Il ministro degli Esteri indiano ricorda ai paesi dell’Occidente che il mondo non ruota attorno a loro

di Andrew Korybko

Chiamando le cose con pane al pane e discutendo pubblicamente il segreto di Pulcinella che tutti i paesi sono principalmente motivati ​​dal perseguimento di ciò che i loro leader considerano sinceramente i loro interessi nazionali oggettivi, MEA Jaishankar, ministro degli Esteri dell’India, sta facendo un servizio al mondo intero rimuovendo il tabù che ufficiosamente circondato qualsiasi discussione su questo fatto.

Il ministro degli Esteri (MEA) Jaishankar ha riaffermato le sue credenziali come esponente di uno dei più importanti paesi sovrani conservatori (MCS) multipolari del mondo dopo aver ricordato all’Occidente in un evento di venerdì che il mondo non ruota attorno a loro. Stava parlando con il think tank slovacco GLOBSEC e rispondendo a domande sulla politica estera del suo stato di antica civiltà durante la Nuova Guerra Fredda, quando ha detto che “l’Europa deve uscire dalla mentalità che il problema dell’Europa sia un problema del mondo, ma il problema del mondo non è un problema dell’Europa”.

Per quanto semplice possa essere questa affermazione, questa è stata estremamente sigificativa proveniendo da una grande potenza emergente nel sud come l’India, che ha rifiutato con orgoglio di sottomettersi alle pressioni occidentali guidate dagli Stati Uniti per condannare pubblicamente la Russia per la sua operazione militare speciale in corso in Ucraina e successivamente sanzionandola.

Come ha spiegato MEA Jaishankar, “rappresento un quinto della popolazione mondiale. Rappresento quella che oggi è la quinta o la sesta economia più grande del mondo. Dimentica la storia e la civiltà, lo sanno tutti. Penso di avere il diritto di avere il mio punto di vista. Ho il diritto di valutare i miei interessi e fare le mie scelte. Le mie scelte non saranno ciniche e transazionali. Saranno un equilibrio tra i miei valori e i miei interessi. Non c’è Paese al mondo che non tenga conto dei suoi interessi”.

L’eponente del governo indiano non avrebbe potuto esprimersi più chiaramente, perché dovrebbe essere ovvio per tutti che l’India è un paese troppo grande, troppo influente e troppo potente per essere spinto dagli altri. La sua politica estera neorealista è allineata allo spirito del mondo,

Con questa osservazione in mente, diventa anche chiaro che tutto ciò che l’Occidente guidato dagli Stati Uniti dice sulla cosiddetta “morale”, “etica”, “principi” e “l’ordine basato sulle regole” non è altro che retorica destinata alconsumo come del pubblico come parte della campagna globale di guerra cognitiva per conquistare cuori e menti. Un recente sondaggio dell’Alleanza per le Democrazie, che ha ragioni ideologiche intrinseche per manipolare i suoi risultati, ha confermato nel suo merito che si tratta solo di coloro che vivono nell’Occidente guidato dagli Stati Uniti che hanno una visione negativa della Russia poiché poche persone nei paesi del sud condividono questo percezione.

Questo risultato aggiunge credito all’affermazione di MEA Jaishankar secondo cui “l’Europa deve uscire dalla mentalità secondo cui il problema dell’Europa è un problema del mondo, ma il problema del mondo non è un problema dell’Europa”.

Uno degli unici motivi per cui l’Occidente guidato dagli Stati Uniti ha una visione così negativa della Russia è perché la sua gente è il pubblico prigioniero dei media controllati dall’élite dopo che i loro governi o censurano i media russi finanziati con fondi pubblici, o rendono loro impossibile operare in questi paesi. Se la gente comune in questi paesi avesse uguale accesso alle informazioni, come fa la stragrande maggioranza delle persone nel sud, è probabile che avrebbero una migliore percezione della Russia.

Putin con il premier indiano Modi

Ad esempio, mentre molti americani hanno denunciato il fatto che il loro governo abbia donato all’Ucraina 40 miliardi di dollari nel mezzo di una delle peggiori crisi economiche della storia recente, che ha portato anche a una carenza di latte artificiale in tutto il paese, quasi nessuno di loro ha fatto nulla di concreto , come una protesta davanti alla Casa Bianca (anche se probabilmente non avrebbe fatto la differenza comunque). Si sono solo lamentati, sono andati avanti e accetteranno passivamente che il loro governo, come è inevitabile, darà ancora di più in futuro. Questa situazione contrasta nettamente con quella del Sud, dove la maggior parte delle persone sostiene con passione la neutralità di principio del loro governo di fronte alla crisi ucraina, tanto che ci si aspetterebbe che molti di loro protestino – forse anche in modo incontrollabile – se i loro leader dovessero condannare pubblicamente la Russia per solidarietà con l’Occidente guidato dagli Stati Uniti e poi sanzionare esso.

È l’Occidente che è isolato dal resto del mondo, non il resto del mondo che è isolato dall’Occidente, esattamente come ha detto di recente l’ex presidente del Consiglio Berlusconi in un articolo pubblicato sui media del suo paese.
La solidarietà dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti di fronte all’operazione speciale della Russia in Ucraina è in effetti artificiale e quindi molto fragile, poiché è stata forgiata a seguito della manipolazione da parte dell’America delle percezioni di questo conflitto al fine di riaffermare la sua egemonia unipolare in declino su quella civiltà. È quindi l’opposto della solidarietà del Sud a favore della Russia, che è genuinamente popolare e quindi riflette la volontà dei popoli di questi paesi. Tuttavia, molti occidentali ignorano questi fatti perché sono tenuti in ostaggio dai loro media controllati dall’élite, che censurano e distorcono gli eventi in tutto il mondo, in particolare quelli legati al conflitto ucraino.

È quindi comprensibile, in una certa misura, che le loro popolazioni credano sinceramente che il mondo ruoti attorno a loro, anche se i loro leader ovviamente sanno che non è così, ed è per questo che manipolano le percezioni della loro gente, come abbiamo spiegato prima.

Tuttavia, parlando così apertamente su questo argomento, MEA Jaishankar ha reso accettabile per tutti discutere pubblicamente questo fatto oggettivamente esistente e facilmente verificabile. Questo abbatte la “grande muraglia” della censura costruita dall’Occidente guidato dagli Stati Uniti e si spera portando alcuni dei suoi ostaggi de facto dei media a chiedersi perché non è stato loro detto che paesi come l’India – che simbolicamente si descrive come la più grande democrazia del mondo – stavano assumendo una posizione così orgogliosamente indipendente dal conflitto ucraino. Sono stati indotti in errore nel pensare che anche il mondo intero condanni la Russia quando in realtà la maggior parte dell’umanità la sostiene.

Andrea Korybko

Fonte Asia Times

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:15h, 07 Giugno Rispondi

    Elite occidentali segnatamente angloamericane… colpite da decenni da improvvida sindrome di Re Sole…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • antonio
    Inserito alle 10:19h, 07 Giugno Rispondi

    l’ Occidente Tramonta nell’ Impostura e nel Male

  • antonio
    Inserito alle 10:21h, 07 Giugno Rispondi

    Papi Regine Magistrati e Presidenti prostituiti ai Mercanti

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 00:08h, 08 Giugno Rispondi

    ho grande simpatia per l’India che avrebbe la piu’ alta % di vegetariani nel mondo, ma allora potrei avere maggiore simpatia per Messico RegnoUnito Polonia che avrebbero la piu’ alta % di vegani nel mondo. e il territorio con piu’ bassa percentuale di disonesta’ potrebbe essere la Scandinavia. in India si parla inglese (lingua europea), in Messico si parla spagnolo (lingua europea), a me l’Europa sembrerebbe ancora “the best in the world”, sinonimo di qualità, vibrazionalmente il territorio dotato di maggiore resistenza nonostante paurose onde esterne inflazionalmente gonfiate che quindi sarebbero prima o poi onde destinate a sgonfiarsi

Inserisci un Commento