IL NEOLIBERISMO CI HA INGANNATO CREANDO UNA FIABA SU DOVE VIENE IL DENARO


di Mary Mellor

Non c’è niente di naturale nel denaro. Non c’è alcun legame con una forma essenziale di denaro scarso che pone un limite alla sua creazione. Può essere composto da metalli di base, carta o dati elettronici, nessuno dei quali è scarso. Allo stesso modo, nonostante ciò che avete sentito sulla necessità di austerità e sulla mancanza di alberi che generino dnaro, non esiste un livello “naturale” di spesa pubblica. La dimensione e la portata del settore pubblico sono una questione di scelta politica di ogni stato.

Cosa pone l’austerità, il sacrificio della spesa nell’economia pubblica, sotto qualche domanda. Per alcuni paesi, come la Grecia, l’impatto dell’austerità è stato devastante. politiche di austerità ancora persistono nonostante i numerosi studi che sono stati fatti sulla base di una visione errata sulla base di una scelta politica piuttosto che una logica economica. Ma l’argomento economico dell’austerità è ugualmente sbagliato: si basa su quellache può essere meglio descritto come un’economia da favola.

Quindi, quali erano le giustificazioni? La Gran Bretagna, per esempio, ha vissuto sotto un regime di austerità dal 2010, quando il governo entrante dei liberaldemocratici ha invertito la politica del lavoro per aumentare il livello della spesa pubblica in risposta alla crisi finanziaria del 2007-8. La crisi aveva creato una tempesta perfetta: il salvataggio in banca richiedeva alti livelli di spesa pubblica, mentre la contrazione economica riduceva le entrate fiscali. Il caso dell’austerità era che il contribuente non poteva pagare un livello più alto di spesa pubblica. Questo è stato supportato da “economia delle borse”, che adotta l’analogia degli stati come famiglie, dipendente da un sostenitore del settore privato.

Sotto l’economia delle borse, gli stati devono limitare le loro spese a ciò che è considerato che il contribuente può pagare. Gli Stati non dovrebbero cercare di aumentare le proprie spese prendendo a prestito dal settore finanziario (privato) o “stampando moneta” (sebbene le banche siano state salvate in questo modo con un altro nome: “quantitative easing”, creazione di moneta elettronica).

L’ideologia dell’economia delle borse afferma che il denaro deve essere generato solo attraverso l’attività del mercato e che è sempre scarso. La richiesta di un aumento della spesa pubblica incontra quasi invariabilmente la risposta “da dove verranno i soldi?” Di fronte ai bassi salari del SSN, il primo ministro britannico Theresa May affermò che “non c’è alcun albero magia del denaro ».

Quindi, da dove vengono i soldi? E quali sono i soldi comunque?
Cosa sono i soldi?

Fino agli ultimi 50 anni, più o meno, la risposta sembrava ovvia: il denaro era rappresentato in denaro (banconote e monete). Quando il denaro era tangibile, sembrava che non ci fossero dubbi sulla sua origine o sul suo valore. Le monete furono coniate, le banconote furono stampate. Entrambi sono stati autorizzati dai governi o dalle banche centrali. Ma cosa sono i soldi oggi? Nelle economie più ricche, l’uso del contante sta rapidamente diminuendo. La maggior parte delle transazioni monetarie si basa su trasferimenti tra conti: non vi è denaro fisico coinvolto.

Nella corsa verso la crisi finanziaria, il ruolo dello stato in relazione al denaro nei conti bancari era ambiguo. L’attività bancaria era un’attività controllata e autorizzata con un certo livello di garanzia statale sui depositi bancari, ma l’atto effettivo di creazione di conti bancari era, ed è considerato, una questione privata. Ci possono essere norme e limitazioni, ma non esiste un controllo dettagliato dei conti bancari e dei prestiti bancari.

Tuttavia, come dimostrato dalla crisi finanziaria del 2007-8, quando i conti bancari erano minacciati quando le banche erano in bilico sull’orlo della bancarotta, gli stati e le banche centrali dovevano intervenire e garantire la sicurezza di tutti i conti. deposito. È stato dimostrato che la redditività del denaro nei conti bancari senza investimenti è una responsabilità pubblica tanto quanto i contanti.

Ciò solleva domande fondamentali sul denaro come istituzione sociale. È corretto che il denaro possa essere generato da un’opzione privata per assumere un debito, che diventa quindi una responsabilità dello stato per garantire una crisi?

Ma lungi dal vedere il denaro come una risorsa pubblica, nell’economia neoliberista, la creazione e la circolazione di denaro è stata sempre più vista come una funzione del mercato. Il denaro è “fatto” solo nel settore privato. La spesa pubblica è vista come una spesa di quel denaro, che giustifica l’austerità per rendere il settore pubblico il più limitato possibile.

Questa posizione, tuttavia, si basa su un completo fraintendimento della natura del denaro, supportato da una serie di miti profondamente radicati.

Miti sui soldi

L’economia della borsa neoliberista deriva da due miti chiave sull’origine e la natura del denaro. Il primo è che i soldi sono nati da una precedente economia di mercato basata sul baratto. Il secondo è che i soldi erano originariamente fatti di metalli preziosi.

Si afferma che il baratto si rivelò molto inefficiente, poiché ogni acquirente-venditore aveva bisogno di trovare un’altra persona che soddisfacesse esattamente le sue esigenze. Un produttore di cappelli può cambiare un cappello per alcune scarpe di cui ha bisogno, ma cosa succede se il produttore di scarpe non ha bisogno di un cappello? La soluzione a questo problema, secondo la storia, era scegliere un prodotto che tutti volevano, agire come mezzo di scambio. Il metallo prezioso (oro e argento) era la scelta più ovvia perché aveva un suo valore e poteva essere facilmente diviso e trasportato. Questa visione dell’origine del denaro risale almeno al diciottesimo secolo: l’era dell’economista Adam Smith.

Questi miti hanno portato a due ipotesi sul denaro che sono ancora in vigore oggi. In primo luogo, quel denaro è essenzialmente connesso e generato dal mercato. In secondo luogo, il denaro moderno, come la sua forma originale e ideale, è sempre scarso. Pertanto, l’asserzione neoliberale secondo cui la spesa pubblica è un drenaggio per la capacità di creare ricchezza nel mercato e che la spesa pubblica dovrebbe essere sempre il più limitata possibile. Il denaro è visto come uno strumento commerciale, che assolve una funzione di base, di mercato, tecnica, transazionale, senza alcuna forza sociale o politica. (…..)

Soldi come potere

Per la maggior parte delle società tradizionali, l’origine della particolare forma di denaro è stata persa nel divario temporale. Ma l’origine e l’adozione del denaro come istituzione divenne molto più evidente con l’emergere degli Stati. Il denaro non è nato come una valuta in metalli preziosi con lo sviluppo dei mercati. In effetti, la nuova invenzione della monetazione dei metalli preziosi in circa 600 a. C. fu adottato e controllato dai governanti imperiali per costruire i loro imperi attraverso la guerra.

Il più notevole era Alessandro Magno, che regnò dal 336 al 323 aC. Si dice che abbia usato mezza tonnellata di argento al giorno per finanziare il suo esercito in gran parte mercenario invece di parte del bottino (il pagamento tradizionale). Aveva più di 20 zecche che producevano monete, con immagini di dei e eroi e la parola Alexandrou (di Alexander). Da quel momento, i nuovi regimi di governo hanno avuto la tendenza ad annunciare il loro arrivo con una nuova moneta.

Più di mille anni dopo l’invenzione della moneta, il santo imperatore romano Carlo Magno (742-814), che governò la maggior parte dell’Europa occidentale e centrale, sviluppò quella che divenne la base del sistema monetario britannico prima decimale: sterline, scellini e penny. . Carlo Magno stabilì un sistema monetario basato su 240 centesimi di libbra d’argento. I centesimi furono costituiti come il negazionista in Francia, il pfennig in Germania, i soldi in Spagna, il denaro in Italia e il centesimo in Gran Bretagna.

Quindi la vera storia del denaro come valuta non era proprio dei trafficanti e degli affaristi: è emersa da una lunga storia di politica, guerra e conflitto. Il denaro era un agente attivo nella costruzione dello stato e dell’impero, non una rappresentazione passiva del prezzo nel mercato. Il controllo dell’offerta di moneta era un potere importante dei sovrani: un potere sovrano. Il denaro è stato creato e speso in circolazione direttamente dai governanti, come Alexander, o attraverso le tasse o il sequestro di proprietà private di metalli preziosi.

Né il denaro iniziale era necessariamente basato su metalli preziosi. In effetti, il metallo prezioso era relativamente inutile per costruire imperi, perché era scarso. Anche in epoca romana fu usato il metallo di base e il nuovo denaro di Carlo Magno fu infine degradato. In Cina, l’oro e l’argento non apparivano e il denaro cartaceo era già usato nel nono secolo.

Ciò che l’economia di mercato introdusse fu una nuova forma di denaro: il denaro come debito.

Denaro come debito

Se guardi una banconota da 20 sterline, vedrai che dice: “Prometto di pagare al portatore su richiesta la somma di venti sterline”. Questa è una promessa originariamente fatta dalla Banca d’Inghilterra per lo scambio di banconote per la moneta sovrana. Il biglietto era una nuova forma di denaro. A differenza dei soldi sovrani, non era una dichiarazione di valore, ma una promessa di valore. Una moneta, anche se fatta di metallo base, era intercambiabile a sé stante: non rappresentava un’altra forma di denaro superiore. Ma quando sono state inventate le banconote, l’hanno fatto.

La nuova invenzione delle promissory notes nacque attraverso i bisogni del commercio nei secoli XVI e XVII. Le note erano utilizzate per riconoscere la ricezione di prestiti o investimenti e l’obbligo di pagarli attraverso i frutti delle transazioni future. Uno dei compiti principali della professione bancaria emergente era di stabilire periodicamente tutte queste promesse e vedere chi doveva chi. Questo processo di “compensazione” significava che un gran numero di impegni su carta venivano ridotti a un trasferimento di denaro relativamente meno reale. L’accordo finale è stato effettuato mediante pagamento con denaro sovrano (monete) o un’altra cambiale (biglietto).

Alla fine, le fatture divennero così fiduciose da essere trattate come denaro a sé stante. In Gran Bretagna divennero equivalenti al conio, in particolare quando furono uniti sotto la bandiera della Banca d’Inghilterra. Oggi, se prendi un biglietto per la Bank of England, devi semplicemente scambiare la tua nota con una che è esattamente la stessa. Le banconote non sono più promesse, sono la valuta. Non ci sono altri soldi “reali” dietro di loro.

Ciò che il denaro moderno conserva è la sua associazione con il debito. A differenza del denaro sovrano, che è stato creato e speso direttamente in circolazione, il denaro moderno viene in gran parte ripreso attraverso il sistema bancario. Questo processo si nasconde dietro un altro mito, che le banche agiscono semplicemente come un collegamento tra risparmiatori e mutuatari. In effetti, le banche creano denaro. Ed è solo nell’ultimo decennio che questo potente mito è stato finalmente eliminato dalle autorità bancarie e monetarie.

Ora, le autorità monetarie come il FMI, la Federal Reserve degli Stati Uniti e la Bank of England riconoscono che le banche stanno creando nuovi fondi quando fanno prestiti. Non prestano il denaro di altri titolari di conti a coloro che desiderano prendere in prestito.

I prestiti bancari consistono in denaro estratto dal nulla, per il quale il nuovo denaro è accreditato sul conto dei debitori con l’accordo che l’importo sarà pagato con gli interessi.

Le implicazioni politiche della valuta pubblica create dal nulla e prestate ai mutuatari su base puramente commerciale non sono state ancora prese in considerazione. Né deve basare una valuta pubblica sul debito in opposizione al potere sovrano per creare e distribuire denaro senza debiti direttamente.

Il risultato è che, invece di usare il proprio potere sovrano sulla creazione di denaro, come ha fatto Alessandro Magno, gli stati sono diventati mutuatari nel settore privato. Dove ci sono deficit nella spesa pubblica o la necessità di spese future su larga scala, vi è l’aspettativa che lo stato prende in prestito denaro o aumenta le tasse, piuttosto che creare il denaro stesso.

Dilemmi del debito

Ma basare una massa monetaria sul debito è problematico dal punto di vista ecologico, sociale ed economico.

Ecologicamente, c’è un problema perché la necessità di estinguere il debito potrebbe generare una crescita potenzialmente dannosa: la creazione di moneta basata sul pagamento del debito con interessi dovrebbe comportare una crescita costante dell’offerta di moneta. Se questo risultato sarà raggiunto attraverso l’aumento della capacità produttiva, inevitabilmente vi sarà una pressione sulle risorse naturali.

Basare la massa monetaria sul debito è anche socialmente discriminatorio perché non tutti i cittadini sono in grado di prendere a prestito. Lo schema dell’offerta di moneta tenderà a favorire quelli che sono già ricchi o quelli che assumono rischi più speculativi. Gli ultimi decenni, ad esempio, hanno visto un gran numero di prestiti da parte del settore finanziario per migliorare i loro investimenti.

Il problema economico è che l’offerta di moneta dipende dalla capacità dei vari elementi dell’economia (pubblica e privata) di contrarre più debiti. E così, poiché i paesi sono diventati più dipendenti dal denaro creato dalla banca, le bolle del debito e le crisi creditizie sono diventate più frequenti.

Questo perché l’economia della borsa crea un compito impossibile per il settore privato. Devi creare tutti i nuovi soldi attraverso il debito emesso dalla banca e pagare tutto con interessi. Deve finanziare completamente il settore pubblico e generare un vantaggio per gli investitori.

Ma quando l’offerta di denaro gestita da una banca privatizzata vacilla, i poteri statali per il denaro hanno di nuovo una chiara focalizzazione. Ciò è stato particolarmente evidente nella crisi del 2007-8, quando le banche centrali hanno creato nuovi capitali nel processo noto come allentamento quantitativo. Le banche centrali hanno utilizzato il potere sovrano per creare denaro senza debiti da spendere direttamente sull’economia (ad esempio, acquistando debito pubblico esistente e altre attività finanziarie).

Federal Reserve USA

Quindi, la domanda è: se lo stato rappresentato dalla banca centrale può creare denaro dal nulla per salvare le banche, perché non può creare denaro per salvare le persone?

Soldi per le persone

I miti sul denaro ci hanno portato a considerare la spesa pubblica e le tasse sottosopra. Le tasse e le spese, come i prestiti bancari e il rimborso, sono in un flusso costante. L’economia delle borse presuppone che sia la tassazione (del settore privato) a raccogliere fondi per finanziare il settore pubblico. Quella tassa preleva denaro dalla tasca del contribuente.

Ma la lunga storia politica del potere sovrano sul denaro indicherebbe che il flusso di denaro potrebbe essere nella direzione opposta. Allo stesso modo in cui le banche possono evocare denaro dal nulla per concedere prestiti, gli stati possono evocare denaro dal nulla per finanziare la spesa pubblica. Le banche creano denaro creando conti bancari, gli stati creano denaro allocando budget.

Quando i governi stabiliscono i budget, non vedono quanti soldi hanno in una banca delle imposte preesistente. Il budget assegna gli impegni di spesa che possono, o meno, uguagliare l’ammontare di denaro che inserisci attraverso le tasse. Attraverso i suoi conti nel tesoro e nella banca centrale, lo stato spende e riceve costantemente denaro. Se spendi più denaro di quello che ricevi, lascia più denaro nelle tasche della gente. Ciò crea un deficit di bilancio e ciò che è effettivamente uno scoperto presso la banca centrale.

È un problema? Sì, se lo stato è trattato come se fosse un qualsiasi altro titolare di conto bancario, la famiglia dipende dall’economia del portafoglio. No, se è visto come una fonte di denaro indipendente. Gli stati non devono aspettare gli opuscoli dal settore commerciale. Gli stati sono l’autorità dietro il sistema monetario. Il potere esercitato dalle banche per creare la moneta pubblica dal nulla è un potere sovrano.

Non è più necessario coniare monete come Alexander, il denaro può essere creato con le sequenze di tasti. Non c’è motivo per il settore bancario di monopolizzare questo per creare nuovi soldi pubblici come debito. Considerare che la spesa pubblica equivale al debito bancario nega al pubblico, al popolo sovrano di una democrazia, il diritto di accedere al proprio denaro privo di debito.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione : Alejandro Sanchez

3 Commenti

  • Sandro
    26 Giugno 2019

    Peccato che alcuni concetti non sono ben comprensibili per via di una traduzione in italiano non sempre egregia. Per quel che ne so il denaro altro non è che il simbolo di un valore reale corrispettivo. Che sia chiamato euro o lira poco importa; ciò che importa è che al valore di facciata del biglietto stampato corrisponda un valore effettivo anche se non proprio del cento per cento. La differenza che risulta tra queste due monete è sostanzialmente la seguente: Su di una banconota della lira vi era scritto “pagabile a vista al portatore”; mentre questa dicitura non appare su di una cartamoneta in euro. Motivo? Il “pagabile a vista al portatore” garantiva una copertura sostanziale anche se non completa del valore posto sul biglietto. La qual cosa non è ripetibile in una banconota in euro per mancanza della garanzia della copertura reale presunta nella percentuale accettabile. Mi risulta che rifiutare il pagamento in euro può essere legittimo per la ragione appena espressa. Gradirei smentite.

    • Roberto Giuffrè
      27 Giugno 2019

      Per la scuola economica circuitista il denaro non essendo più coperto da oro o altri beni tangibili oggi ha due funzioni:
      1. è unità di misura del lavoro umano, ossia definisce quanto lo Stato deve pagare i servigi di un lavoratore pubblico;
      2. è serbatoio di tempo/lavoro che hai scambiato con lo Stato e incameri nel risparmio.

      Questo perché il denaro quando viene speso dallo Stato può prendere solo 2 strade, 1. tasse, 2. risparmi.

      Spiego meglio. Vendi 160 ore al mese del tuo tempo lavorando per lo Stato e questo ti paga €1500 di stipendio. La cifra in sé a espresso il valore del tuo tempo in base alle tue competenze: €1500 euro come amministrativo €3000 come medico ecc. Quindi unità di misura.
      Ma quando lo depositi, è un serbatoio di tempo/lavoro acquistabile da chi fa cose che tu non sai fare.

      Quindi non è pagabile a vista, ma è scambiabile con il tempo/lavoro di tutti i cittadini che lo accettano come pagamento.
      È garantito non da oro, ma da tempo/lavoro umano.

      Il motivo per cui deve essere sovrano è che lo Stato che lo emette tramite il Tesoro non si indebita e non ti indebita.

      E la spiegazione è semplice, se il denaro che ti da lo Stato lo ha creato lui e ti paga per il tuo lavoro quel denaro è per te ricchezza al netto che hai barattato col tuo tempo,

      Se o Stato lo ha preso in prestito, paga il tuo tempo, ma poi ti dovrà prelevare l’interesse mettiamo 5% per pagare il banchiere che glielo ha prestato.
      Quindi il tuo lavoro si svaluta del 5%, o diciamo che dovrai lavorare per un 5% in più per ripagare gli interessi.

      Insomma vieni parassitato dal prestatore di valuta, che non ha fatto niente di diverso dal creare denaro dal nulla e prestarlo ad uno Stato che poteva benissimo crearsi il suo senza interessi.

  • Paolo
    27 Giugno 2019

    La differenza tra lira e euro è la stessa che passa tra avere una casa tua o essere in affitto.

Inserisci un Commento

*

code