Il Ministero della Difesa ha annunciato che l’Ucraina sta preparando una provocazione contro le Forze Armate Russe a Lisichansk

Mosca 27 aprile / TASS. Le Forze Armate Ucraine hanno sparato erroneamente sul mercato centrale di Lisichansk, ora, sul posto, si prepara una provocazione per accusare le Forze Armate Russe di crimini di guerra. Lo ha annunciato il capo del Centro di Controllo della Difesa Nazionale della Federazione Russa, il colonnello generale Mikhail Mizintsev.

“Il regime di Kiev non la smette coi tentativi di provocazioni per accusare le Forze Armate Russe di crimini di guerra. Un’altra messa in scena con la morte di presunti civili a seguito di un bombardamento da parte di unità russe è stata approntata dagli specialisti dell’informazione e delle operazioni psicologiche delle Forze Armate Ucraine per essere esibita alla comunità internazionale nei prossimi giorni”, – ha affermato Mizintsev, che dirige il quartier generale di coordinamento interdipartimentale della Federazione Russa per la risposta umanitaria in Ucraina.

Scenario per la provocazione

Secondo l’alto ufficiale, sul sito saranno invitati i media ucraini e occidentali. “Nella città di Lisichansk, verso il mercato centrale, che il giorno prima è stato erroneamente colpito da un’unità della 57a brigata di fanteria motorizzata delle Forze Armate Ucraine, vengono trasportati mezzi militari distrutti, le ambulanze forniscono corpi di militari delle Forze Armate Ucraine rivestiti con abiti civili”.

Come sottolineato da Mizintsev, questo scenario ripete le atrocità dei nazisti ai tempi della Grande Guerra Patriottica, ma coi moderni approcci di Kiev. Mizintsev ha inoltre aggiunto: “Avvertiamo in anticipo il cosiddetto Occidente civile che questo e altri simili sanguinosi falsi da parte delle autorità di Kiev sulle presunte “atrocità russe”, nel prossimo futuro, sono programmati per essere ampiamente diffusi nei media e sulle risorse Internet”.

Fonte: https://tass.ru/armiya-i-opk/14499561

Traduzione di Eliseo Bertolasi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus