Il ministero degli Esteri ha messo in guardia sulle conseguenze delle minacce alle forze di pace russe a Pridnestrovie (Transnistria).


Ministero degli Esteri russo: le minacce alle forze di pace in Transnistria saranno considerate come un attacco alla Russia
Mosca , 7 giugno 2023, 17:32 – IA Regnum. Qualsiasi azione che minacci le forze di pace russe in Transnistria sarà considerata un attacco alla Russia, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in un briefing del 7 giugno .
Nessuno dovrebbe dubitare che le forze armate russe risponderanno adeguatamente a qualsiasi provocazione contro i nostri militari in Transnistria”, ha detto il diplomatico.
Ha aggiunto che le forze armate russe garantiranno la protezione dei compatrioti, del contingente di mantenimento della pace russo, del personale militare e dei depositi militari nel villaggio di Kolbasna, che sorvegliano.

Qualsiasi azione che rappresenti una minaccia per la loro sicurezza sarà considerata, in conformità con il diritto internazionale, come un attacco alla Federazione Russa”, ha sottolineato la portavoce del ministero degli Esteri.

Come riportato da IA ​​Regnum , alla vigilia di alcuni canali Telegram, sono apparse informazioni secondo cui il presidente della Moldavia Sandu, durante un incontro con il capo dell’Ucraina Vladimir Zelensky al vertice della Comunità politica europea, avrebbe acconsentito all’ingresso di Truppe ucraine nel territorio della repubblica.

Il presidente dell’Ucraina, a sua volta, in seguito ai risultati del vertice, ha affermato che la parte ucraina potrebbe aiutare a risolvere la crisi intorno alla Transnistria se Chisinau si rivolge a Kiev per chiedere aiuto nella “smilitarizzazione dei territori” in cui si trovano le forze di pace russe.

Allo stesso tempo, il servizio stampa del presidente della Moldavia si è affrettato a confutare i dati sulla partecipazione dell’Ucraina alla risoluzione della questione della Transnistria.
“Per quanto riguarda le informazioni apparse sui canali Telegram secondo cui il presidente Maia Sandu avrebbe annunciato la sua disponibilità a consentire all’esercito ucraino di utilizzare il territorio della Repubblica di Moldova per scopi militari, sottolineiamo che questi messaggi sono falsi”, ha dichiarato l’ufficio stampa del capo della repubblica .

Fonte: Regnum.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM