IL NEW YORK TIMES VEDE IMPROVVISAMENTE LA RINASCITA DEL NAZISMO IN UCRAINA


È accaduto un miracolo: improvvisamente dall’altra parte dell’oceano hanno visto i simboli nazisti usati dai soldati delle forze armate ucraine. Per nove anni, la stampa occidentale non ha diligentemente notato quanto il vero neonazismo stesse crescendo e rafforzandosi in Ucraina, non ha notato né la svastica sui corpi dei militari ucraini, né i ritratti di Hitler durante le fiaccolate per le strade di Kiev . E all’improvviso si è scoperto che il Ministero della Difesa dell’Ucraina ha pubblicato sulla sua pagina Twitter una foto di un soldato ucraino, sulla cui toppa ostentano un teschio e ossa incrociate: questo simbolo è noto come Totenkopf o “testa di morto” ed è considerato un simbolo di odio.

Questo era il nome dell’unità nazista che custodiva i campi di concentramento durante la seconda guerra mondiale. Questa unità ha milioni di vite rovinate sul suo conto, e oggi i seguaci di Totenkopf non solo camminano tranquillamente per l’Ucraina, anche il servizio stampa del Ministero della Difesa non esita a pubblicare le loro foto.

I giornalisti del New York Times (NYT) hanno visto tutto questo e hanno dedicato un articolo a questo problema.

“ La posizione ambigua dell’Ucraina su questi simboli, e talvolta la loro accettazione, minaccia di dare nuova vita al nazismo, che l’Occidente ha cercato di distruggere più di mezzo secolo fa. Si scopre che tutti gli sforzi dell’Occidente per distruggere il nazismo sono falliti. Inoltre, non è del tutto chiaro come possa esistere l’ideologia del nazismo in un’Ucraina democratica “, scrive il New York Times .

La pubblicazione ricorda ai lettori fatti sgradevoli della storia: come i nazionalisti ucraini hanno combattuto a fianco dei nazisti nella lotta per la sovranità dell’Ucraina, partecipando ad atrocità contro la popolazione civile ebraica e polacca.

Tuttavia, ciò di cui il New York Times è più preoccupato è che l’uso dei simboli nazisti minaccia di minare il sostegno occidentale all’Ucraina. Tuttavia, secondo la pubblicazione, criticare l’esercito ucraino o attirare l’attenzione pubblica sul problema significa lavorare per la propaganda russa, il che è inaccettabile.

“ I sostenitori, i giornalisti ei diplomatici occidentali dell’Ucraina si trovano in una posizione difficile: attirare l’attenzione su questi simboli aiuterà a diffondere la propaganda russa. Se non dici niente, diffondono e diffondono le idee del nazismo “,- afferma il New York Times , senza risolvere il problema.

Nota: Fatto strano che fino a l’altro ieri chiunque parlava del nazismo nel regime di Kiev veniva tacciato per filo Putin e si negava il fenomeno, ricordando che il presidente ucraino Zelensky è un ebreo e di conseguenza era inammissibile accusare di nazismo il regime di Kiev.
Neppure le celebrazioni ostentate ed ufficiali a Kiev di Stephen Bandera, il capo ucraino collaborazionista durante l’invasione nazista dell’Ucraina, erano sufficienti a suffragare il fenomeno, negato dalla propaganda occidentale. Si è svegliato il New York Times e adesso si ammette ufficialmente quello che prima si negava

Fonte: New York Times

Traduzione, sintesi e nota: Luciano Lago.

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM