Il “NATO Defense College” ha pubblicato un rapporto da cui si sostiene che è urgente incrementare la presenza militare sui confini russi

di Joaquin Flores

Tra le altre cose il rapporto indica che un conflitto tra le forze NATO e la Russia è poco probabile ma ancora possibile. Questo documento segnala che le autorità russe hanno l’opportunità di utilizzare gli Stati baltici come trampolino per l’aggressione per “distruggere l’architettura della sicurezza in Europa”.

Sulla base di questo, si raccomanda alla leadership dell’Alleanza di aumentare il numero di contingenti militari statunitensi nella regione al fine di impedire alla Russia di “distruggere l’architettura di sicurezza europea”.

“Negli ultimi dieci anni, la Federazione Russa ha dimostrato la sua intenzione di minare l’architettura della sicurezza europea. Lo spiegamento dell’esercito dovrebbe integrare gli accordi esistenti per espandere la presenza futura “, afferma il rapporto.

Secondo gli analisti dell’alleanza, è necessario rafforzare le misure per contenere Mosca: schierare le truppe americane nei paesi baltici, spingere questi paesi ad aumentare il bilancio della difesa (cioè superare il 2% del PIL) e rafforzare integrazione con Svezia e Finlandia, che non fanno parte del blocco militare.

Tuttavia, gli esperti russi osservano che tali dichiarazioni sono un altro tentativo di Washington di intimidire gli europei con la “minaccia russa”. Gli esperti ritengono che gli Stati Uniti non siano interessati a rafforzare la sicurezza della regione, ma che stiano solo cercando di aumentare le vendite di armi americane.

Molte di queste armi sono in realtò poco attrattive per i paesi che si occupano seriamente della propria difesa. I paesi che acquistano armamenti dagli USA sanno che incorrono in costi molto più alti per la loro manutenzione. Tuttavia procedono ad acquisti e nel farlo si riconosce che le decisioni sono di natura politica e non sono in relazione a preoccupazioni di tipo economico, di budget di spesa o di efficienza miltare diretta.

Gli analisti militari statunitensi , nel rapporto, hanno concluso che la Russia, attraverso le sue azioni non militari, ha minato l’unità della NATO pur senza sparare un colpo.

Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • namelda
    23 Giugno 2019

    ancora a perder tempo dietro quel buontempone inutile e strapagato di Stoltenberg e dell’inutile
    organizzazione mungicontribuenti chiamata NATO?
    fanno una vita comoda,strapagati e stanno benissimo a studiare tattiche che non useranno mai;
    figurarsi se vogliono esser spazzati via dalla terra.
    a loro serve ogni tanto qualche allarme per giustificare ulteriori armamenti (e mazzette)
    al massimo fanno i “volenterosi da coalizione” contro paesi disarmati o quasi,
    sanno meglio di tutti che toccare la Russia per loro sarebbe la fine della cuccagna..

Inserisci un Commento

*

code