IL MONDO MULTIPOLARE DALLA PARTE DELL’IRAN

Molte persone in Occidente stanno gradualmente iniziando a capire che i giorni del mondo unipolare sono contati, un mondo unipolare che gli Stati Uniti hanno dominato incautamente negli ultimi anni, usando nient’altro che forza bruta e conflitti militari nel tentativo di imporre il loro ordine mondiale su altri paesi. Nuovi superpoteri stanno venendo alla ribalta, il cui obiettivo è rafforzare la pace nel mondo e proteggere il diritto legittimo che tutte le persone devono vivere secondo le proprie leggi e costumi nazionali, senza interferire negli affari di altri paesi. Questo è particolarmente visibile nel Golfo Persico in mezzo alla cosiddetta “crisi del Golfo Persico”.

Inizialmente sembrava che la ragione avesse prevalso, quando i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e la Germania avevano firmato il Piano d’azione comune congiunto (JCPOA), che aveva gradualmente iniziato a normalizzare la situazione nella regione. Ma poi Donald Trump non solo si ritirò dall’accordo nucleare iraniano, ma impose anche feroci sanzioni contro l’Iran e il popolo iraniano, che apprezza ed è orgoglioso della propria indipendenza.
Con l’imposizione di sanzioni contro l’Iran, gli Stati Uniti hanno chiarito che vogliono “far piegare il mondo intero alla loro volontà” – ha commentato il ministero degli Esteri russo. “Questo viene fatto per privare l’Iran delle entrate provenienti dalle esportazioni e per minare l’economia iraniana, poiché gli Stati Uniti sono stati a lungo insoddisfatti della politica indipendente di Teheran, uno dei motivi è il fatto che impedisce agli americani di sentirsi come se dominassero pienamente la regione strategicamente importante che è il Medio Oriente ”, tale dichiarazione dal sito web del ministero degli Esteri russo.
Nel 2019, l’Iran ha risposto annunciando che avrebbe sospeso l’attuazione di due parti dell’accordo e, dopo quel momento, il mondo sembra aver iniziato a muoversi verso un conflitto armato a un ritmo allarmante.

Ma il mondo è cambiato e numerosi paesi hanno adottato misure urgenti per stabilizzare la situazione. Ministri degli Esteri francesi, tedeschi e britannici hanno annunciato la creazione di INSTEX, un nuovo meccanismo per facilitare il commercio legittimo con l’Iran. INSTEX si concentrerà inizialmente sulla consegna di medicinali, dispositivi medici e prodotti agroalimentari in Iran. La decisione di creare un meccanismo per facilitare gli scambi con l’Iran che elude le sanzioni statunitensi è stata presa al fine di stabilire normali relazioni commerciali con Teheran.

Golfo Persico

Inoltre, gli Stati membri europei della NATO erano molto scettici sull’iniziativa guidata dagli Stati Uniti di istituire una missione navale internazionale congiunta, che ha lo scopo di proteggere gli interessi marittimi dell’Occidente nello Stretto di Hormuz. Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha fatto una dichiarazione che esprime chiaramente questo scetticismo: “La Germania non prenderà parte alla missione navale proposta e pianificata dagli Stati Uniti”. L’ambasciatore degli Stati Uniti in Germania Richard Grenell ha espresso la sua frustrazione, dichiarando di essere “oltraggiato” dalla politica di Angela Merkel, visto che, come aveva affermato il cancelliere tedesco, Berlino non intendeva unirsi alla missione americana nello Stretto di Hormuz.
In risposta alla decisione annunciata da Maas, Grenell ha fatto irruzione negli affari tedeschi ed ha rilasciato una dichiarazione dogmatica, affermando che “la Germania è la più grande potenza economica in Europa e questo dovrebbe portare ad assumersi responsabilità globali”. Da quello che dice l’ambasciatore è chiaro che la Germania è considerata una sorta di protettorato dove stazionano le truppe USA.

“La presenza di forze straniere non solo non contribuisce alla sicurezza della regione, ma sarà anche la principale causa di tensioni regionali”, ha dichiarato il presidente iraniano Hassan Rouhani in una riunione con il ministro degli Esteri dell’Oman a Teheran. Ricordando che l’Iran e l’Oman hanno la maggior parte della responsabilità di garantire la sicurezza nello Stretto di Hormuz, il Presidente Rouhani ha aggiunto: “L’Iran è stato e sarà il principale guardiano della sicurezza e della libertà di navigazione nel Golfo Persico, lo Stretto di Hormuz e il Mare dell’Oman durante la storia. ”Allo stesso tempo, notando che l’Iran non ha mai e non inizierà mai una guerra, Rouhani ha chiarito che l’attuale tensione nella regione deriva dal rifiuto unilaterale americano del JCPOA e dall’illusione di l’amministrazione Trump.
Durante questo incontro, il Ministro degli Esteri dell’Oman Yusuf Bin Alawi Bin Abdullah, a sua volta, ha descritto le relazioni con l’Iran come amichevoli e fraterne ed ha aggiunto: oggi la regione sta assistendo a crisi prefabbricate e la sicurezza sostenibile non satrà possibile senza l’apporto dell’Iran.

A questo proposito, l’Iran e la Russia stanno pianificando di iniziare a svolgere esercitazioni navali congiunte nel prossimo futuro, ha dichiarato all’ammiraglio Hossein Khanzadi, comandante della marina iraniana, l’IRNA (The Islamic Republic News Agency). Secondo Khanzadi, questi esercizi navali congiunti possono aver luogo nella parte settentrionale dell’Oceano Indiano e nello stretto di Hormuz, che collega il Golfo Persico con il Golfo di Oman.
I media statunitensi hanno riferito di questi piani, che secondo loro hanno spaventato davvero i membri dell’amministrazione Trump, perché la notizia è stata una grande sorpresa, e ora Washington semplicemente non sa come rispondere a questi piani. Il quotidiano francese Le Monde ha riferito esplicitamente che condurre questi esercizi navali avrebbe rovinato l’intero piano di gioco contro l’Iran predisposto da Donald Trump e la sua squadra americana e israeliana..

In questo contesto, l’Iran ha iniziato a prendere una posizione più dura nei confronti degli Stati Uniti e della sua leadership. Un evento che si distingue è quando Teheran ha respinto senza mezzi termini un’offerta del segretario di Stato americano Mike Pompeo per visitare l’Iran e parlare al popolo iraniano. Sembra che Pompeo sia diventato ossessionato dagli “allori” avvizziti del famigerato ex segretario di Stato Victoria Nuland, che aveva visitato Piazza Maidan a Kiev nel corso della giornata e aveva distribuito biscotti ai residenti locali in rivolta. La gente comune a Kiev non capiva il gesto e pensava che gli americani li avrebbero ricompensati con un milione di dollari per ogni biscotto che avevano preso. Stanno ancora aspettando quella ricompensa.

Capi di Stato Maggiore Russo e Iraniano

Anche stretti alleati degli Stati Uniti – gli Stati del Golfo, in particolare l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti – stanno subendo le conseguenze negative delle sanzioni statunitensi, poiché la crisi delle petroliere del Golfo e la minaccia alla libertà di navigazione hanno portato a un aumento dei costi assicurativi per le loro navi e merci . Un’altra minaccia al mercato petrolifero nel Golfo Persico è che paesi in Asia come Cina, India, Giappone, Corea del Sud e Taiwan, stanno già cercando alternative, perché temono che la loro offerta di petrolio sarà interrotta se scoppierà la guerra e lo stretto di Hormuz venga chiuso. Inoltre, vi è un significativo deflusso di investimenti dai paesi del Golfo, le cui economie dipendono in parte dai servizi finanziari di altri Stati. Secondo i banchieri statunitensi di JP Morgan, l’Arabia Saudita ha perso $ 80 miliardi di investimenti l’anno scorso, e le azioni dei paesi del Golfo hanno subito un crollo.

Molte persone in tutto il mondo hanno ragione a credere che sanzioni non qualificate contro l’Iran siano un fallimento morale, politico e legale da parte degli Stati Uniti. Imporre sanzioni contro l’Iran significa che gli Stati Uniti non hanno adempiuto ai propri obblighi nei confronti delle istituzioni internazionali, una delle quali è l’ONU. Tutti perdono in questo caso – l’Europa soffre di una battuta d’arresto, così come l’Iran e il mondo intero, Washington ha portato il mondo sull’orlo della guerra, a una stagnazione sia politica che economica.

Fonte: News Front

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti

  • Max Dewa
    13 Agosto 2019

    Controinformazione Scusate ma ora che ha chiuso bottega finalmente quel Terrorista Psicologico di Giulietto Chiesa che LA menava da 10 anni con guerre apocalittache immaginarie mai avvenute non cercate pure voi di emularlo quel Pezzo di Massone del giulietto , ormai lo sanno tutti che nessuno al mondo puo ‘ mettersi contro gli USA , chi lo fa Muore economicante o fisicamente , I Cinesi girano con I Dollari I Russi con I dollari gli Europei con l’euro che non e’ altro che una moneta d’occupazione carta straccia sembra monopoli , la prima volta che ho visto l’euro mi e’ venuto da sorridere una presa per I’ll culo simile una sciagura tra l’altro con LA monera da 10 bath uguale alla vostra. Da 2 euro ci stavano italiani che han fatto fortuna si riempivano Le saccoccie per inculare LA Propria madrepatria ,dei veri patrioti ! non potevano scegliere una moneta piu brutta e stupida il Rabbino Draghi e LA Cristina Lagarde gran Kabalista si sfregano gli occhi ogni giorno che passa nel vedere gli Europe I come si sono ebraizzati

    • atlas
      13 Agosto 2019

      ma guarda che gli altri non ti rispondono perché sono impegnati a produrre. Io invece ogni tanto ti leggo e ripenso sempre a come sono stato fortunato nella mia vita.

  • Sed Vaste
    14 Agosto 2019

    Gliel’ho gia detto atlas a me piace fare I soliloqui sono un miasantropo piu sto solo e piu acquisto forza vigore e bellezza un vero narciso e poi sono I sensi di colpa che mi spingono qui vorrei dirlo a tutti quello che ho saputo sui Giudei e sui massoni pero’ so che e’ difficile,per comprendermi ci vuole tempo e voi non ne avete , ricordo in un video dove Adolfo davanti alla folla acclamante di tedeschi diceva ” all’inizio eravamo in 7 ora guardate quanti siamo “

    • atlas
      14 Agosto 2019

      il fatto è che Adolf Hitler non amava gli usa né i giudei, tu sì

Inserisci un Commento

*

code