Il ministero degli Esteri ha definito pericolose le conseguenze dell’uso di proiettili all’uranio da parte dell’Ucraina


Mosca , 25 agosto 2023, – IA Regnum. L’uso da parte dell’Ucraina di munizioni all’uranio impoverito fornite dalle forze armate ucraine da parte degli alleati occidentali porta alla contaminazione radioattiva dell’area, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova .
A causa della fornitura di munizioni britanniche e americane radioattive e altamente tossiche contenenti uranio impoverito, l’Ucraina si sta trasformando in una terra inabitabile “, ha detto in un’intervista a Komsomolskaya Pravda.

Zakharova ha sottolineato che le conseguenze dell’uso di proiettili all’uranio impoverito potrebbero colpire anche la vicina Polonia, dove nel maggio di quest’anno è stato osservato un significativo aumento delle radiazioni di fondo.

Secondo lei, la ragione di ciò è stata l’esplosione di munizioni all’uranio impoverito, che erano state depositate in un magazzino nella regione di Khmelnytsky in Ucraina.

Come riportato da IA ​​Regnum , all’inizio di agosto, Patrick Ryder, portavoce del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti , ha affermato che il Pentagono non aveva ancora preso alcuna decisione sulla fornitura all’Ucraina di munizioni per carri armati, compresi proiettili all’uranio impoverito.
Fino ad ora sono state consegnati all’Ucraina carichi di queste munizioni fornite dalla Gran Bretagna. Parte di queste sono state distrutte nel corso di incursioni dell’aviazione russa.

Nota: l’utilizzo di queste munizioni era stato proibito dalle convenzioni internazionali ma, nonostante questo, le forze NATO le hanno utilizzate nei teatri di guerra dell’ex Jugoslavia, dell’Iraq e in altre regioni. Attualmente le stanno utilizzando in Ucraina. I crimini di guerra delle forze NATO rimangono sempre impuniti.

Fonte: Regnum.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

10 commenti su “Il ministero degli Esteri ha definito pericolose le conseguenze dell’uso di proiettili all’uranio da parte dell’Ucraina

  1. Spero che la natura stessa si incarichi di fare giustizia: una settimana di forti venti che spirano da est verso ovest, Kiev, Varsavia, Berlino, Londra coperte da una bella coltre radioattiva … e giustizia è fatta ! Peccato che Washington sia troppo lontana …

  2. l’uranio cosiddetto impoverito deriva da un processo particolare e rilascia radiazioni alfa scarsamente penetranti, è soprattutto elemento tossico per ingestione. Se però nel processo di formazione si inseriscono combustibili nucleari esauriti (rilevabili per esempio con la presenza di plutonio) allora la pericolosità aumenta di molto per la presenza di radiazioni penetranti e tali armi dovrebbero essere senz’altro bandite.
    Fonti di ricerca segnalano infatti il rilevamento di plutonio nelle zone dove si sono usate tali armi

  3. Tutte cose molto ovvie , un sano giornalismo informativo senza proclami e polemiche . Invece assistiamo al vuoto sconfortante del panorama giornalistico digitale italiano , volto solo a nascondere , censurare , denigrare il più delle volte tutte queste vitali avvisi ai naviganti…

  4. Ho siete degli ingenui o fate, non avete ancora capito che la guerra è guerra ed ognuno pur di vincere usa tutte le armi a propria disposizione tanto una volta vinto la storia la scrivono i vincitori.

    1. Veramente non è cosa di poco conto, se tu usi questa munizione nel mio Paese, io mi sento autorizzato ad usare armi nucleari nel tuo

  5. sinceramente mi lascia perplesso il post sull’uso delle armi che contengono uranio impoverito, cercare correttezza nella guerra significa giustificare la guerra come mezzo di regolazione delle controversie, sarebbe da chiedere ai morti dell’una e dell’altra parte che ne pensano. La situazione reale mi sembra un altra, in guerra si ammette tutto, LA GUERRA SI AUTOLIMITA, SULLA BASE DELLA CONVENIENZA DELLE PARTI.

  6. Visto che l’ucraina usa armi radioattive .. i russi potrebbero utilizzare qualche missile nucleare, visto che gli ucraini sono amanti dalle radiazioni ☢️ dal lontano 26 aprile del 1986giusto per non fargli perdere l’abitudine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM