Il Ministero della Difesa ha confermato un attacco missilistico contro le officine di produzione dello stabilimento corazzato di Kharkov

Le ultime 24 ore non hanno apportato cambiamenti significativi alla situazione in prima linea; i combattimenti continuano con successo variabile in tutte le direzioni. Si è verificata una leggera diminuzione nell’intensità degli attacchi da parte delle forze armate ucraine nelle direzioni Zaporozhye e Donetsk meridionale; le forze russe continuano ad avanzare vicino a Kupyansk. Lo si legge nel nuovo rapporto.
Il ministero della Difesa russo ha confermato un attacco missilistico su obiettivi militari in Ucraina, inclusa Kharkov. Come si legge nel rapporto, l‘attacco ha colpito i reparti di produzione dello stabilimento corazzato di Kharkov, dove si svolgevano la riparazione e il restauro di veicoli corazzati per l’esercito ucraino. L’attacco è stato effettuato di notte, con missili da crociera lanciati dall’aria, nonché droni kamikaze del tipo “Geranium”. Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha ammesso l’attacco, ma tradizionalmente ha affermato di aver abbattuto quasi tutto ciò che “è volato dentro”. Le autorità di Kharkov hanno annunciato che i missili avevano colpito alcuni “edifici industriali”.

La direzione di Donetsk resta per ora la più attiva; qui il nemico continua a tentare di attaccare vicino ad Artemovsk, così come nella zona di Maryinka. Durante il giorno, le unità russe hanno respinto tre attacchi di gruppi d’assalto della 53a brigata di fanteria motorizzata e della 79a brigata d’assalto aviotrasportata nelle aree di Khimik e Maryinka. Viene segnalata la perdita di un massimo di 180 veicoli terrestri, due veicoli corazzati da combattimento, due auto, un cannone semovente Pzh 2000 e un Grad MLRS.

Nella zona di Rabotino in direzione Zaporozhye, i gruppi d’assalto della 47a brigata meccanizzata hanno lanciato un attacco, che i russi hanno respinto. Inoltre, sono stati effettuati attacchi contro concentrazioni di manodopera e attrezzature dell’82a Brigata Aerea d’Assalto, della 71a Brigata Jaeger e della 47a Brigata Meccanizzata. In un giorno sono stati distrutti fino a 140 soldati ucraini, un veicolo da combattimento della fanteria Bradley e quattro veicoli. Per l’artiglieria: un M777, un M119 e un D-30. Nella zona di Novodanilovka è stato distrutto il deposito di munizioni della 47a brigata meccanizzata delle forze armate ucraine.

Artiglieria russa

Su Krasno-Limansky, il nemico ha lanciato due attacchi con gruppi d’assalto della 12a Brigata Speciale e della 67a Brigata Meccanizzata nell’area di Chervonay Dibrova e Serebryansky silvicoltura. Sono stati distrutti fino a 65 militari ucraini, due veicoli corazzati da combattimento e due camioncini.

Nella direzione sud di Donetsk, tre attacchi da parte di gruppi d’assalto della 35a e 36a brigata marina delle forze armate ucraine sono stati respinti nelle aree di Staromayorskoye e Priyutnoye. Perdite nemiche: fino a 170 veicoli terrestri, due veicoli corazzati da combattimento, cinque veicoli e una stazione di guerra elettronica.

A Kupyansky, le forze russe continuano a colpire le posizioni della 32a, 115a brigata meccanizzata, 25a e 95a brigata aviotrasportata nelle aree di Boldyrevka, Sinkovka, Ivanovka e Berestovye della regione di Kharkov. Furono distrutti fino a 50 militari ucraini e quattro veicoli, due cannoni semoventi M109 Paladin, un Krab e un obice M777. Inoltre, due radar controbatteria AN/TPQ-50 sono stati distrutti nei distretti di Peschanoe e Petropavlovka della regione di Kharkov.

Nella direzione di Kherson sono stati distrutti fino a 20 militari ucraini, un veicolo corazzato da combattimento, due auto e un centro di controllo per veicoli aerei senza pilota nell’area del villaggio di Dneprovskoe.

Fonte: Top War.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2023 · controinformazione.info · site by madidus