Il ministero della censura. La caccia alle fake news vuole imbavagliare l’informazione alternativa

di Enrica Perrucchetti

«La guerra è pace, La libertà è schiavitù, L’ignoranza è forza». Questi sono i tre slogan che campeggiano stampati sulla facciata del palazzo di forma piramidale in cemento bianco in cui si trova la sede del Ministero della Verità orwelliano: è al suo interno, nell’Archivio, che lavora il protagonista di 1984, Winston Smith. Il Miniver (in neolingua) si occupa dell’informazione e della propaganda e ha il compito di produrre tutto ciò che riguarda l’informazione: promozione e diffusione dei precetti del partito, editoria, programmi radiotelevisivi, letteratura. Questo ente si occupa anche della rettifica di questo materiale, in un’opera capillare e costante di riscrizione delle fonti. Il Miniver, cioè, si occupa di falsificare l’informazione e la propaganda per rendere il materiale diffuso conforme alle direttive e all’ideologia del Socing. Il Grande Fratello, infatti, sottomette le menti dei cittadini tramite il “controllo della realtà”, ossia il bipensiero e niente deve sfuggire alle maglie del suo dominio onnipervasivo.

Nella società distopica immaginata da Orwell, il controllo è totale in quanto i colleghi di Winston si occupano di falsificare la storia seguendo l’adagio del Partito, «Chi controlla il passato […] controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato». Le menzogne propinate dai falsificatori vengono imposte dal Partito e acquisite in modo spontaneo e acritico dalle masse perché «se tutti i documenti raccontavano la stessa favola, ecco che la menzogna diventava un fatto storico, quindi vera». Questo passaggio di 1984 riecheggia il noto adagio di Joseph Goebbels, Ministro della Propaganda del Terzo Reich: «Se ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte, diventa una realtà». E soprattutto, viene acquisita e introietta come se fosse sempre stata vera.

Il “controllo della realtà” e la falsificazione costante del passato servono a soggiogare il popolo tenendolo imprigionato in una forma di eterno presente: privo di memoria storica e senza più la capacità di usare la coscienza critica, l’uomo comune è costretto a crollare di fronte alla dissonanza cognitiva che viene indotta dal Grande Fratello, senza nemmeno accorgersi delle bugie a cui viene bombardato quotidianamente. Dovrà quindi allinearsi completamente all’Ortodossia, accettare e credere qualunque menzogna come dogma, anche qualora si dica che 2+2 fa 5. Chi non lo facesse sarebbe immediatamente accusato di psicoreato. Il potere, cioè svuota le menti dei cittadini per riempirle con i propri contenuti, proprio come ripeteva ancora Goebbels «Non basta sottomettere più o meno pacificamente le masse al nostro regime […] Vogliamo operare affinché dipendano da noi come da una droga».

Tematiche attualissime − come mostro nel mio ultimo libro, Fake News. Dalla manipolazione dell’opinione pubblica alla post-verità: come il potere controlla i media e fabbrica l’informazione per ottenere il consenso (Arianna Editrice) − in un periodo in cui la caccia alle fake news sta monopolizzando il dibattito pubblico all’interno di una cornice fintamente democratica e le voci dissonanti sono ancora troppo poche.

L’attuale diatriba sulla fake news ha portato alla promozione di un clima di isteria che potremmo definire una “caccia alle streghe 2.0”. In un pieno rigurgito di maccartismo, dove al posto dei comunisti oggi vengono perseguitati coloro che non si allineano al pensiero unico, è in atto una campagna che da un lato strumentalizza la violenza e il cyberbullismo dei social e dall’altro, in piena modalità schizoide, fa uso di questi metodi per attaccare, dileggiare, denigrare e screditare i ricercatori e i giornalisti “alternativi”. Si è partiti con la graduale costituzione di siti atti allo smascheramento di bufale per finire ad adottare metodi sempre più sofisticati per imbavagliare il web (come se le bufale fossero un’esclusiva della rete e i media mainstream ne fossero immuni!).

Sia i media mainstream, sia i politici che oggi chiedono misure per la censura del web hanno negli anni divulgato, e continuano a farlo, innumerevoli panzane, menzogne deliberate o fake news (si pensi per esempio alle famigerate armi di distruzione di massa iraquene poi rivelatesi inesistenti) ricorrendo quindi a sofisticate forme di manipolazione per dirigere il consenso dell’opinione pubblica. Invece il neo Tribunale dell’Inquisizione si focalizza soltanto sui contenuti della rete, additando anche gli argomenti scomodi come bufale.

Secondo i novelli inquisitori, infatti, fenomeni politici e sociali come Brexit, l’elezione di Trump, la vittoria del NO alla modifica costituzionale in Italia, ecc. sarebbero in realtà il frutto “scellerato” della diffusione delle bufale on line (se non addirittura dovute all’intervento dei famigerati hacker russi). Per tutelare la “propaganda”, introdurre in modo sempre più strisciante lo psicoreato e censurare l’opinione pubblica, in Occidente si stanno quindi introducendo leggi o apparati volti a stanare le bufale e a oscurarle, con il rischio (o forse dovremmo dire con l’intento deliberato) di censurare il web e in particolare l’informazione alternativa.

Anche Facebook, Google e Twitter sono dovuti correre ai ripari per poter sottostare al volere dell’establishment. Durante le presidenziali francesi, per esempio, Facebook ha oscurato 30 mila profili accusati di diffondere fake news o fare spam, suscitando non poche polemiche. Sempre in Francia, nella conferenza stampa di inizio anno, Macron ha annunciato un progetto di legge per combattere le fake news e rafforzare il controllo dei contenuti su internet in periodo elettorale.

Minniti istituisce controllo sul web

Nemmeno l’Italia sfugge a queste misure draconiane: da noi il ministero dell’Interno ha attivato un nuovo servizio a disposizione degli utenti per segnalare fake news, che è stato presentato a Roma alla presenza del ministro dell’Interno Marco Minniti, il capo della Polizia Franco Gabrielli e il direttore del servizio di Polizia postale, Nunzia Ciardi. Una volta ricevute le segnalazioni, un team dedicato del Cnaipic le verificherà attentamente attraverso l’impiego di tecniche e software specifici e, in caso di accertata infondatezza, pubblicherà una smentita. In che modo si deciderà quali contenuti sono veri e quali falsi? Fino a che punto si spingerà questo sistema?

L’opinione pubblica sembra passiva di fronte a questi provvedimenti se non addirittura propensa a legittimare l’uso della forza, arrivando persino ad accettare di introdurre il reato di opinione: una forma di psicoreato orwelliano 2.0 secondo cui verrebbe punita non più l’azione ma la libertà di espressione e ancora prima di pensiero. Non si potrà più pensare “male” (cioè in modo critico e indipendente dal pensiero unico): i propri pensieri e le proprie emozioni dovranno allinearsi al pensiero comune, globale, globalizzato, politicamente corretto. Sarà semplicemente vietato pensare fuori dal coro: la mente di tutti noi sarà definitivamente sotto controllo. Apparentemente, per una “buona” causa.

Fonte: Interesse Nazionale

17 Commenti

  • Riki
    25 Gennaio 2018

    scusatemi se ho scritto dei commenti noiosi ma ero ubriaco. Con 2 b o una non fa differenza. La cosa inconfutabile che ho scrissi è che c’è un Elite che attraverso i loro think tank e zerbini e aspiranti zerbini adoratori del nuovo ordine mondiale ..incredibile ma vero.. hanno creato internet. Internet è la valvola di sfogo per farci stare a posto, connessi.. secondo loro.. (io no eh) ! credendo di poter fare qualcosa contro un mostro infernale che è il propietario stesso della rete.. Questo lo sappiamo tutti, e allora perchè non riusciamo a fare qualcosa? E proprio questo il punto: non possiamo fare ninte perche siamo in una rete, dove ogni pesce può esprimere il proprio pensiero.. ma alla fine moriremo tutti – consapevoli o no – l’Elite ha ordinato così. Ditemi se non è così? e scusatemi ancora se ho scritto troppi commenti ( ero ubriaco) con una b

    • Riki
      25 Gennaio 2018

      sono ignorante come uno scarpone da sci; senza ricordare illustri pensatori.. ma tu pensa un che guevara.. se fosse vivo oggi, e vedere un mondo così: affogherebbe nel vomito e morirebbe all’istante? oppure sarebbe un radikal chic col tablet seduto sul divano di cuoio vintage, sigaro e rhum cubano?

      • Riki
        25 Gennaio 2018

        Se potessi tirare una bestemmia di notte nel cielo stellato, tirerei giu il carro.. e anche la stella polare. Come è possibile che l’umanità sia ingannata quotidianamente dall’elite in questo modo? (attraverso i lo servi) scienziati (finti) geologi meteorologi veline militari – multinazionali – banksters – big pharma – fino agli zerbini nazionali più piccoli e insignificanti per loro: molluschi bivalve che appaiono in tv e delle giornalaie prese da un night club che leggono quello che gli dettani il loro padroni? Orwell inorridirebbe

  • claudio
    25 Gennaio 2018

    Si, ma con sta storia del dr. Goebbels mi hanno fracassato i marroni.. viene sempre portato ad esempio come se nella germania migliore di sempre ci fosse bisogno di raccontare minchiate al popolo tedesco al quale bastava poco per vedere i successi del Fhrher in ogni campo economico e fimanziario. Biisogna infatti contestualizzare il perchè disse quella frase e a chi era riferito o vogliamo nasconderci dietro ad un dito sporco di merda antifascista?? Chi controlla i media oggi sono gli stessi che li controllavano allora per cui goebbels aveva pienamente ragione a difendere se stesso e gli interessi del popolo tedesco denunciando tale situazione.

    • Riki
      25 Gennaio 2018

      Hitler era finanziato dai Rothchilds attraverso i Warburg – le guerre sono finanziate dai bankieri – la gente si scanna e loro guadagnano sulla morte di milioni di persone. I loro patrimoni sono sporchi di sangue di milioni persone. Poi attraverso i loro zerbini intellettuali storici ego vanità alle stelle .. scrivono la storia a modo loro – e il popolo bue abbocca

      • claudio
        25 Gennaio 2018

        Molla il fiasco riki, da retta a me, non peggiorare le cose..” perchè nel cervello di un coglione il pensiero faccia un giro bisogna che gli capitino un sacco di cose e di molto crudeli.. ” louis ferdinand Celine. E da ubriaco uno è sempre a rischio di passare da stupido..
        E continuando con Celine posso portare alla tua conoscenz che l’unico al mondo ad aver messo in carcere il rothschild fu proprio il beneamato Furher, per speculazioni, le stesse che oggi gli eredi continuano a fare bellamente ed impunemente grazie anche a chi, come te, pensa più a sbronzarsi ( di ideologie idiote ) che non ad informarsi seriamente.. i warburg i cohen i levi la jp morgan ed altri giudei finanziarono il tuo caro lenin, ricordatelo quando ti passa la sbornia..

        • Riki
          25 Gennaio 2018

          e chi ti contraddice.. i banksters hanno finanziato le guerre in segreto .. restando nell’ombra fino a ora .. e nessuno se ne è mai infischiato… penso invece che tu sia una donna nell’animo

          • Riki
            25 Gennaio 2018

            Quello che pensano i dementi non mi interessa. Sono i dementi e i decerebrati mentali che sono utilissimi al sistema. Essi ..le capre … sono governate da dei disinformatori – da pennivendoli prezzolati – da gente che si è venduta l’anima al sistema dei banksters

          • Riki
            25 Gennaio 2018

            ho frequentato per un breve periodo una donna lituana – per fortuna breve – sono delle persone ignoranti e anche un poco stronze .. bisogna stare alla larga dalle persone ignoranti .. a meno che uno non sia masochista.. allora ha trovato l’eden – Queste persone hanno l’ignoranza nel dna

          • claudio
            26 Gennaio 2018

            Dubito fortemente che tu possa aver frequentato donne, lituane o moldave che fossero, mi dai l’idea di essere uno a cui piace tirarsela da diverso, diverso in tutti i sensi, anche nel senso di marcia diverso, invertito.. non so se mi spiego.. anche perchè tutte le tue affermazioni sembrano uscite dal culo dove, probabilmente, trovano molto più spazio. Vedi riki, qui è questione di logica, il problema è che tu, essendo ” diverso” cerchi strade alternative alla logica e ti ritrovi in un vicolo cieco. Chi mise in prigione rothschild fu Hitler, non lenin.. chi nazionalizzò la Bundesbank fu Hitler, non stalin.. chi creò una moneta alternativa al deprezzatissimo marco tedesco di allora fu Hitler, non trotsky.. chi spara cazzate a brettio è riki, non Claudio.. capisci si?? Questi sono FATTI, NON PAROLE..fatti certificati.. documentati.. incontrovertibili.. e siccome ” c’est l’argent qui fait la guerre ” qualunque imbecille, anche ubriaco e in compagnia di un transessuale lituano riuscirebbe a capire le vere motivazioni della seconda guerra mondiale.. ciuccia meno… alcool..

  • HERZOG
    25 Gennaio 2018

    Riki saro ‘franco da ubriaco LA SENTONO piu ispirato che da sobrio ,s’inciucchi piu spesso e comunque sull’argomento mi dispiace ma per quel che mi riguarda faccio fin troppo ,all’estero, da solo ,in giro con t-shirts con LA SVASTIKA con LA nefasta convivenza di anglosassoni ,fossi li magari un occhiatina sospettosa alla sede di forza Nuova LA farei anch’io non si sa mai

  • Riki
    25 Gennaio 2018

    in risposta a Herzog: Hitler posticipò l’aggressione alla Russia in inverno .. per causa di Mussolini che era impelagato in Grecia? Se hitler avesse aggredito la russia d’estate la storia sarebbe andata diversamente? (sono solo elucubrazioni) I gerarchi veri nazisti non sarebbero fuggiti in sudamerica (grazie al vaticano) Gli scienziati tedeschi non sarebbero stai esportati negli Usa per il progetto bomba atomica? I giapponesi non sarebbero stati le cavie degli esperimenti nucleari? Ma Hitler avrebbe sterminato gli Inglesi? e noi non saremmo mai nati? ( io sarei felice) grazie – Il destino dell’umanità era così … e i banksters hanno guadagnato miliardi di dollari.. I sionisti.. chiamateli come volete.. loro hanno fatto quadriliadi di dollrai sulla pelle dell’umanità. La stessa che stanno martoriando, massacrando, umiliando, oggi – con le prostitute televisive prese dai night club che recitano in porno tv i mantra dei loro padroni servi dell’elite .. nausea – vomito ..

  • Brancaleone
    25 Gennaio 2018

    Ebbene si, in giro sento molte persone che credono ancora alle fandonie dei politici e hanno le idee chiare su chi votare. Questo mi ha fatto molto riflettere: come si puo’ ancora credere a questi cialtroni, cosa passa nel “cervello” della gente? Sono domande destinate a rimanere senza risposta. Una volta credevo alla favola che gli uominl sono tutti uguali, oggi so che non e’ assolutamente vero: no non siamo tutti uguali, c’e’ una marea di individui che in realta’ oltre alle funzioni espletate dagli animali e’ poco altro, per contro gli animali hanno sentimenti e nobilta’ per loro inimmaginabili. Forse credono ai politici perche’ sono uguali, ci si rispecchiano. Chi e’ un po’ piu’ sveglio e’ nauseato da questa lordura, pero’ a mio parere molti commettono l’errore dei prima descritti sovente antifascisti, cioe’ non fanno che parlare di hitler, nazismo e fascismo. E’ tutto morto e sepolto da piu’ di 70 anni, perche’ fare l’errore antitetico, fin quando si reagisce esorcizzando fantasmi, pensiamo di poter minimamente affrontare problemi che richiedono idee, filosofie e approcci sicuramente congrui ai tempi di oggi? Il nodo e’ proprio questo: non c’e’ pensiero, idea, che necessariamente dovrebbe trasformarsi per i piu’ in ideologia, ma comunque esige una visione forte, in grado di far crollare questo castello di cartapesta da cui erroneamente crediamo di non poter uscire. Il problema e’ che anche i veri pensatori,artisti, filosofi, peraltro pochissimi, non hanno piu’ niente da dire, forse siamo una civilta’ che e’ giunta al terminal.

    • Riki
      26 Gennaio 2018

      Sono d’accordo. Io dico ancora questo e poi Prometto di non scrivere più per sfogare la mia depressione: noi viviamo in questa epoca quindi riflettendo su adesso, l’inganno più grande che ha subito l’umanità in questa epoca, è iniziato l’undici settembre con lo inside job delle twin towers. Le dichiarazioni di Bush di iniziare la guerra contro il terrorismo sono state dettate dai loro superiori: i Banksters. Il fiume di sangue che ha generato e che continua a scorrere viene da loro. Loro ingannano la gente e comprano chiunque. Ciao ragazzi e scusate i miei sfoghi. Pace, bene e cin cin

    • XD
      26 Gennaio 2018

      Ottimo commento… anch’io penso spesso all’intelligenza Delle persone, mi ritrovo con un’enorme delusione,credendo che forse gli altri la pensino più o meno come me. No non è così e ci si sente veramente soli!

  • HERZOG
    25 Gennaio 2018

    Dai e dai qualcuno legge Celine e menomale! A forza di rompere l’anima in giro per il Web … tengo a precisare che TUTTO quello che leggete su internet E’ sotto LA super visione di Massoni e Ebrei POTETE IMMAGINARE LE PALLE CHE VI RACCONTANO,solo I libri come “aaargh Italia” o I video tradotti con I sottotitoli fanno testo tipo “Davide benetello olocausto” ma per il RESTO meglio xhamster da piu piacere

    • claudio
      26 Gennaio 2018

      Caro herzog, ho letto Celine per la prima volta che avevo 22 anni, nel 1982, Bagatelle per un massacro.. non ricordo come mi capitò tra le mani, forse un regalo di Dio al quale rivolgo sempre un grazie.. fa piacere sentirsi in giusta compagnia..

Inserisci un Commento

*

code