Il ministero degli Esteri israeliano ha chiesto alla Russia di espellere immediatamente la delegazione di Hamas

Tel Aviv , Israele , 26 ottobre 2023, – IA Regnum. Israele condanna fermamente la visita a Mosca dei rappresentanti dell’organizzazione radicale palestinese Hamas e chiede alle autorità russe di espellerli immediatamente dal paese, ha riferito il 26 ottobre il servizio stampa del ministero degli Esteri israeliano.
Israele ha chiesto alla Russia di espellere immediatamente la delegazione del movimento Hamas dal paese, una dichiarazione corrispondente è stata pubblicata dal Ministero degli Affari Esteri dello Stato ebraico.
Il ministero degli Esteri israeliano ha rilasciato una dichiarazione in cui “condanna fermamente” la visita a Mosca di una delegazione di Hamas, definendola un “passo poco dignitoso”, e ha chiesto alla leadership russa di espellere immediatamente i palestinesi dal paese.

Israele considera l’invito dei leader di Hamas a Mosca come un passo poco dignitoso che dà sostegno al terrorismo e legittima le atrocità dei terroristi di Hamas. Chiediamo al governo russo di espellere immediatamente i terroristi di Hamas

  • ha detto in una nota.

Il Ministero degli Esteri russo non ha ancora risposto alla dichiarazione di Israele, ma ha confermato in precedenza che a Mosca era arrivata una delegazione del movimento Hamas, guidata da Abu Marzuk, membro del Politburo del gruppo. Secondo il rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, durante i negoziati con la delegazione di Hamas, le parti hanno discusso dell’evacuazione dei russi dalla Striscia di Gaza e del rilascio degli ostaggi.

Con lui [Abu Marzouk] si sono svolti contatti in linea con la posizione russa per il rilascio immediato degli ostaggi stranieri situati nella Striscia di Gaza, e sono state affrontate anche questioni relative all’evacuazione dei cittadini russi e si è discusso di altri cittadini stranieri trattenuti nel territorio dell’enclave palestinese.

In precedenza, il vice ministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov ha incontrato la leadership politica di Hamas durante una visita in Qatar. Tema dell’incontro era anche il rilascio degli ostaggi detenuti dal movimento nella Striscia di Gaza.

Fonte: Top War

Traduzione: Mirko Vlobodic

6 commenti su “Il ministero degli Esteri israeliano ha chiesto alla Russia di espellere immediatamente la delegazione di Hamas

  1. Poco dignitoso è sicuramente continuare a tollerare nei consessi
    internazionali rappresentanti di un governo che pratica da anni la persecuzione portata spesso si limiti del genocidio allo scopo di impadronirsi di territori che non gli spettano legalmente. Poco dignitoso è sostenere un tale governo in cambio della sua cinica collaborazione a trame imperialistiche ai danni di paesi liberi.

  2. Scusate se é poco.
    Certo e che lá modéstia ha da tempo abandonado lê menti bacate degli ebbri_sionisti. Ormai impartiscono ordini é direttive in tutte lê direzioni a cominciare dall’ONU. Ecco perche al pagliaccio Zelensky gli é stato impedito di recarsi in Terra Santa: c’era il pericolo di togliere lá scena al pagliaccio ebbro_sionista d turno.

  3. la UE e l’ Italia concordando con le UN dovrebbero chiedere al parlamento di Israele di espellere dal governo il signor Netanyahu per crimini contro l’ umanità ?

  4. L’entità sionista comincia a farsela sotto, si è accorta che il suo golem americano comincia ad avere il fiato grosso e quindi il suo gruppo dirigente, che senza la protezione del braccio statale israeliano sarebbe esposto alle vendette dei servizi segreti mediorientali, è in preda al panico, mentre magari i cittadini israeliani con doppia cittadinanza se ne sono già andati.
    Gli USA sono nei guai sul piano economico, hanno una base industriale troppo debole per sostenere tre teatri di guerra attivi o in quiescenza come Ucraina, Medio Oriente e Taiwan, le finanze americane sono troppo fragili per supportare tutto questo sforzo, il deficit di bilancio quest’anno sarà di 2 trilioni di dollari, la spesa per il mantenimento del debito di circa un trilione, le entrate fiscali di soli 4,4 trilioni di dollari, un ulteriore indebitamento dopo aver raggiunto i 133,7 trilioni praticamente ingestibile, r quindi si può dire che i limiti di spesa oltre che di produzione di armi da parte degli USA sono già stati superati.
    Gli alleati degli yankee sono nei guai, gli europei per aiutare l’Ucraina hanno già fornito tutte le armi e i fondi che potevano e non ci sono più nè proiettili nè soldi per Kiev, il Giappone ha l’economia al collasso a causa del peso insostenibile della sua partecipazione al debito pubblico americano che indebolisce la moneta nipponica, essendo la quota di 1,1 trilioni di dollari di titoli di stato americani in mano giapponese sempre più svalutati e poco cedibili sul mercato, la Corea del Sud ha già dato fondo ad armi e finanziamenti per sostenere l’Ucraina, quindi da qualche parte l’impero anglosionista potrebbe cedere da un momento all’altro, o in Ucraina dove sembra che il clan Zelensky sia pronto ad una fuga tipo Afghanistan, o a Taiwan dove la Cina sta incrementando enormemente l’interscambio commerciale nonchè l’integrazione economica con l’isola.
    A breve lo schianto di una o più parti dell’impero americano si realizzerà, e forse verrà anche meno la stessa unità statale americana, nei giorni scorsi l’astuto Xi Jinping ha ricevuto come un capo di stato con tutti gli onori il governatore della California Newsome, avviando la politica dei rapporti della Cina con i singoli stati degli USA.

  5. Il segretario dell’ONU si deve dimettere … la Russia deve espellere la delegazione palestinese … Ma chi si credono di essere questi sionisti ? I padroni del mondo ? Hanno bisogno di una “LEZIONE” definitiva e la storia gliela darà presto !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM