Il mondo atlantista annuncia il suo fallimento e sventola la “minaccia russa” come ultimo baluardo


di Karine Bechet-Golovko.

Un articolo più che sorprendente nella sua onestà è stato appena distribuito dal Carnegie Center, uno degli organismi del pensiero globalista. La posizione è molto semplice: il mondo unipolare, basato sul diritto internazionale, non esiste, è un sistema ipocrita, ma poiché si basa sulla dominazione americana, l’importante è crederci ancora (anche se non esiste…), perché l’alternativa è peggiore: Russia e Cina che sviluppano un’alternativa. Il Carnegie trema di fronte alla famosa “minaccia russa”, che resta l’unico fondamento oggettivo del clan atlantista, incapace di proporre un vero obiettivo comune condivisibile. In breve, il mondo atlantista riconosce sia l’impasse del mondo globale sia l’impostura del suo codice morale. È tempo di prenderne atto.

L’Afghanistan fatica a essere digerito dal mondo atlantista, che giustamente lo vede, almeno nel discorso ufficiale, come l’ennesimo fallimento di questi diversi e variegati tentativi di appropriazione ideologica (ed economica) di un territorio, sotto le spoglie di una democratizzazione forzata in nome del diritto internazionale, peraltro oltraggiato. Non si possono più contare le operazioni di “lotta ai terroristi”, che alla fine hanno portato all’ascesa al potere degli stessi terroristi, dopo anni di aspri combattimenti contro le istituzioni statali di questi Paesi.
La Siria ha preso in prestito tempo, grazie all’intervento russo, che ha di fatto respinto i gruppi terroristici, nonostante interventi a volte molto sorprendenti (vista l’annunciata lotta al terrorismo) da parte delle forze della coalizione americana, particolarmente desideroso di combattere contro Assad e l’esercito regolare siriano. In questo senso, l’Afghanistan è il classico risultato della coerenza della politica americana.

Il divario tra l’obiettivo mostrato nel discorso generale ei risultati è così importante che è necessaria una spiegazione. Lo dà una pubblicazione diffusa dal Carnegie Center: Il modello di un ordine globale liberale basato sul diritto internazionale è ipocrita e non funziona, ma l’alternativa offerta da Russia e Cina è anche peggiore, quindi fingi di crederci e lo farà sopportare. Alcuni estratti sono in ordine.

Schieramento della NATO

“ Uno dei grandi miti della seconda metà del ventesimo secolo è che l’umanità sia in qualche modo ‘riuscita’ a costruire un ‘ordine internazionale liberale’, sostenuta da un lato dai profondi impegni delle più potenti nazioni occidentali e dall’acquiescenza di Stati non liberali dall’altro. Questo ordine doveva essere basato su regole, informato dal diritto internazionale, ed era ciò che avrebbe permesso ai piccoli paesi di operare con la loro sovranità intatta. (…)

La nozione di un mondo unipolare, in cui un ordine internazionale liberale, basato su regole e sostenuto dal diritto internazionale è, in sostanza, il principio organizzativo fondamentale delle relazioni internazionali, semplicemente non è reale. Questa è la cattiva notizia. La buona notizia, però, è che è bastato il risveglio di un numero sufficiente di persone che credevano che questo dovesse essere il principio fondamentale alla base delle relazioni internazionali per fare la differenza nel mondo ”.

Quindi non siamo in un sistema internazionale basato sul diritto, ma dobbiamo continuare a crederci. E in questo discorso al limite degli orsetti del cuore, avvien perché i decisori non ci credono più che il potere di Russia e Cina stia aumentando.

“ Ma nel tempo, sempre meno persone in posizioni di autorità continuano a credere abbastanza profondamente nel principio del diritto internazionale. E mentre il vuoto in tutto ciò che costituisce l’ordine internazionale continua ad allargarsi, due grandi potenze – Cina e Russia – continuano non solo a sfidare, ma anche a proporre alternative al sistema esistente ”.

Non è perché questo sistema non funziona ed è ipocrita, come scrive dall’inizio l’articolo, no, è colpa di chi non crede alla realtà di ciò che non è. E nel processo crolla il mito del mondo unipolare:

“ La realtà è che l’ordine internazionale non è stato ‘unipolare’ da diversi decenni. Viviamo in un mondo multipolare da molti anni. C’è chi si rallegra, forse sperando che un mondo più multipolare sia più giusto. Un mondo in cui il potere è più frammentato, quindi potenzialmente più equamente distribuito, e quindi tutti sono costretti a riunirsi sulla base di un vero obiettivo comune per il mondo nel suo insieme ”.

Ancora nel processo, per riconoscere che non c’è nemmeno un vero obiettivo comune. Logica – come dire la verità, ovvero che il vecchio sistema unipolare era stato costruito, pensato, realizzato con un solo obiettivo: consentire e garantire l’egemonia americana. Non essendo nominabile l’obiettivo reale ed essendo sempre più distante dall’obiettivo dichiarato, il sistema unipolare si sgretola da solo, non riuscendo a convincere e non potendo contare unicamente sulla forza.
Il ricatto è già ampiamente utilizzato con gli stati satellite, ma la forza diretta è (ancora) inconcepibile – e non necessaria finché i leader degli stati satellite fanno il lavoro a casa e ci sono interlocutori seri negli stati non completamente allineati. .

Esercitazioni Cina Russia

E poiché questo sistema non può disfarsi, deve avere un nemico, che è ancora più timoroso delle sue stesse colpe: Russia e Cina.

” Qualsiasi nuovo ‘ordine mondiale’ formato sulla base di un imperativo congiunto sino-russo potrebbe probabilmente sembrare considerevolmente peggiore persino dell’ordine imperfetto e ipocrita di oggi “.

E l’autore insiste, perché è in un vicolo cieco – sì, tutto è stato ipocrita negli ultimi 20 anni, gli Stati Uniti non si trasformeranno per rispettare il diritto internazionale, ma quello che stanno proponendo Russia e Cina è peggio… è finalmente nessun altro argomento.
” Diamo per scontato che ‘America First’ si trasformerà in ‘America for International Law’ in pochi anni? Stiamo sottovalutando il potenziale di ciò che verrà dopo? Non dobbiamo essere ingenui su ciò che gli ultimi 20 anni hanno portato. Era tutto pieno di difetti, errori, ipocrisia e altro ancora. Ma non dobbiamo essere ingenui nemmeno sul fatto che qualsiasi ordine internazionale basato su regole potrà provenire dalla Cina o dalla Russia ”.

Insomma, tremare e sottomettersi. Questo è il messaggio all’Europa.

In ogni caso, questo spiega chiaramente da dove provenga questo isterico bisogno della famosa “minaccia russa”, conferma le critiche rivolte dalla Russia ai leader americani di violare sistematicamente il diritto internazionale, conferma l’ipocrisia fondamentale di questo ordine globale. centrato.
La Francia e i paesi europei ne hanno davvero bisogno, per essere trattati come bambini immaturi? L’UE non fa altro, è tempo di svegliarsi e riprenderci la nostra sovranità per prendere in mano il nostro futuro e stabilire relazioni reali equilibrate in tutto il continente europeo, in particolare con la Russia, che fa parte del processo di interesse dei paesi europei, come quanto contrasta con gli interessi atlantisti.

Karine Bechet-Golovko

Fonte: Russie Politics

Traduzione: Gerard Trousson

15 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 18:29h, 04 Settembre Rispondi

    Durante una mia ricerca quotidiana alla ricerca di indizi sul piano di sterminio ho notato una cosa:

    Andate in un qualsiasi supermercato al reparto birra, sentirete una puzza insopportabile tipo quella delle scarpi da tennis

    Evidentemente la bevanda è stata infettata con qualche muffa o batterio, le persone che bevono la birra hanno addosso la stessa puzza tremenda

    Non so se il loro obiettivo è quello di far puzzare le persone (marchiare) oppure ci sono altri effetti

    • atlas
      Inserito alle 21:39h, 04 Settembre Rispondi

      minkiate. Devi pregare di più. Io più bevo birra, SOLO di buona qualità, più faccio l’Orazione prevista, gli Angeli mi svegliano all’alba anche se vado a dormire solo un’ora prima. La birra non mi altera nè mi fa alcun effetto dannoso se non una flebile sonnolenza, dopo due litri ti faccio trattati politici e ti recito il Corano senza sbagliare una sola parola, questione soggettiva di enzimi. Non sono nè talib ano nè salafito/wahhabita. E w sempre le belle donne (e i soldi)

      • Farouq
        Inserito alle 21:55h, 04 Settembre Rispondi

        Evita quella delle multinazionali

        • atlas
          Inserito alle 05:54h, 05 Settembre Rispondi

          la Heinecken (giudea) ? Nemmeno la prendo in considerazione. E nemmeno le artigianali, nè siciliane nè italiane. Durante i miei innumerevoli viaggi Milano-Gallipoli e viceversa mi fermavo sempre a Pescara. Di fronte alla stazione, zona universitaria, c’erano una moltitudine di birrerie con spine da tutta Europa. E se no a Milano, ai navigli. Se sei fortunato andando in giro, fra quelle più commerciali, si può trovare la rossa Leffe alla spina, più che accettabile

          • Giorgio
            Inserito alle 10:08h, 05 Settembre

            Ciao Atlas ……. sono un amante delle buone birre …..
            la Leffe è buona ….. ma sono alla perenne ricerca di una qualche doppio malto scura che non lasci un gusto troppo “amarognolo” dopo bevuta …… ricordo anni fa la Chimey ….. ma non l’ho trovata ultimamente …… che dici ?

          • atlas
            Inserito alle 12:47h, 05 Settembre

            ciao amico. Sì, buone quelle che citi. La Chimay è particolare, molto pastosa, si trova in qualche supermercato fornito, l’esselunga (a Milano) di quel giudeo che recentemente è morto ha buone birre in varietà, naturalmente sempre in bottiglia. A Milano poi, ci sono posti specializzati, più di uno, che le vendono. Io preferisco sempre la spina, cmq. La birra con sfondo amaro è quella molto luppolata. In genere la doppia (o tripla) tostatura del malto (che non vuol dire doppia o tripla dose) non dà quel tipo di retrogusto

          • Farouq
            Inserito alle 17:09h, 05 Settembre

            Sono tornato da poco dalla Germania, a Monaco i biergarten abbondano e come birra siamo su un’altro pianeta

          • atlas
            Inserito alle 02:09h, 06 Settembre

            verissimo. Anche se quando girai quasi tutta la Germania nel ’98 stavo sempre con arabi, e non ne bevevo un goccio. In compenso mi girai tutte le case di prostituzione di Francoforte e Dusseldorf. Ma è ad Hannover che lasciai una thailandese che ancora oggi ho nel cuore

  • Farouq
    Inserito alle 18:48h, 04 Settembre Rispondi

    Un consiglio per chi vuole resistere:

    Non sentitivi mai in colpa per nessun motivo, spaccate il mondo, siete liberi, perché è un loro punto di forza farvi sentire in colpa

  • eusebio
    Inserito alle 19:42h, 04 Settembre Rispondi

    Il mondo atlantista si restringe a vista d’occhio, lo stesso ministro della difesa britannico, visto il disastro dell’Afghanistan ha commentato che gli USA non sono più una grande potenza, ma sono stati gli stessi britannici, dopo avere finanziarizzato la propria economia all’epoca della Tatcher, ad imporre agli USA quella deindustrializzazione che ha trasferito le fabbriche in Cina trasformandola ormai nella massima potenza industriale e ormai tecnologia del globo.
    Nonostante il ban tecnologico imposto dagli USA oggi Huawei è la società con il maggior numero di brevetti nel 5G mentre gli USA non hanno nessuna azienda che lavora nel settore, dato che le maggiori aziende sono le scandinave Ericsson e Nokia, la cinese ZTE oltre a Huawei e la coreana Samsung.
    Volevano strozzare l’industria cinese con il ban dei microchip ma oggi la cinese SMIC, che è già un colosso di 4 miliardi di dollari di fatturato con 18000 dipendenti (la rivale taiwanese e leader mondiale del settore TSMC fattura 13 miliardi di dollari e ha 55000 dipendenti, in gran parte nella Cina continentale) ha annunciato un investimento di 9 miliardi di dollari a Shangai per costruire una fabbrica di produzione di 100000 wafer di silicio di 12 pollici mensili, mentre un’altro dato significativo è l’esplosione del commercio tra Cina e Africa che ha raggiunto la cifra record di 140 miliardi di dollari tra gennaio e luglio.
    Volevano bloccare lo sviluppo dell’industria aeronautica cinese impedendo ai cinesi l’acquisizione dell’ucraina Motor Sich ma la collaborazione tra Cina e Russia ha visto lo sviluppo di un aereo passeggeri a lungo raggio, il CR929, con reciproco scambio di tecnologie che farà crescere l’industria aeronautica dei due paesi mentre la Boeing si è trasformata in una società finanziarizzata in declino.
    L’elite atlantista speculatrice vede la propria area di sfruttamento ridursi a vista d’occhio, l’Europa occidentale al momento è l’area più angariata ma per poco, il collasso economico, finanziario, politico e militare degli USA sull’orlo della guerra civile presto orienterà tutta l’Europa verso Mosca e Pechino, tranne forse il Regno Unito, che potrebbe implodere su se stesso.

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 09:54h, 05 Settembre Rispondi

      e sempre viva la grandissima CINA
      .
      ha dimenticato di scriverlo in questo lungo e prolisso discorso sui grandi successi dell’economia capitalcomunista cinese

      • atlas
        Inserito alle 12:51h, 05 Settembre Rispondi

        vero caro ardito, anche a me piacerebbe vivere liberista nella democratica america. La Cina ? Puah

        https://fb.watch/7QmireyubR/

      • Giorgio
        Inserito alle 19:15h, 05 Settembre Rispondi

        E’ vero …. Eusebio ha dimenticato di dire che negli Usa gli affamati aumentano ….. e in Cina diminuiscono ……
        e questo è un fatto certo …. non un opinione …..
        nemmeno a me piacciono alcune abitudini e tradizioni dei popoli asiatici …..
        ma il socialismo nazionalista si …… quello mi piace a tutte le latitudini …..
        ed è evidente che svilupperà caratteristiche proprie del popolo e del paese che lo esprime …..
        e per esempio il socialismo nazionalista “caraibico” ha le sue caratteristiche particolari …..
        cosi come nei paesi arabi o africani …… poi è lecito che non piacciano abitudini e tradizioni di quei paesi ….. ma è un altro discorso ….
        mi pare che il ragionamento non faccia una grinza ….. concorderà Arditi ?

        • atlas
          Inserito alle 02:19h, 06 Settembre Rispondi

          concordo io. Nel chiedere costantemente a DIO di terremotare gli usa come non è stato mai fatto nella storia dei cieli e della terra. E di tutte le cose, visibili e invisibili. Credo fermamente in solo Allah, Creatore, e nel suo Messaggero Mohammed. E nel suo Messia, Figlio di Maria, distruttore della democrazia. Amin

Inserisci un Commento