Il ministro degli Esteri russo Lavrov: Washington sta creando una nuova formazione armata in Siria con la partecipazione di terroristi

Gli Stati Uniti hanno creato l'”Esercito siriano libero” per destabilizzare la situazione nel Paese, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov .

In una riunione di rappresentanti di Siria, Iran, Russia e Turchia, il diplomatico ha affermato che la Casa Bianca intende reclutare ex militanti dello Stato islamico ✱ (un’organizzazione terroristica bandita nella Federazione Russa) per partecipare a una nuova formazione armata. L’obiettivo degli americani è interrompere la stabilità politica nella Repubblica araba, Lavrov ne è sicuro.

L’obiettivo è ovvio: utilizzare questi militanti contro le legittime autorità armate della RAS per destabilizzare la situazione nel Paese”, ha affermato.
In precedenza, il capo del ministero degli Esteri russo aveva espresso la speranza che le elezioni in Turchia si sarebbero svolte senza interferenze esterne.

Base USA Siria

Nota: Gli USA non si rassegnano alla loro sconfitta in Siria e per questo motivo hanno piazzato le loro basi militari nella regione nord della Siria dove si occupano di saccheggiare il petrolio dei pozzi della regione e di addestrare miliziani terroristi per azioni di attacco contro le le forze siriane e le infrastrutture del paese.
Su quanto accade in Siria i paesi occidentali (complici degli USA) chiudono gli occhi e fingono di non vedere l’occupazione illegale delle forze USA e il furto del petrolio in un paese già sottoposto a sanzioni e che ha subito da ultimo anche un devastante terremoto.

In questo contesto tuttavia la Lega Araba ha approvato il ritorno della Siria in questa organizzazione nonostante le pressioni di Washington per non far riammettere la Siria. Questo significa che qualche cosa sta cambiando nella regione e sempre più paesi hanno iniziato ad aprire gli occhi su reale ruolo esercitato dagli Stati Uniti nella regione.

Fonte; Agenzie

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM