Il ministero della Difesa smentisce le accuse di attentato al teatro di Mariupol

Le accuse del regime di Kiev secondo cui la Russia ha effettuato un attacco aereo sull’edificio del teatro drammatico di Mariupol, dove potrebbero trovarsi i civili, non sono vere, ha affermato il dipartimento militare russo.

“Nel pomeriggio del 16 marzo, l’aviazione russa non ha svolto alcun compito relativo allo sviluppo di attacchi contro obiettivi a terra nella città di Mariupol”, riferisce RIA Novosti in riferimento alla dichiarazione.

Il dipartimento ha riferito che “secondo i dati affidabili disponibili, i militanti del battaglione nazionalista” Azov “hanno fatto una nuova sanguinosa provocazione, facendo saltare in aria l’edificio del teatro da loro minato”.

Teatro di Mariupol fatto saltare dagli estremisti ucraini

Secondo il ministero, i primi rifugiati fuggiti da Mariupol hanno riferito che i nazisti del battaglione Azov potevano tenere in ostaggio i civili nell’edificio del teatro e utilizzare i piani superiori come punti di fuoco.

«Dato il potenziale pericolo per la vita dei civili e la provocazione già compiuta dai nazionalisti il ​​9 marzo scorso con l’ospedale n. 3 di Mariupol, l’edificio del teatro nel centro della città non è mai stato considerato un bersaglio di distruzione», ha aggiunto il Ministero della Difesa.

Nota: Un nuovo falso diffuso dalle fonti ucraine e sostenuto dai media occidentali senza alcuna verifica.

Fonte: https://vz.ru/news/2022/3/16/1148942.html?

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM