuttosto che imporre.

È interessante notare che Washington ha mostrato una relativa moderazione. I “valori” sostenuti dal presidente Biden sono ben lontani dal diktat dell'”ordine basato sulle regole”, nonostante gli Stati Uniti abbiano tre basi militari in Niger. Nel contesto multipolare, i paesi africani stanno guadagnando spazio per negoziare. L’attivismo russo stimolerà questo processo. La Cina ha anche interessi economici in Niger.

In particolare, il golpista Abdourahamane Tchiani ha affermato che ” i francesi non hanno motivi oggettivi per lasciare il Niger “, indicando che un rapporto giusto ed equo è possibile. La Russia è stata cauta nel dire che il compito principale al momento era “ impedire un ulteriore deterioramento della situazione nel Paese ”. La portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha dichiarato: ” Riteniamo urgente organizzare un dialogo nazionale per ripristinare la pace civile, assicurare la legge e l’ordine… crediamo che la minaccia di ‘un uso della forza contro uno Stato sovrano non aiuterà a disinnescare le tensioni e risolvere la situazione nel paese ‘.

È chiaro che Niamey non cederà alle pressioni degli stranieri. ” Le forze armate nigerine e tutte le nostre forze di difesa e sicurezza, con il sostegno incrollabile del nostro popolo, sono pronte a difendere l’integrità del nostro territorio”, ha affermato in un comunicato un rappresentante della giunta. Una delegazione di Niamey si è recata in Mali per chiedere ai combattenti di Wagner, affiliati alla Russia, di unirsi alla lotta in caso di intervento sostenuto dall’Occidente.

Non dobbiamo aspettarci una rapida risoluzione della crisi intorno al Niger. Il Niger è uno Stato chiave nella lotta alla rete jihadista ed è strategicamente e strutturalmente legato al vicino Mali. Inoltre, la situazione nella regione del Sahel sta peggiorando. Ciò ha profonde implicazioni per la crisi dello stato dell’Africa occidentale nel suo complesso.

L’eccezionalismo americano non è una panacea universale per i mali esistenti. Il Pentagono ha aiutato ad addestrare almeno uno dei golpisti in Niger – e quelli in Mali e Burkina Faso, che si sono impegnati a venire in difesa del Niger. Tuttavia, visitando Niamey lunedì, l’assistente del segretario di Stato ad interim Victoria Nuland si è lamentata del fatto che i golpisti si fossero rifiutati di permetterle di incontrare il deposto presidente Mohamed Bazoum e che non fossero stati ricettivi alle richieste degli Stati Uniti per un ritorno del paese al governo civile.

La missione di Nuland era di dissuadere i golpisti dall’impegnarsi con il gruppo Wagner, ma non era certa di riuscirci. A Nuland non è stato permesso di incontrare il generale Tchiani.

MK Bhadrakumar

fonte: Indian Punchline

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “Il Niger rifiuta l’ordine basato su regole

  1. Prendi dieci Uomini, falli crescere senza istruzione dentro una foresta, quando hanno venti anni o poco piu’, dai loro una spada e osserva quello che succede. Prendi dieci Uomini falli crescere nella civilta’ piu’ avanzata, dai loro la migliore istruzione e quando hanno venti anni o poco piu’, mettili dentro un F35 e osserva quello che succede. Conclusione? Gli uomini sono proprio tutti uguali… Non li distingue nemmeno il grado di Civilta’ da essi raggiunto.-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM