Il modo in cui la guerra a Gaza ha creato il “nuovo disordine mondiale” ha portato l’egemonia statunitense al declino


Patrick Wintour ritiene che nella regione le potenze competano e possano opporsi tra loro, ma nessuna, “meno di tutte le Nazioni Unite”, può più imporre la sua idea di ordine.
Secondo Patrick Wintour, redattore diplomatico del Guardian, la guerra a Gaza ha creato un “confuso disordine mondiale”, in cui “non esistono attori dominanti, sistemi di valori o istituzioni funzionanti”.

Wintour ritiene che nella regione le potenze competano e possano opporsi tra loro, ma nessuna, “meno di tutte le Nazioni Unite”, può più imporre la sua idea di ordine.

Egli osserva che l’Iran e la Resistenza libanese – Hezbollah hanno entrambi lasciato intendere che ci sarà una trasformazione nell'”ordine ingiusto che governa il mondo”, nelle parole di Ebrahim Raisi , il presidente iraniano.

“Israele”, tuttavia, ritiene che la sua aggressione alla Palestina, al Libano e alla Siria consentirà alla regione di trasformarsi a suo vantaggio. Benjamin Netanyahu ha promesso che la risposta al 7 ottobre rimarrà nelle mani dei “nemici di Israele” per generazioni.

Secondo Filipe Nasser, consigliere senior del Ministero degli Esteri brasiliano, la guerra attuale indica che c’è una “mancanza di riforma delle istituzioni di governance globale, incluso e soprattutto il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”, aggiungendo che “questo è il punto di convergenza tra i due paesi”. del Sud del mondo” che ritengono che l’ordine internazionale sia “asimmetrico e dannoso per i loro interessi”. I tre veti statunitensi mostrano come le regole siano state piegate”.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il ministro degli Esteri sudafricano Naledi Pandor hanno espresso le stesse preoccupazioni.

Emile Hokayem, dell’Istituto Internazionale per gli Studi Strategici, ha affermato che “il disastro di Gaza ha completamente disingannato un ampio segmento di liberali e professionisti nel mondo arabo riguardo alle pretese occidentali di sostenere e preoccuparsi dei valori nella condotta della politica estera”, aggiungendo un senso di tradimento provato da alcuni e di vendetta sentito da altri.

Wintour spiega dettagliatamente come la diplomazia statunitense abbia subito “sconfitta dopo sconfitta”, citando l’ operazione delle forze armate yemenite nel Mar Rosso e l’influenza strategica dell’Iran su 3 “punti di strozzatura economica”.

Inoltre, l’unico stato arabo che si è unito allo sforzo statunitense dell’Operazione Prosperity Guardian è stato il Bahrein.

L’editore spiega che alla Casa Bianca ci è voluto “un tempo eccessivamente lungo” e gli operatori umanitari stranieri sono stati uccisi per rendersi conto che gli interessi statunitensi e israeliani a Gaza non erano gli stessi. Gli Stati Uniti hanno appoggiato chirurgicamente la “eliminazione” di Hamas e volevano un’immagine chiara di come sarebbe stata la Palestina del dopoguerra, cosa che gli israeliani fino ad oggi non hanno fornito.

Wintour aggiunge inoltre che le notizie sulla crescente irritazione del presidente americano Joe Biden nei confronti di Netanyahu sono apparse per la prima volta sulla stampa americana a novembre. Più le storie emergevano e meno conseguenze nel mondo reale venivano imposte a “Israele”, più Biden sembrava debole o falso, il che può solo danneggiare la sua rielezione.

Secondo Matt Duss, ex consigliere di politica estera del senatore americano Bernie Sanders, la guerra a Gaza si è trasformata in una discussione più ampia sul ruolo degli Stati Uniti nella politica globale, sottolineando che le generazioni più giovani non desiderano più utilizzare e fornire armi mortali e sono “stanchi del loro governo che sostiene uno sfacciato doppio standard sui diritti umani e poi li infastidisce riguardo a quel doppio standard.”


Fonte: Al Mayadeen inglese
Fonte: The Guardian

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Il modo in cui la guerra a Gaza ha creato il “nuovo disordine mondiale” ha portato l’egemonia statunitense al declino

  1. I padroni americani dell’occidente, sono molto antiquati, non si sono evoluti dal 1700 ……………….. sono “fossilizzati” alle idee di dominio mondiale di secoli fa, e che non funzionano più ! Sono idee errate in un popolo che non ha la capacità di dominare neanche il suo continente.
    I padroni si sono autoingannati sulla loro onnipotenza, che in realtà è molto limitata, specie contro Popolazioni più intelligenti e agguerrite ……………….
    Il fallimento è iniziato subito ………………….., con ritardi enormi sulla tabella di marcia della conquista, e la fine conferma la traiettoria in caduta. Tanto lavoro e sforzi forsennati per ottenere le sconfitte eterne.

  2. In Iran si sta verificando un intenso movimento di batterie SAM, gli iraniani stanno predisponendo la loro difesa antiaerea.
    Dall’altra parte la popolazione sionista ha ricevuto ordine di rifornirsi di acqua per tre giorni, molto contante, fotocopie di documenti e altri generi di prima necessità.
    Pare sia andata a ruba la carta igienica.
    Il partito-milizia irakeno Kataib Hezbollah ha predisposto armi e rifornimenti per molte migliaia di combattenti in Giordania,
    e il suo capo Abu Fadak ha affermato che i suoi 250000 combattenti sono pronti a scatenarsi ad un ordine dell’Ayatollah Khamenei.
    Tutto sembra pronto per l’allargamento del conflitto in Medio Oriente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM