"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il ministro della Difesa russo lancia un duro avvertimento contro qualsiasi tentativo di attaccare la Crimea

Sebastopoli, Russia. – Il raggruppamento militare della Crimea non fornirà alcuna opportunità al nemico che si azzardi ad attaccare questo territorio, ha messo in chiaro il ministro della Difesa della Russia, Serguéi Shoigú, nel corso di una riunione militare svoltasi a Sebastopoli.

“Nella penisola di Crimea è stato creato e si rafforza permanentemente un gruppo interforze unico, con i suoi moderni sistemi di arma , sulla base di alte tecnologie che non lasciano neppure la minore opportunità al nemico potenziale che si azzardi a voler invadere questo territorio che è un territorio russo a tutti gli effetti”, ha affemrmato il ministro.


Nel trascorso di quasi due secoli e mezzo, in questa terra ed in varie occasioni si è deciso il destino della nostra Patria, le impattanti vittorie della flotta del Mar Nero sono rimaste scritte nella Storia mondiale e sono il nostro orgoglio”, ha sottolineato Shoigù.

“Attualmente la Crimea”, ha aggiunto Shoigù, “continua a esercitare un importantissimo ruolo strategico per la sicurezza militare del paese”.

La Crimea si è scissa dall’Ucraina ed è tornata ad integrarsi con la Russia dopo lo svolgimento di un referendum in cui la maggioranza schiacciante dei votanti, più del 96%, hanno avallato questa opzione.

Crimea, missili russi anti aerei

Produzione di armi moderne

Il ministro della Difesa allo stesso modo ha affermato che le imprese del settore della difesa russa hanno quadruplicato in cinque anni la produzione di armamenti moderni. Questo obniettivo, ha spiegato il ministro, si è ottenuto grazie all’utilizzo di soluzioni originali e alla implementazione di tecnologie di punta.

Inoltre nella attuali condizioni di pressioni dell’Occidente e di sanzioni e di una dura concorrenza sul mercato mondiale delle armi, le imprese russe vanno adempiendo tutti i programmi di sostituzione e di ammodernamento del”armamento della Difesa Nazionale, ha rivelato il ministro.
Shoigù ha sottolineato che la vittoria non si ottiene soltanto sul campo di battaglia ma anche nei laboratori scientifici. In questo contesto, il titolare della Difesa ha illustrato la realizzazione di un nuovo centro tecnico nella città di Anapa, nel sud della Russia, per le innovazioni tecnologiche nel settore della Difesa. Sarà inaugurato in Settembre dallo stesso presidente Putin.

Le difese della Russia, ha voluto sottolineare il ministro, sono ben organizzate e pronte per respingere qualsiasi tentativo di aggressione in Crimea o in qualsiasi altra parte del territorio della Federazione Russa.

Crimea, forze speciali russe

Nota: L’avvvertimento del ministro della Difesa russo sembra diretto a quegli ambienti della NATO e degli USA che illudono il governo golpista di Kiev, in Ucraina, di poter tentare di riconquistare la Crimea con una operazione militare fulminea, contando sull’appoggio dell’Alleanza Atlantica e sulle nuove armi ricevute dagli USA.
La Russia considera la Crimea parte integrante del territorio russo ed un attacco alla Crimea sarebbe un attacco alla Russia che scatenerebbe una reazione totale delle Difese russe che oggi contano su un livello tecnologico molto più alto che in passato.

A buon intenditor…

Fonte: Sputnik Mundo

Traduzione e nota: Luciano Lago

*

code

  1. Farouq 4 settimane fa

    Gli ucraini hanno ricevuto ultimamente dei tubetti lancia razzi dagli americani, con quelli pensano di conquistate la Crimea

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 4 settimane fa

      analisi sciocca. Io no sottovalutare mai mio nemico. No sapere quale è tuo nemico, egiziani hai tante facce. Meglio tu tornare tuo paese. Io invece stare con Russia SEMPRE.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anonimo 4 settimane fa

    Qualora il cioccolataio golpista nemico del popolo ucraino dovesse tentare un colpo di mano in Crimea, la Russia è legittimata ad occupare militarmente tutta l’Ucraina liberandola dal governo fantoccio di Poroscenko.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alex 4 settimane fa

    In teoria siamo tutti d’accordo, un attacco ucraino alla Crimea od alla Novorossiya si tramuterebbe in un massacro per i soldati ucraini; però questi hanno un vantaggio non da poco, l’appoggio di USA, UE, e varie prostitute mondiali (Canada, Australia,ecc…), per avanzate e tecnologiche possano realmente essere le nuove armi russe (e non ho dubbi su questo aspetto) semplicemente si troverebbero in una incredibile inferiorità numerica.
    Sarebbero in grado di sigillare lo spazio aereo contro una coalizione formata da praticamente tutto il resto del mondo? L’ Ucraina ha la certezza che un suo attacco sarebbe appoggiato dalla “comunità internazionale” ma la Russia è sicura di poter contare sull’aiuto dei suoi partner? La Cina si impegnerebbe militarmente contro gli USA?
    La situazione è delicata, ed anche i russi sanno bene che le loro armi non potrebbero difenderli a lungo. C’è da sperare che le loro minacce sortiscano l’effetto deterrente sperato e che nel frattempo l’Ucraina vada definitivamente a bagasce, è solo questione di tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fabio Franceschini 4 settimane fa

    Pensare che le armi date agli ucraini possano consentire di.
    Rioccupare l’Ucraina non è in ipotesi che possa essere considerata realistica da nessun ufficiale
    Serio a qualsiasi campo appartenga.qualsiasi attacco in tal senso sarebbe solo una provocazione per poi rivendere la ovvia reazione russa
    Come ulteriore prova della aggressività russa ovviamente corroborata in ciò dall’apparato pressistute e il carrozzone mediatico asservito alla nato .

    Rispondi Mi piace Non mi piace