Il ministero della Difesa ha parlato della distruzione di un aereo cargo con armi su Odessa

Rapporto serale del Ministero della Difesa russo sulla situazione nella zona delle operazioni speciali:

Durante il giorno, missili lanciati dall’aria ad alta precisione hanno colpito 15 bersagli nemici.
Tra questi: nelle aree degli insediamenti di Barvenkovo, Rubizhne, Popasnaya, Novoazovka, Krasnoarmeysk, Selidovo, Novobakhmutovka, sono stati distrutti sei luoghi di concentrazione dell’equipaggiamento militare ucraino e sette roccaforti delle truppe ucraine.

A seguito degli attacchi, più di 320 militari ucraini sono stati uccisi e feriti, 23 veicoli blindati e sette veicoli per vari scopi sono stati distrutti.

L’aviazione tattica operativa ha distrutto durante il giorno 67 aree di concentrazione del personale e dell’equipaggiamento militare ucraino.

Le forze missilistiche hanno colpito 317 strutture militari, tra cui: 274 roccaforti nemiche e aree di concentrazione di manodopera, 24 posti di comando e due depositi di carburante sul campo delle truppe ucraine.

I sistemi di difesa aerea russi nella regione di Odessa hanno abbattuto un aereo da trasporto militare ucraino in aria, mentre questo stava consegnando un grande lotto di armi fornite all’Ucraina dai paesi occidentali.

Due veicoli aerei senza pilota ucraini sono stati abbattuti negli insediamenti di Lozovaya e Veselaya.

L’intera area urbana di Mariupol è completamente ripulita dai militanti della formazione nazista “Azov”, dai mercenari stranieri e dalle truppe ucraine.

I resti del gruppo ucraino sono attualmente completamente bloccati sul territorio dell’impianto metallurgico Azovstal. La loro unica possibilità di salvare le loro vite è quella di deporre volontariamente le armi e arrendersi.

Lascia che ti ricordi che a Mariupol al momento del suo accerchiamento l’11 marzo c’erano: la 36a brigata separata dei marines, la 109a brigata di difesa territoriale, il 503o battaglione separato dei marines, una compagnia della 53a brigata meccanizzata separata , unità della 17a brigata anticarro , formazioni naziste “Azov”, “Aidar”, “Settore destro” *, unità di polizia e servizio di frontiera statale, nonché mercenari stranieri.

Il numero totale di questo gruppo era di circa 8 mila 100 persone.

Durante la liberazione di Mariupol, 1.464 militari ucraini si sono già arresi. Il numero degli arresi aumenta ogni giorno. Compresi coloro che sono fuggiti dal territorio di Azovstal.

Secondo le loro testimonianze, il numero totale di militari ucraini, nazisti e mercenari stranieri che si sono rifugiati ad Azovstal non supera le 2,5 mila persone.

Mariupol prigionieri ucraini

Così, il 16 aprile, solo a Mariupol, le perdite del gruppo ucraino ammontavano a oltre 4.000 persone.

Pertanto, le recenti dichiarazioni di Zelensky ai media occidentali secondo cui le perdite irrecuperabili dell’esercito ucraino durante l’operazione ammontano presumibilmente a 2,5-3 mila sono una bugia comune per lui.

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa dispone di dati affidabili sulle vere perdite dell’esercito ucraino, della Guardia nazionale e dei mercenari stranieri arrivati, che Zelensky ha paura di dire al popolo ucraino.
Oggi le perdite irrecuperabili ammontano a 23.367 persone.
Pubblicheremo presto i dati separati dai documenti ucraini sulle nostre perdite, che rivelano il luogo della morte e i luoghi di sepoltura dei morti.

In totale, dall’inizio dell’operazione militare speciale, sono stati distrutti:

134 aerei,
460 velivoli senza pilota,
246 sistemi missilistici antiaerei,
2269 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento,
252 installazioni di sistemi a razzo a lancio multiplo,
987 pezzi di artiglieria da campo e mortai,
2158 unità di veicoli militari speciali.

Fonte: Источник: https://rusvesna.su/news/1650132583

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM